« Torna alla edizione


IN PREPARAZIONE ALLA MARCIA PER LA VITA A ROMA
Il giorno precedente ci sarà un grande convegno che testimonia la crescente vitalità del mondo pro life italiano
di Francesco Agnoli

L'11 maggio, a Roma, presso l'Ateneo pontificio Regina Apostolorum, si svolgerà un grande convegno, preliminare alla III Marcia nazionale per la vita della mattina successivo. La scelta dell'Ateneo, da parte degli organizzatori, era quasi obbligatoria: il Regina Apostolorum infatti è da sempre all'avanguardia nell'attenzione alle tematiche scientifiche in generale e a quelle bioetiche in particolare.
Da anni infatti si segnala per aver istituito un master in Scienza e Fede presieduto da padre P. Rafael Pascual L.C, in cui si affrontano varie tematiche, "dalla fisica alla filosofia, dall'astronomia alla storia dei rapporti fra scienza e religione; fino ad affrontare argomenti di grande attualità come la questione dello statuto dell'embrione e le biotecnologie". Nell'ambito del master sono anche previste "ogni anno delle gite, visite o escursioni in luoghi d'interesse per le questioni riguardanti il rapporto scienza-fede, come la Specola Vaticana, il Museo di Storia della Scienza di Firenze, il Laboratorio del Gran Sasso, la meridiana a Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, la sede della Pontificia Accademia delle Scienze, ecc.". Merito di questo master è quello di affrontare tutte le tematiche più interessanti, sia dal punto di vista storico, sia dal punto di vista dell'attualità, promuovendo anche la riscoperta di grandi scienziati credenti. Alla fine di quest'anno, infatti, verranno affrontati il padre Cristoforo Clavio, cioè il matematico gesuita che per primo diede credito alle scoperte di Galilei sulle imperfezioni lunari, il beato Niccolò Stenone, padre della geologia, il padre Angelo Secchi, uno dei padri dell'astrofisica, il gesuita Georges Lemaître, primo teorizzatore del Big Bang...
Oltre al master in Scienza e Fede, l'Ateneo si distingue per l'istituzione di un "Diploma di specializzazione in Studi Sindonici" (che affianca una bella mostra permanente sullo stesso argomento), per l'attenzione alle neuroscienze (compresi corsi esitivi di neurobioetica) e per il fatto di ospitare la prima cattedra di bioetica al mondo (2001).
Tra le attività della Facoltà di Bioetica, oltre ovviamente allo studio dei principi dell'etica, della medicina e della biologia, anche l'istituzione in Nigeria di 7 facoltà "tra cui biotecnologie, economia, giurisprudenza e altre, la cui particolarità sarà l'avere 10 esami fondamentali di bioetica specifici dei campi relativi di ogni facoltà".
Il convegno dell'11 maggio, di cui all'inizio dell'articolo, è stato dunque pensato all'interno delle varie iniziative collegate alla marcia per la vita, intesa come un evento che ha un suo cuore, la marcia appunto, e vari corollari: incontri sul territorio; agili opuscoli in cui si affiancano studi scientifici e testimonianze; e, appunto, una intera giornata di approfondimento. I lavori della mattina, presieduti da Filippo Boscia, presidente dei medici cattolici italiani, avranno una fisionomia più scientifica: ginecologi, neonatologi, teologi, psicoterapeuti e psichiatri, come Antonio Oriente, Pino Noia, Carlo Bellieni, Cristina del Poggetto, padre Miranda ecc. affronteranno il tema del "buon medico nei casi eticamente sensibili": infertilità, palli azione fetale, post aborto, prognosi del neonato fortemente pre termine... A conclusione della mattinata è prevista una lectio magistralis del Cardinal Carlo Caffara, che, insieme al cardinal Elio Sgreccia, rappresenta una delle voci più autorevoli nel mondo cattolico in campo morale e bioetico.
Il pomeriggio si aprirà invece con una prolusione di monsignor Giampaolo Crepaldi, già segretario del Pontificio consiglio della giustizia e della pace, oggi arcivescovo di Trieste e presidente dell'Osservatorio internazionale "Cardinale Van Thuán" sulla dottrina sociale della Chiesa. A seguire prenderanno la parola Sabrina Paluzzi (Il feto malformato: l'accoglienza come terapia), fondatrice dell'associazione La quercia millenaria, Enrico Masini (La Comunità papa Giovanni XXIII al servizio della vita nascente), animatore generale del Servizio Maternità difficile della Comunità papa Giovanni XXIII, Massimo Gandolfini (Cos'è l'uomo perché te ne curi? Il contributo delle neuroscienze), neurochirurgo e vice presidente nazionale di Scienza e Vita, e Gianfranco Amato, presidente dei Giuristi per la Vita. A seguire la premiazione di alcune personalità distintesi nella promozione di una cultura della vita e i saluti di alcuni rappresentanti delle delegazioni straniere. Per i giovani, essendo prevista una loro numerosa partecipazione, vi sarà una tavola rotonda sulla vita affettiva e familiare, con Costanza Miriano, Serena Taccari, Roberto Marchesini ed Alessandra Pelagatti.
Un convegno dunque, di grande valore, che testimonia la crescente vitalità del mondo pro life italiano, sempre più stimolato a muoversi, con una visione unitaria, sulle frontiere della cultura, della comunicazione, della scienza, del diritto e della carità.

Nota di BastaBugie: per informazioni sulla Marcia per la Vita e per vedere il video di BastaBugie sulla marcia dell'anno scorso vai alla seguente pagina
http://www.bastabugie.it/it/contenuti.php?pagina=utility&nome=_marciaperlavita2012
Per l'elenco delle località da cui partiranno i pullman per Roma con i recapiti dei relativi responsabili vai alla seguente pagina
http://www.marciaperlavita.it/partenze

 
Fonte: Il Foglio, 11/04/2013

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it