« Torna alla edizione


GLI ANIMALI NON POSSONO ANDARE IN PARADISO
Infatti non hanno un'anima spirituale e immortale e non hanno coscienza di esistere; comunque dal paradiso, potremo vederli nella mente di Dio dove esistono tutte le cose create
di Antonio Giuliano

Ma che fine fanno i nostri animali domestici? È una domanda che avrà assalito senz'altro chi ha visto morire il proprio cane o il proprio gatto. Esisterà anche per loro un Paradiso? Hanno o non hanno un'anima? Questioni spinose a cui non si sottrae il teologo domenicano, Angelo Bellon.
BENEDETTO XVI, CHE HA UNA PREDILEZIONE PER I GATTI, HA RIBADITO DI RECENTE CHE PER GLI ANIMALI LA MORTE SIGNIFICA LA FINE DELL'ESISTENZA. EPPURE PAOLO VI PARE ABBIA DETTO: «UN GIORNO RIVEDREMO I NOSTRI ANIMALI NELL'ETERNITÀ DI CRISTO»…
Non ci sarà un'altra vita per gli animali perché non hanno un'anima spirituale e immortale. Essi hanno un'anima (sono detti animali proprio per questo!), ma solo vegetativa e sensitiva. Tuttavia l'affermazione attribuita a Paolo VI ha un significato ben preciso perché nulla esiste se prima non sia stato pensato da Dio. Pertanto l'intera vicenda di ogni singolo animale si trova fissa nella mente di Dio.
SPESSO VIENE CITATA UN'AFFERMAZIONE DI LUIGI LORENZETTI, TEOLOGO CHE SU FAMIGLIA CRISTIANA SCRISSE: «GLI ANIMALI HANNO RICEVUTO UN SOFFIO VITALE DA DIO, E SONO ATTESI ANCH'ESSI DALLA VITA ETERNA».
Ma per i teologi non ci sono dubbi: gli animali non sono attesi da Dio e non hanno coscienza di esistere. Tuttavia esistono nella mente di Dio. E tale esistenza, al dire di San Tommaso, è migliore di quella che hanno in se stessi nel tempo presente. Infatti in questo mondo la loro esistenza è temporanea, mentre nella mente di Dio è eterna.
LEI NEGA UN PARADISO PER GLI ANIMALI. QUINDI SIAMO DESTINATI A NON RIVEDERLI PIÙ?
Chi va in Paradiso vede direttamente nella mente di Dio. E nella mente di Dio si vede tutto ciò che Dio ha creato, tutto ciò che Dio conserva nell'esistenza istante per istante e anche tutto ciò che Dio che avrebbe potuto creare. Per questo in Dio vedremo tutti gli animali che sono esistiti sulla faccia della terra. Li vedremo in tutto il corso della loro esistenza, anche nelle relazioni che hanno avuto con noi. Li vedremo soprattutto in rapporto a Dio e al suo piano salvifico perché anche per mezzo loro si è manifestata la Provvidenza di Dio nei nostri confronti.
PER SOTTOLINEARE L'IMPORTANZA DEGLI ANIMALI C'È CHI SOSTIENE LA SCELTA DEL VEGETARISMO QUALE ESPRESSIONE DEL RISPETTO DI TUTTE LE CREATURE. IN PARTICOLARE CI SI APPELLA AL FATTO CHE IN ORIGINE ALL'UOMO NON ERA PERMESSO MANGIARE ALTRI ESSERI VIVENTI. LA GENESI ALLORA GIUSTIFICA LA SCELTA VEGETARIANA?
Gli animali, in quanto creature di Dio, sono pieni della sua gloria. Dio li ha dati all'uomo perché se ne serva. Dio stesso ha consegnato delle pelli ad Adamo ed Eva come vestito (si suppone di animali!) al posto delle foglie di fico. Ma nell'epoca di pace che regnava prima del peccato originale gli uomini non mangiavano le carni degli animali. Secondo il testo sacro Dio concede questo potere solo dopo il diluvio: "Quanto si muove e ha vita vi servirà di cibo: vi do tutto questo, come già le verdi erbe" (Gn 9,3). Gesù, come ogni ebreo, a Pasqua ha mangiato l'agnello. Di certo ha mangiato pesci, anche dopo la risurrezione. Per questo non è sostenibile alla luce della Sacra Scrittura la teoria vegetariana.
NON RITIENE CHE OGGI CI SIA UN ECCESSO DI "ANIMALISMO", PER CUI CI PREOCCUPIAMO PIÙ DI SALVAGUARDARE I CUCCIOLI CHE I BIMBI NON NATI?
Gli animali sono un bene da custodire e da consegnare ai nostri posteri. Sono diversi i passi delle Scritture che lo sottolineano. Prendiamo il Cantico di Daniele: "Benedite opere tutte del Signore il Signore" dove si invitano tutte le creature ad unirsi con noi nel lodare il Signore: "Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore, lodatelo ed esaltatelo nei secoli" (Dn 3,81). E il rispetto per l'ambiente, animali compresi, è senza dubbio una bella conquista del nostro tempo. Purtroppo questo rispetto talvolta viene a mancare nei confronti dei bambini nella fase della vita nascente, come avviene per l'aborto e per i tanti che in molte parti del mondo vivono in condizioni di miseria e fame. Sotto il profilo etico i bambini sono un valore assoluto e intangibile, mentre gli animali hanno un valore relativo: sono in funzione dell'uomo.
SECONDO IL CATECHISMO «È CONTRARIO ALLA DIGNITÀ UMANA FAR SOFFRIRE INUTILMENTE GLI ANIMALI E DISPORRE INDISCRIMINATAMENTE DELLA LORO VITA. È PURE INDEGNO DELL'UOMO SPENDERE PER GLI ANIMALI SOMME CHE ANDREBBERO DESTINATE, PRIORITARIAMENTE, A SOLLEVARE LA MISERIA DEGLI UOMINI». È GIUSTO QUINDI SOPPRIMERE UN ANIMALE SE CONDANNATO A SOFFRIRE?
Dal momento che la vita di un animale è in funzione di qualcosa d'altro, può essere soppressa. La si sopprime lecitamente quando se ne ha bisogno per nutrirsene, per qualunque altro scopo legittimo e anche evitare il prolungarsi di sofferenze che in un animale sono del tutto prive di valore. Ma ripeto, quando in Paradiso vedremo direttamente la gloria di Dio, continueremo a contemplarla anche nelle sue creature, che rimangono eternamente nella sua mente.

 
Fonte: La Bussola Quotidiana, 03/08/2011

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it