« Torna alla edizione


BIENNALE DI VENEZIA: UNA VERA MOSCHEA ALLESTITA DENTRO UNA CHIESA
Esulta la comunità islamica per questo incredibile regalo, eppure per la legge civile è necessario il permesso (mai concesso) dell'autorità ecclesiastica
di Matteo Matzuzzi

Il Gazzettino scriveva qualche giorno fa che «una moschea nella più che millenaria storia di Venezia non si era mai vista». Adesso il tabù è stato sfatato e la moschea c'è. Anche se per pochi mesi (fino al prossimo 22 novembre) e nell'ambito della Biennale. Il problema è che l'edificio islamico è stato allestito in quella che pur sempre è una chiesa cattolica (anche se chiusa al culto): Santa Maria della Misericordia, nel sestiere di Cannaregio.
C'è tutto: il tappeto rivolto verso la Mecca, i pannelli con i versetti del Corano e perfino il Mirhab a occultare il crocifisso, che strideva con la nuova ambientazione. Manca, sulla facciata, la scritta "Allah u akbar". C'era l'intenzione di metterla, ma poi si è preferito soprassedere, anche per le pressioni del Comune. A organizzare il tutto è stato il padiglione islandese della Biennale, che per allestire la chiesa ha chiamato l'artista d'origine svizzera Christoph Büchel. L'obiettivo, stando alle dichiarazioni ufficiali, è quello di lanciare un messaggio contro l'islamofobia. Il ministro dell'Istruzione di Reykjavik, Illugi Gunnarson, ha spiegato che l'idea di infilare una moschea all'interno di una chiesa può stimolare il dialogo, che in Islanda - fa sapere - «è aperto».
Entusiasta s'è detto il presidente della comunità islamica veneziana Mohamed Amin Al Ahdadb, che primo fra tutti ha capito l'importanza dell'avvenimento: «Questo progetto supera l'effetto di cento conferenze sul dialogo tra le culture». Il problema è che il Patriarcato di Venezia non ha mai autorizzato la trasformazione del sito. Che l'edificio sia chiuso al culto da molto tempo (dal 1969), non conta nulla. «L'edificio in questione, chiuso al culto, non appartiene più a realtà ecclesiastiche ma è proprietà di privati dal 1973», si legge come premessa in un comunicato ufficiale. Tuttavia, «per ogni utilizzo diverso dal culto cristiano cattolico», prosegue la Nota, «va richiesta autorizzazione all'autorità ecclesiastica indipendentemente da chi, al momento, ne sia proprietario; tale autorizzazione, per questo specifico sito, non è mai stata richiesta né concessa».
Dalla diocesi si aggiunge anche qualche particolare che rende la vicenda, se possibile, ancor più interessante. Si fa sapere, infatti, che «nello scorso mese di febbraio era stata richiesta al Patriarcato di Venezia la concessione di altri edifici sacri situati in città da mettere a disposizione per questa stessa installazione artistica; tale concessione non fu accordata per le stesse motivazioni che oggi vengono qui confermate».
E a chi come il Comune ha parlato di un via libera relativo unicamente «a una mostra e non a un luogo di culto», si replica che «la singolarità dell'evento proposto comportava maggiore attenzione e richiedeva il coinvolgimento delle comunità religiose interessate e non solo la valutazione dell'intervento artistico e l'eventuale autorizzazione all'uso di uno spazio, a chiunque esso appartenga». Dalla Biennale cercano di gettare acqua sul fuoco e spiegano che «il progetto è stato approvato come installazione artistica, alla condizione che sia realizzato come luogo espositivo visitabile da tutti». Poco cambia, rileva ancora il Patriarcato: «La scelta di usare una chiesa chiusa al culto non risolve questo aspetto, ma lo ignora. L'intervento così attuato ricade su componenti della città che avrebbero dovuto essere maggiormente coinvolte».

Nota di BastaBugie: per l'Islam ogni luogo in cui ha pregato un musulmano, anche solo una volta, diventa un luogo di proprietà musulmana per sempre.
Ecco perché condividiamo pienamente l'editoriale di Riccardo Cascioli "Fate rimuovere subito quella installazione" pubblicato su La nuova Bussola Quotidiana l'11-05-2015:
Che l'arte sia ormai diventata il pretesto per giustificare qualsiasi nefandezza ideologica, non è certo una novità. Ma la vicenda della chiesa di Santa Maria della Misericordia a Venezia, trasformata in moschea come espressione artistica della lotta all'islamofobia, supera qualsiasi limite. Solo un idiota può seriamente pensare che trasformare in moschea una chiesa (seppure chiusa al culto) possa essere considerato un invito al dialogo. È invece un invito alla guerra in un momento in cui di queste provocazioni non c'è proprio bisogno.
Il Patriarcato di Venezia ha finalmente deciso di protestare non solo per un gesto che basterebbe il buon senso a sconsigliare, ma soprattutto per il fatto che esso va contro la legge. La diocesi avrebbe dovuto dare eventualmente l'assenso su richiesta, ma nessuna richiesta è pervenuta; e anche fosse stata inviata, la Curia avrebbe negato il permesso. Così ci dice il Patriarcato. Ergo, quella installazione lì non ci doveva stare.
Bene. Dirlo però non basta. La provocazione non può passare così, qualche giorno di polemica e tutto rimane com'è; troppo forte la carica simbolica per farla andare liscia.
Nessuna violenza, ci mancherebbe: però, visto che è stato commesso un abuso, il Patriarcato ora dovrebbe esigere la rimozione immediata della installazione. Senza se e senza ma. Immediata.
E anche promuovere sit in di preghiera davanti alla chiesa di Santa Maria della Misericordia se la direzione della Biennale continuasse a difendere la presenza di questa provocazione. Magari si potrebbe addirittura copiare lo stile delle Sentinelle in Piedi, "occupando" la chiesa per una veglia silenziosa. E se il Patriarcato non si muove, lo facciano i laici.
Lasciare che l'abuso venga consumato significa mandare un segnale di resa incondizionata che farà solo il gioco dell'ala più radicale dell'islam.

 
Titolo originale: Venezia, una vera moschea allestita dentro una chiesa
Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana, 11/05/2015

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it