« Torna alla edizione


SPESSO VENGONO ASSOLTE DAI TRIBUNALI CIVILI LE PERSONE ACCUSATE DI PEDOFILIA, MA NEL FRATTEMPO VENGONO ALLONTANATI I BAMBINI DALLE FAMIGLIE
I giornali nazionali dedicano paginate allo scandalo (soprattutto se si tratta di preti) e solo qualche riga per l'assoluzione
di Lucia Bellaspiga

Tutti assolti nei tre gradi di giudizio per non aver commesso il fatto. È capitato ad esempio lo scorso maggio a Brescia quando sei maestre, un sacerdote e un bidello, accusati nel 2003 di aver abusato ripetutamente di 23 bambini della materna 'Sorelli' (e a lungo incarcerati), sono stati riconosciuti innocenti. I giudici già in primo grado parlavano di 'colonizzazione mentale' dei bambini da parte di adulti che avevano fatto dire ai piccoli ciò che temevano fosse successo (ma successo per fortuna non era). È un fenomeno che accade soprattutto quando i bimbi sono in età prescolare: di fronte a domande che contengono già le risposte, sono portati a raccontare non il vero, ma quello che intuiscono ci si aspetti da loro. Si chiama 'testimonianza a reticolo': esiste una memoria collettiva di un fatto mai avvenuto, che tutti raccontano in maniera identica.
Altra clamorosa assoluzione pochi giorni fa, il 9 giugno, quando la Corte d’appello di Bologna ha mandato liberi con formula piena due coniugi di Finale Emilia, Delfino Covezzi e Maria Lorena Morselli, entrambi condannati in primo grado a 12 anni per abusi sui quattro figli, che ovviamente gli erano stato sottratti. Le accuse riferite dai bambini agli psicologi parlavano di messe nere e orge infernali, violenze di gruppo e addirittura una decapitazione, il tutto sotto la regia di un sacerdote, don Giorgio Govoni, conosciuto dalla sua gente per la santità di vita. In totale 17 le persone accusate, 13 i bambini allontanati dalle famiglie, e don Giorgio Govoni che, dopo essersi difeso con tenacia, alla vigilia della sentenza di primo grado morì di crepacuore nello studio del proprio legale. I giornali nazionali dedicarono paginate allo scandalo, non una riga un mese fa all’assoluzione. La riabilitazione per don Govoni è arrivata postuma, ma anche per i coniugi Covezzi sarà ora molto difficile recuperare una normale vita di famiglia accanto a 4 figli cresciuti lontano. E si potrebbe proseguire con le suore Orsoline di Gandino (Bergamo), condannate in primo grado a 9 anni, assolte con formula piena all’età ormai di 80. O con quel maestro d’asilo torinese, le cui movenze sessuali erano state addirittura mimate da una scolara, salvo poi raccontare dopo l’assoluzione del giovane che in realtà le aveva viste fare «al Grande Fratello». Il vero problema cui si trovano di fronte magistrati e psicologi quando si tratta di ascoltare i bambini è come interrogarli, terreno ancora poco noto e in fase di studio.
È ormai superato il metodo degli anni ’90, che affidava a psicologi e assistenti sociali il compito di 'far parlare' i bambini con domande suggestive, dando credito ad accuse spesso nate proprio da quegli interrogatori (alcuni media lo chiamavano 'metodo Forno' dal nome del pm). Finché nel 2000 l’ennesima odissea di un padre ingiustamente incriminato si tramutò in un 'processo' alla giustizia: «Le indagini sono state condotte su tesi preconcette e i periti hanno dimostrato una superficialità che rasenta lo scandalo», denunciò il pm Tiziana Siciliano, subentrata a Forno, chiedendo l’assoluzione dell’uomo.
Il rischio opposto è di non credere ai bambini quando invece l’abuso esiste davvero: Carta di Noto e Protocollo di Venezia, allora, fanno ordine in un campo tanto delicato, nel quale gli psicologi oggi vengono formati a raccogliere le testimonianze dei piccoli stabilendo se il bambino ha chiara la differenza tra vero e falso, ma lasciando al magistrato il compito di giudicare la verità. Sulla base soltanto dei fatti.

 
Fonte: Avvenire, 10 luglio 2010

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it