« Torna alla edizione


HOLLANDE E I PACIFISTI SI RICREDONO: E GUERRA SIA!
In difesa dei valori... ma quali? Forse quelli dei giovani uccisi al Bataclan che cantavano ''Kiss the Devil'' (Bacia il Diavolo)?
di Tommaso Scandroglio

E guerra sia. Dopo gli attacchi terroristici a Parigi tutti ora invocano una risposta armata in Siria e in ogni luogo dove i terroristi combattono o si addestrano o vengono reclutati. Tutti chiedono che le vesti insanguinate delle vittime parigine vengano rese immacolate nel lavacro purificatore della guerra e tutti si sono messi a cantare la Marsigliese come se fosse una marcia militare.
Ecco che quando ci toccano nel vivo e vengono a casa nostra a compiere stragi diamo pure ragione al Catechismo, e non a quelle parti di esso che invitano a porgere belanti e mansueti l'altra guancia, ma al n. 2308 e seguenti in cui a certe condizioni si legittima la guerra giusta. E guerra sia, allora. Il pacifismo estremo andava bene per la guerra in Iraq e nei Balcani, ma contro l'Isis occorre il pugno di ferro, non certo la mano aperta e inguantata nel velluto. Come mai? Non si può dire, ma il motivo è semplice.
In Iraq e nei Balcani si ammazzavano tra loro, invece in questo caso gli schizzi di sangue ci sono finiti addosso. È sempre la solita storia: se una intera scolaresca finisce morta ammazzata a migliaia di chilometri di distanza da noi, la cosa ci indigna ma alla fin fine concludiamo che la guerra non si vince con la guerra. Ma se uno prova solo a spaccarti lo specchietto dell'auto gli metteresti volentieri le mani al collo. La pace, il perdono e il dialogo vanno bene per gli altri, non per noi.
Noi rappresentiamo sempre un caso diverso, particolare a cui è necessario applicare regole altrettanto speciali. Non entriamo in questioni di politica internazionale che lo scrivente non domina per niente, ma ricordiamo il commento, infelice o felice lo decida il lettore, che ha fatto Baššār al-Asad, presidente della Sira, a poche ore dagli attentati, a cadaveri ancora caldi. Il presidente avrebbe detto che quello che era successo in Francia da loro è quotidianità. Ciò che stava sperimentando Hollande per un solo giorno occorreva moltiplicarlo per cento sul suolo siriano.
E in effetti è con placida indifferenza che ascoltiamo al telegiornale o leggiamo sul nostro quotidiano preferito la notizia che sono morte decine di persone in un mercato di una cittadina di cui non ricordiamo nemmeno il nome e in uno stato africano che di certo non riusciremmo mai a trovare sull'Atlante senza l'aiuto di google maps. Non è cinismo, ma è la realtà dei fatti.
E intanto che ci siamo perdonate la digressione bioeticista: quanti ventri di madre in tutto il mondo sono trasformate quotidianamente in altrettanti teatri Bataclan? La strage di Parigi si ripete moltiplicata centinaia di migliaia di volte nelle cliniche di tutto l'orbe terracqueo con il delitto d'aborto, ma la notizia non guadagna più nemmeno un trafiletto nella cronaca.
In questo caso la cultura occidentale borghese, cosmopolita e progressista - questo, secondo la stampa, dovrebbe essere l'identikit dell'europeo tipo sotto attacco dell'Isis - non lo considera un attentato gravissimo alla civiltà, un atto di terrorismo contro persone inermi, bensì un diritto acquisito, una espressione di democrazia. Non tutti i morti sono uguali per quest'europeo disperatamente sazio della propria libertà. I terroristi sono venuti a spargere morte in una cultura che, come ebbe a ripetere più volte Giovanni Paolo II, è già una cultura di morte.

