« Torna alla edizione


LETTERE ALLA REDAZIONE: HO PRESENTATO A SCUOLA IL TEMA DELL'ABORTO, MA LA PROF. MI HA DATO DELL'IGNORANTE
Spero che più persone possibili aprano gli occhi di fronte alla realtà, invece di continuare a negarla come la mia insegnante
di Cristiano Giombetti

Gentile redazione di BastaBugie,
per quattro mesi ho lavorato ad una presentazione di metodologia sull'aborto, tema scelto da me perché molto interessata a queste tematiche sociali, a fine maggio però quando ho avuto l'occasione di presentarla alla professoressa sono stata criticata in tutto e per tutto, la professoressa mi ha dato dell'ignorante perché tutto quello che avevo scritto secondo lei era falso poiché siamo in un paese civile dove gli aborti vengono eseguiti raramente e tutti con la pillola abortiva e dove le donne che perdono il loro bambino involontariamente superano subito il trauma e quando lo perdono neanche se ne accorgono.
Ha criticato tutto, dalla legge 194 che secondo lei avevo inventato, alla tematica dell'aborto in USA e Inghilterra anche quella inventata secondo lei, per me la presentazione era davvero fatta bene, ci avevo messo il cuore e parlare di come le donne vengono "ingannate" in America per me era molto importante, vi riporto qui alcuni brani tratti dalla mia presentazione che riguardano questo argomento:
<<Sul sito di una delle più importanti cliniche abortiste americane il "Planned Parenthood" si legge "Only you can decide what is best for you. Abortion is a safe and legal way to end pregnancy."("solo tu puoi decidere quello che è giusto per te. L'aborto è un modo sicuro e legale per mettere fine alla gravidanza"). Myra Meyers, capo della Giustizia in Texas, che nel 1973 fu ingannata dai medici e ricorse nella sua ignoranza all'aborto ha fondato ora l'associazione "Operation Outcry" per informare le donne riguardo la vera realtà dell'aborto e convincere la corte suprema a prendere provvedimenti. Il 24 Maggio 2011, Rick Perry, governatore del Texas ha firmato e approvato l'House Bill 15. La legge del Texas prevede che ad ogni donna, che si presenti in ospedale dicendo di non volere il bambino, venga fatta un ecografia in cui venga mostrato e spiegato lo stato di formazione del bambino, venga fatto ascoltare il suo battito cardiaco e venga messa a conoscenza delle modalità e conseguenze dell'aborto e delle altre possibilità. Lo stato del Texas si impegna infatti a tutelare le donne ferite dall'aborto e ad evitare che ce ne siano altre. Il sito web LifeDynamics.com ha raccolto una lista esemplare molto dettagliata, chiamata Blackmun wall (in onore del giudice Blackmun che nel 1973 legalizzò l'aborto negli USA) di 350 donne su 3450 morte a causa dell'aborto indotto. Nel 2004 i ricercatori finlandesi basandosi sulle cause di morte di donne tre i 15 e i 49 anni tra il 1987 e il 2000 e associando i dati registrati al Cause-of-Death Register, al Medical Birth Register, al Register on Induced Abortions e all'Hospital Discharge Register, hanno rilevato che il tasso di mortalità dopo un aborto indotto è di 83.100 donne su 100. 000. Un nuovo studio nel 2012 fatto da ricercatori danesi delle cartelle cliniche di quasi mezzo milione di donne, pubblicato sulla rivista Medical Science Monitor, ha rivelato che le donne che hanno avuto aborti nel primo trimestre avevano un rischio di morte superiore dell'89% entro il primo anno rispetto a donne che non ne avevano avuti, e un rischio superiore dell'80% nell'intero periodo preso in esame (2 anni). Il ricercatore danese Reardon ha così commentato: "questi risultati critici verso l'aborto vengono "soppressi" per motivi ideologici e politici: attivisti statunitensi ed europei, ONG ed ambienti accademici fanno pressioni sui Paesi in via di sviluppo per condurli ad una legalizzazione dell'aborto. Il loro obiettivo, ampiamente documentato, è quello di ridurre i tassi di natalità tra i poveri; tale obiettivo è stato mascherato dalla tesi "politicamente corretta" che afferma che l'aborto sia più sicuro del parto, e che esso rappresenti un elemento positivo per la salute delle donne. Qualsiasi prova che vada a minare le fondamenta di questa tesi, è quindi ostinatamente ignorata e soppressa. >>
Spero che più persone possibili leggano queste righe e aprano gli occhi di fronte alla realtà invece di continuare a negarla come la mia professoressa.
La presentazione intera è visionabile sul sito http://www.slideshare.net/martiamo/mai-nata-linterruzione-di-gravidanza
Vi ringrazio per l'attenzione.
Martina Amodio

