« Torna alla edizione


LA VIA CRUCIS SECONDO COSTANZA MIRIANO
E' in tutte le librerie ciò che l'autrice non pensava di scrivere: Via Crucis, dall'epifania della violenza all'epifania dell'amore
di Costanza Miriano

Volevo dire che è appena uscita in libreria una cosa che non credevo sarei mai stata in grado di scrivere. Lo ammetto, faccio una grande fatica a pregare con la Via Crucis. Ho dei problemi con la sofferenza di Gesù. Cioè, razionalmente la capisco, ma poi guardarla negli occhi non è il mio esercizio spirituale preferito, non è la cosa che amo contemplare di lui. [...]

MA LA VIA CRUCIS È NECESSARIA
Non possiamo capire quanto Gesù ci ha amati senza contemplare quanto abbia sofferto per noi. Non possiamo entrare nel mistero della nostra croce con un cuore mansueto, con la certezza dei risorti, se non facciamo memoria della passione di Gesù.
Insomma, è finita che mi hanno costretta a scrivere delle brevi meditazioni per ciascuna delle stazioni (la mia amica Cristiana Caricato me l'ha proposto in Sala Stampa, e io, che notoriamente non riesco ad articolare la parola no, ho preso l'incauto impegno, tra l'altro distratta come ero dalle discussioni sul Sinodo sulla famiglia; non avevo capito che sarebbe stata destinata alla pubblicazione, pensavo che sarebbe andata in un sito...). Il lato negativo è stato che come al solito mi sono ridotta all'ultimo, e ho fatto qualche notte in bianco. Il lato positivo è che alla fine l'ho dovuta meditare, questa benedetta Via Crucis.

SE QUALCUNO VUOL VENIRE DIETRO A ME
Rileggendola, adesso, direi che è scritta con il desiderio. Non da chi il volto di Cristo lo ha contemplato, ma da chi desidera tantissimo che questo incrocio di sguardi avvenga, e avvenga prima possibile. E da chi intuisce che la via da percorrere, per un mistero che non ci spiegheremo mai del tutto qui su questa terra, è quella del dolore, del male, della sofferenza accolta. "Noi che vogliamo appartenerti accettiamo di crocifiggere noi stessi perché niente è più prezioso del tuo amore per noi, niente riesce a separare il nostro desiderio da te". Mi sembra, rileggendo, che "non separarci" sia l'invocazione più ricorrente. È il desiderio che ci muove. "Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua", è la citazione che ho trovato per la seconda stazione. "Il punto centrale è quel "se". Se qualcuno vuole. Sì, Signore, lo vogliamo, lo vogliamo con tutto il cuore, anche quando arriva la tentazione di decidere da soli cosa ci fa felici, cosa ci salva la vita. Aiutaci ad abbracciare la croce come il più caro dei regali che tu ci possa fare, anche quando proprio non ne capiamo il senso.

L'ESEMPIO DI MARIA
Maria all'angelo non chiese "perché", ma "come" fare". La croce ci chiede di essere pronti fino a uccidere Isacco, come chiosa Cirillo di Alessandria (che sia chiaro: i commenti dei Padri della Chiesa così azzeccati non li ho scelti io, che ovviamente non ne sarei stata in grado). "Ma la risurrezione, quel fatto che duemila anni fa ha cambiato la storia dell'umanità, ha fatto entrare nel mondo la certezza che neanche una goccia del nostro sudore, nessuna lacrima andrà perduta se messa nelle tue mani, Signore". Auguro a tutti quelli che cercano di prendere sul serio il battesimo, a quelli che lo vorrebbero ma non lo sanno, e anche a me stessa, che in questa quaresima il nostro desiderio non si accontenti di un di meno, non si fermi, fino ad arrivare alla Pasqua nella pienezza.

 
Titolo originale: La Via del desiderio
Fonte: Blog di Costanza Miriano, 10/02/2016


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it