Nota di BastaBugie: Tommaso Scandroglio nell'articolo dal titolo "Quella barbarie che li unisce alla nostra laicitè", pubblicato da La nuova Bussola Quotidiana il 27-11-2015, propone interessanti riflessioni sul tema della strage di Parigi.
Ecco l'articolo completo:
I terroristi islamisti, uccidendo tutti quei giovani al Bataclan, hanno colpito al cuore i valori della nazione francese, valori di libertà, uguaglianza e fratellanza. Questo slogan è diventato ormai un mantra che tutti dovrebbero ripetere. Scarabocchiamo al riguardo un paio di riflessioni. A parte che - e il giudizio qui espresso non vuole minimamente mancare di rispetto per le vittime - rintracciare quella triade valoriale in un concerto di una band che si chiama Eagles of death metal e che - misterioso ed inquietante presagio - stava cantando al momento dell'attacco Kiss the devil (Bacia il diavolo) ci pare impresa ardua e suggerisce invece l'esistenza di una deriva giovanile verso l'abisso mortifero del nichilismo e della dissoluzione valoriale, ecco a parte questo ci viene da ricordare che il motto "Liberté, Égalité, Fraternité" fu coniato in piena Rivoluzione francese, momento storico che non brilla certamente per irenismo.
Quei valori repubblicani che gli integralisti islamici vestiti di nero odio vogliono annientare furono concepiti e rivendicati dai giacobini che nulla hanno da invidiare agli uomini dell'Isis in quanto a strategia del terrore e abilità nel provocare eccidi. La matrice è la medesima e i padri fondatori dell'odierna Francia avevano lo stesso Dna dei terroristi che hanno sparso sangue l'altro giorno a Parigi. In entrambi casi infatti l'impianto ideologico - con i dovuti e intuibili distinguo - è pressoché lo stesso. Si faccia attenzione: non vogliamo qui sostenere che lo Stato francese è la fotocopia dello Stato dell'Isis e che i principi a cui si ispira la société civile transalpina siano i medesimi dei seguaci del califfo Abu Bakr al-Baghdadi, ma che la genesi di quella che diverrà per antonomasia la Republique trova alcuni addentellati con la struttura di pensiero e di azione del terrorismo islamista.
Ad esempio, in entrambi i casi non c'è riconoscimento del nemico, che non ha alcuna dignità. Ecco perché i terroristi appaiono spietati e freddi: tu nemico sei nulla, solo una cosa. E, ingranando la retromarcia del tempo, era escluso per i rivoluzionari francesi mettersi a dialogare con nobili, borghesi, preti e contadini che non si piegavano al credo illuminista. L'imperativo era solo sopprimerli. Così avviene con l'Isis, che di certo non mira ad aprire tavoli di trattative. In secondo luogo l'uso strumentale e pianificato della violenza indiscriminata e del terrore: strumenti per asservire e controllare intere popolazioni. Un particolare: curiosamente i tagliatori di teste li troviamo sia nelle fila dei rivoluzionari francesi sia nei terroristi islamici, pratica efferata e caratterizzata da una fortissima carica emozionale volta anche ad atterrire lo spettatore. Inoltre violenza e terrore assumono dimensioni assolute per gli utopisti rivoluzionari e per quelli islamici.
L'assolutezza del terrore si declina in due modalità nei fanatismi sia laicisti sia di matrice religiosa. Assolutezza nella violenza utilizzata che non deve conoscere gradualità, ma deve essere espressa al massimo dell'intensità. Il nemico va solo annientato. Al tempo di Robespierre questo significava una ecatombe che in una manciata di anni arrivò al numero di due milioni e mezzo di morti e forse più. L'assolutezza poi riguarda le categorie di persone da includere nell'insieme "nemico": praticamente tutti coloro che non si riconoscono nel pensiero di chi sparge terrore. Tra i giacobini non si andava tanto per il sottile nel cercare di distinguere l'innocente o il colpevole. Se ad esempio eri uomo di chiesa eri già un candidato perfetto per la ghigliottina. Così la sparatoria nel teatro Bataclan o le esplosioni fuori dallo stadio hanno ucciso non bersagli prestabiliti, ma semplicemente persone di cultura occidentale. Il nemico è chiunque.
Altra caratteristica che mette in rapporto di cuginanza gli accoliti di Marat e Danton con quelli di Abu Nabil al-Anbari e di al-Baghdadi è quella della definitività. La Rivoluzione francese doveva essere l'ultimo passo verso la libertà sociale e individuale. Ugualmente lo Stato Islamico è lo stato per eccellenza e dunque è un imperativo morale e non solo religioso spingere per la sua espansione. Indietro non si torna. Infine, c'è l'idea di morte. L'esito di certe ideologie nate nel secolo dei lumi e maturate nel corso della rivoluzione comunista ha portato all'instaurarsi - per usare un'espressione più volte adottata da Giovanni Paolo II - di una cultura di morte. Il pensiero liberal - figlio della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino fabriqué en France, ha ucciso la famiglia con il divorzio, la convivenza, la contraccezione e il gender, la vita nascente con l'aborto, la fecondazione artificiale e la sperimentazione sugli embrioni, la vita terminale con l'eutanasia, la signoria dell'uomo sul creato con l'ambientalismo e l'animalismo, e la presenza di Dio nella società con il laicismo.
Per assurdo che possa sembrare, le azioni dei terroristi volte a disseminare morte e distruzione avvengono all'interno di un contesto culturale già di suo mortifero, già di suo strutturalmente votato alla dissoluzione. Una consonanza sull'esito ferale di certi portati ideologici sia di matrice occidentale che islamista - seppur denotati da dinamiche e scopi differenti - che fa riflettere. E dunque affermare che il terrorismo islamico attenta ai valori repubblicani appare paradossale se pensiamo ai padri fondatori della Republique, fatti della stessa pasta di quegli uomini in nero che il 13 novembre hanno siglato il massacro nella capitale francese.

 
Titolo originale: I pacifisti si ricredono: e guerra sia...
Fonte: Corrispondenza Romana, 25/11/2015


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it