« Torna alla edizione


LA TOSCANA SPENDE 240.000 EURO PER INSEGNARE AI TRANSESSUALI COME CAMBIARE SESSO
La regione che taglia le risorse per le autoambulanze ha istituito un consultorio per transessuali con ben 7 dipendenti
da voxnews.info

Nuova perla dall'amministrazione regionale toscana guidata da Rossi: 240.000 euro per insegnare ai transessuali come cambiare sesso.
La stessa regione che taglia le risorse per le autoambulanze è riuscita a spendere, nell'ultimo anno, la cifra monstre di 240mila euro per l'istituzione di un consultorio per transessuali nella Asl 12 con ben sette dipendenti che in un anno avrebbero "generato" 370 ore di consulenza a 135 trans. La stragrande maggioranza dei quali, immigrati.
Un rapido calcolo: 240.000/370 ed ecco che ogni ora è costata al contribuente toscano circa 650 euro.
Un altro rapido calcolo: 240.000/135 e scopriamo che una singola consulenza è costata quasi 1.800 euro! Quindi, per dire ad ogni trans come cambiare sesso, la Regione Toscana ha speso un piccolo patrimonio, tanto valeva operarli in loco.
Significa che due/tre ore di consulenza da parte dei dipendenti dell'Asl assunti a questo consultorio, sono costate la bellezza di 1.800 euro: circa 650 euro all'ora! Nemmeno un'ora di psicanalisi con mr. Freud costerebbe tanto.
Ma attenzione, sbaglieremmo a derubricare tutto questo a mero autolesionismo e adorazione dell'ennesima minoranza. Certo, questa è una componente essenziale, ma c'è anche la solita dose di clientelismo para-mafioso che contraddistingue la gestione della cosa pubblica in Toscana. Lo stesso clientelismo che abbiamo visto nell'affaire Mps. Perché quando si spendono 1.800 euro a consulenza per due ore e mezza di colloquio con un trans, significa che il 99% di quei soldi sono stati "regalati" agli amici degli amici: in Toscana il sistema del voto clientelare si sostiene in questo modo.

Nota di BastaBugie: Walt Heyer, ex transgender ed autore del libro in cui racconta la sua storia "Paper Genders. Il mito del cambiamento di sesso", afferma: "È giunto il momento di mettere a nudo l'inganno: è pura follia continuare ad avallare una procedura chirurgica, fallimentare e causa di grandi sofferenze, come risposta a un disturbo che è di natura psicologica. Un uomo sottoposto a terapia ormonale e intervento chirurgico non diventerà mai una donna: non è possibile. Non è accettabile che si ignorino deliberatamente fattori che sono frequentemente alla base dei disturbi psicologici responsabili dell'incredibile tasso di suicidi tra i transgender: il 30%. È necessario smettere di credere, e far credere, che la chirurgia possa offrire soluzioni: farlo significa collaborare con la manifestazione di un disturbo delirante e venire meno alla responsabilità di rendere accessibili trattamenti efficaci". Dopo aver vissuto per 8 anni come donna, Heyer ha capito di aver commesso un tremendo errore. Ecco perché ha scritto il libro. Per mettere in guardia altre persone dal ricorso alla chirurgia. Per leggere la sua testimonianza leggi questo articolo
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2738

 
Fonte: voxnews.info, 21/03/2013


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it