« Torna alla edizione


DI PIETRO ACCUSA NAPOLITANO DI ESSERE STATO AL CORRENTE DEI FINANZIAMENTI SOVIETICI DEL PCI
Ecco il video in cui Craxi denunciava la situazione... Ma perché Di Pietro non agì allora? Ah già... come poteva colpire quelli che lo manovravano?
di Caelsius Mars

Nell'ultima intervista, rilasciata al settimanale Oggi, l'ex Pm, nel quadro della vicenda delle trattative Stato-mafia, arriva in sostanza a dare del ladro al Presidente della Repubblica per via dei trascorsi di uomo di spicco del Pci. Affermazione estrema, ai limiti del vilipendio, che Di Pietro perciò esterna per via indiretta. Anzi, non esitando a pararsi dietro la figura del l'arcinemico Bettino Craxi, cui finisce per dare ragione, pur di agguantare l'obbiettivo. "Ci sono due Giorgio Napolitano – dice – quello che ci racconta oggi la pubblicistica ufficiale, il limpido garante della Costituzione, e quello che raccontò l'imputato Bettino Craxi in un interrogatorio formale, reso nel 1993, durante una pubblica udienza del processo Enimont, uno dei più importanti di Tangentopoli. Craxi descriveva quel Napolitano, esponente di spicco del Pci nonché presidente della Camera, come uomo molto attento al sistema della Prima Repubblica, specie coltivando i suoi rapporti con Mosca. Io credo che in quell'interrogatorio formale, che io condussi davanti al giudice, Craxi stesse rivelando fatti veri, perché accusò pure se stesso e poi gli altri di finanziamento illecito dei partiti". Sennonché esistono anche due Antonio Di Pietro. Uno,l'integerrimo accusatore delle malefatte pubbliche, che va avanti senza guardare in faccia a nessuno (così, almeno, i suoi fan devono raffigurarselo). L'altro, il politico spregiudicato e un po' straccione che non esita a estrapolare fuori dal contesto le parole di un morto, sulla cui vicenda peraltro ha costruito la carriera, pur di screditare il nemico del momento. Ma quest'ultimo, il Di Pietro Mister Hide, commette uno sbaglio peggiore, accorgendosi vent'anni dopo che il Pci era al centro di un complesso giro di finanziamenti, sui quali la Procura di Milano dell'epoca non ha mai indagato come avrebbe potuto e dovuto. Ma, accecato dal dito ammonitore, Di Pietro non s'avvede della luna che rischiara il passato. L'ex Pm sta infatti confessando, a vent'anni di distanza, che quei fatti citati da Craxi durante il processo Enimont, a lui sembrarono "penalmente rilevanti", ma nonostante questo non ritenne di intervenire. Attenzione: Di Pietro non dice che, ripensandoci dopo, con il senno del poi, s'è fatto un'idea diversa da allora. No,argomenta che i fatti rivelati da Craxi gli parvero veri perché il leader del Psi "accusò pure se stesso". Ciononostante, il Pubblico Accusatore ben si guardò dall'avviare un'azione penale sulla notizia criminis resagli in un'aula dibattimentale, luogo che più sacro non si potrebbe, come la legge avrebbe imposto. Craxi spiegò come funzionava il sistema e per quali motivi nessuno poteva tirarsene fuori. Tra gli esempi, citò quello dell'allora presidente della Camera: "Sarebbe come credere – disse – che Napolitano, ministro degli Esteri del Pci per tanti anni, che aveva i rapporti con tutte le nomenklature dell'Est a partire da quelle dell'Urss, non si fosse mai accorto del grande traffico che avveniva sotto di lui, tra i vari rappresentanti e amministratori del Pci e i Paesi dell'Est. Cosa non credibile!". Cosa ancora più incredibile, il Di Pietro-due non avvertì alcun senso del dovere, alcun imperativo categorico. Col senno di poi Di Pietro ammette adesso che si sarebbe dovuto colpire il Capo del sistema, ma come fare se era il capo di quelli che lo manovravano per far piazza pulita degli avversari del PCI? Una preda ambita, quella di Napolitano, dalla quale dipendeva il suo successo come Pm, ma che dovette lasciar andare. Una verità che torna a galla, dunque. E che, come nemesi, rischia di tirar giù nel gorgo l'ex Terrore di Tangentopoli.

Nota di BastaBugie: vi invitiamo a guardare il seguente filmato, citato da Di Pietro.
http://www.qelsi.it/2012/quando-craxi-accuso-napolitano-di-aver-taciuto-sui-finanziamenti-illegali-del-pci/

 
Fonte: Qelsi, 7 agosto 2012

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it