« Torna alla edizione


IL GOVERNO CI RIPENSA E NON ABOLISCE LE FESTE PATRONALI
L'accorpamento delle festività (almeno per il 2013) non ci sarà... ma non c'è nessuna garanzia per il futuro!
di Gianni Santamaria

L'accorpamento delle festività non ci sarà. [...] Sono tre i criteri per i quali il Consiglio dei ministri, riunitosi ieri mattina, ha deciso di «non procedere» sul capitolo che riguarda i tempi di lavoro e riposo degli italiani. [...]
Dunque, almeno per tutto il 2013, non ci sarà lo spostamento alle domeniche successive delle feste del 25 aprile, del 1° maggio, del 2 giugno e l'abolizione delle feste patronali. Ipotesi emersa un anno fa e riproposta nei giorni scorsi, tra proteste diffuse, dal sottosegretario all'Economia, Gianfranco Polillo. Si tratta degli effetti del decreto-legge approvato dal governo Berlusconi nell'agosto 2011 che prevedeva come a decorrere dal 2012 il presidente del Consiglio stabilisse ogni anno le date delle festività «introdotte con legge dello Stato non conseguenti ad accordi con la Santa Sede, nonché le celebrazioni nazionali e le festività dei santi patroni», ad esclusione delle date menzionate. Tutto si sarebbe ridotto, dunque, al lunedì di Pasqua e al 26 dicembre, santo Stefano.
Dunque, ieri il governo ha preso in esame la questione e ha deciso per il nulla di fatto. «Anzitutto perché, secondo le stime della Ragioneria generale, la misura non dà sufficienti garanzie di risparmio», si legge in una nota di Palazzo Chigi. Poi perché a differenza di quanto indicato dal decreto del 2011 «nella parte in cui fa riferimento a "diffuse prassi europee", non esistono in Europa previsioni normative di livello statale che accorpino le celebrazioni nazionali e le festività dei santi patroni». In alcuni Paesi (ad esempio Germania, Austria e Spagna) queste ultime, quelle dei santi, rientrano «nell'autonoma determinazione delle autorità locali che le fanno coincidere col giorno a questi dedicato nel calendario gregoriano». Nei Paesi anglosassoni - ad esempio Irlanda e Scozia - i patroni delle principali città «sono riconosciuti e celebrati, con giornate festive stabilite a livello statale». Infine, terzo criterio, «l'attuazione della misura nei confronti dei lavoratori privati violerebbe il principio di salvaguardia dell'autonomia contrattuale, con il rischio di aumentare la conflittualità tra lavoratori e datori di lavoro».
In conferenza stampa il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, sintetizza: «Non c'è alcuna prova di una maggiore produttività o risparmio di spesa». Tanto più – aggiunge - «che l'industria del turismo avrebbe avuto un sensibile decremento. Quindi per quest'anno non se ne parla. L'anno prossimo si vede». Il premier Monti, seduto a fianco, mostra un settimanale che titola "Il governo dei tecnici vuole togliere le ferie agli italiani?". Cosa che «avete visto che non abbiamo intenzione di fare», commenta. [...]

 
Fonte: Avvenire, 21/07/2012


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it