« Torna alla edizione


GOVERNO TECNICO, SOSPENSIONE DELLA DEMOCRAZIA
Il governo viene praticamente imposto senza che sia mai stato votato dal popolo (partiti che hanno perso le elezioni sono al governo, mentre partiti che hanno vinto sono all'opposizione)
di Riccardo Cascioli

Alla fine è andata come noi non volevamo andasse. Invece che puntare subito alle elezioni anticipate anche il Pdl si è piegato al governo "tecnico": incarico a Mario Monti, già oggi forse avremo i nomi dei ministri. Secondo le previsioni già oggi dovremmo vedere i primi effetti benefici della soluzione, con l'affievolirsi degli attacchi speculativi sull'Italia.
Rimane però il fatto che quella in cui siamo entrati è una fase di sospensione della democrazia, perché un governo viene praticamente imposto senza che sia mai stato votato dal popolo. Lo dimostra il fatto che anche le forze politiche in Parlamento più ostili alla soluzione tecnica, alla fine hanno piegato la testa scendendo a più miti consigli.
Ma soprattutto dobbiamo notare che alla base di questa soluzione alla crisi politica ci sono due menzogne enormi che meritano di essere messe in rilievo.
La prima è che un "governo tecnico" sia neutro, funzioni cioè come un idraulico o un elettricista: c'è un guasto, arriva il tecnico e lo aggiusta. In questo caso tra un tecnico e l'altro – a parte l'accuratezza del lavoro e il prezzo – non è che ci siano grandi differenze. Il guasto è quello, la strada per ripararlo è praticamente obbligata. Con il governo Monti ci si è comportati allo stesso modo, tanto è vero che nessuno gli ha chiesto nemmeno il programma, che cosa intenda fare, le forze in parlamento gli hanno dato il via libera prima ancora che proferisse una parola. Ma l'economia non è così: per il lavoro da fare un tecnico non vale l'altro, perché ogni scelta economica dipende da una visione dell'uomo, del lavoro, della società e perfino di Dio. Peraltro finora al ministero dell'Economia – in questo come nei governi passati – si sono sempre seduti dei "tecnici", il che non ci ha impedito di arrivare sull'orlo del baratro. In effetti, non solo le scelte economiche dipendono da qualcosa che viene prima, ma c'è anche il fatto che l'economia non è una scienza esatta. Tanto è vero che nessun economista aveva previsto la crisi che oggi ci troviamo a vivere e basta dare un'occhiata a diversi giornali per capire quante idee diverse tra loro abbiano i cosiddetti "tecnici".
Questo fatto rende ancora più grave la scelta al buio di un governo "tecnico" senza che si dica con chiarezza cosa si vuole fare, fosse anche la realizzazione pedissequa di quanto contenuto nella lettera della Bce.
La seconda menzogna è legata alla prima: è vero che la crisi economica è grave e certamente è sulla politica economica che si richiede la massima concentrazione, ma un economista a capo dell'esecutivo dà l'idea che l'economia sia praticamente l'unica occupazione vera del governo. Ma se Monti dovrà governare due anni,  ammesso che avrà pure successo in economia, cosa intende fare in materia di giustizia, di scuola, di bioetica, di sanità e così via? Il sospetto che con la scusa dei tecnici vengano fatte passare altre misure, in campi diversi dall'economia, che non sarebbero mai potute passare con il governo appena dimesso, è più che lecito. E anche se così non fosse resta un errore di prospettiva identificare l'attività di un governo con la sua politica economica. Per quanto l'economia sia importante essa non può occupare tutto l'orizzonte della nostra vita sociale.
Un ultimo aspetto ci conferma nella preoccupazione per questo passaggio: sabato abbiamo visto anche il volto peggiore dell'Italia, con manifestazioni di odio e violenza che dovrebbero farci vergognare di fronte al mondo ben più del bunga bunga. Purtroppo è un volto che periodicamente si manifesta nella nostra storia: probabilmente i mercati non ne terranno conto, ma di certo indica un atteggiamento davanti alla realtà più teso alla distruzione che alla costruzione.

 
Fonte: La Bussola Quotidiana, 14/11/2011


Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

amicideltimone-staggia.it
FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it