Cara Martina,
grazie per questo tuo scritto che - non dubitare - sarà visibile e accessibile a tutti su BastaBugie.
Purtroppo molte persone, per diversi motivi, trattano ancora il tema dell'aborto come fosse una pure teoria, svincolata dalla realtà che li circonda e che li riguarda. Di solito, si dovrebbe comprendere facilmente quando vale la pena discutere di temi come questo e quando invece è molto meglio evitare o troncare il discorso sul nascere, evitando quindi di arrivare a dei vicoli ciechi.
Non ho mai sentito una donna dire: "Aspetto un embrione". Per quanto inaspettato o addirittura indesiderato, diciamo: "Aspetto un figlio". Si chiama figlio. Ovvero la prima parola con cui noi esseri umani veniamo indicati da chi ci ha concepito. Prima ancora del nome proprio. La prima parola. La parola dell'inizio umano. Non si dice "aspetto una cosa", ma "aspetto qualcuno". Non ho mai sentito una donna dire diversamente. Perché l'esperienza, quel che dovrebbe guidare la ragione, indica con chiarezza fin nelle parole di cosa si tratta.
Nell'inizio c'è tutto. In ogni inizio c'è in nuce tutto quel che si svilupperà da quel seme. Avviene così per le piante, per gli uomini. Avviene così anche per i personaggi teatrali o cinematografici. Quando appare Amleto sulla scena o quando compaiono certi attori di memorabili interpretazioni, nella prima battuta o gesto è contenuto tutto lo sviluppo del personaggio. Per questo l'inizio è delicato e importante. C'è in gioco già tutto.
Per questo non tutelare l'inizio non è solo una spaventosa dimenticanza di qualcosa, anzi, di qualcuno che già c'è, che già entra in scena, ma una amputazione di futuro. Nel negare diritto di esistenza all'inizio, si compie una negazione di ogni diritto successivo. Il diritto all'inizio è l'inizio dei diritti. La violenza, come insegna la storia, inizia nelle parole. Nel cambiare il nome alle persone. Le menzogne antropologiche agiscono sul linguaggio, cioè sulla conoscenza. Lo chiamiamo figlio, e in questa parola dolce e tremenda, come primo nido tremante dell'esistere, nascono tutti i diritti. A un figlio – addirittura – siamo disposti a riconoscere più diritti del necessario, di solito. Perché è il futuro, perché è fragile, perché lo amiamo più di noi stessi.
E invece se lo chiamiamo in un altro modo? Il diritto all'inizio è nido, paglia, abbeveratoio, radice e bacio di tutti gli altri diritti. Affermare questa cosa che oggi sembra rivoluzionaria è affermare un principio di realtà. Affermare una esistenza, una entrata in scena che merita attenzione almeno come e quanto i problemi che può portare con sé. Essendo una battaglia per l'inizio di tutti i diritti non è una battaglia contro nessun altro autentico diritto. Anzi diventa la affermazione che li fonda tutti, altrimenti sarebbero affermati – come ora avviene spesso – su un grande vuoto, su una tremenda ombra. Perciò l'affermazione che è uno di noi è linfa vitale per ogni vera passione per tutti i reali diritti.

 
Fonte: Redazione di BastaBugie

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it