« Torna alla edizione


DUE EX SUORE SI ''SPOSERANNO'' IN COMUNE E POI CI SARA' LA FUNZIONE ''RELIGIOSA'' CELEBRATA DA UN EX PRETE
Altre notizie dal mondo gay: per la Cassazione una coppia gay può generare figli; il ministro della difesa sposerà due lesbiche; il pugile Russo espulso dal Grande Fratello per una battuta omofoba e sessista; l'Unione Europea finanzia l'Arcigay
di Cristiano Lugli

Sta dilagando a più non posso, su tutto il web, la sconcertante notizia proveniente da Pinerolo, un piccolo comune in provincia di Torino, in cui domani due suore francescane uscite dal convento si uniranno "civilmente".
Hanno dichiarato di essersi incontrare circa tre anni fà in un viaggio pastorale, e vogliono rimanere nell'anonimato. Delle due sappiamo infatti solo i nomi di battesimo ( Isabel e Federica ) che una è italiana e l'altra proviene dal Sudamerica e che hanno entrambe quarantadue anni. Per arrivare a coronare il loro sogno, hanno deciso di farsi togliere i voti in Vaticano - come che i voti fossero qualcosa da poter rimuovere materialmente a seconda dei propri innaturali impulsi sessuali, invero dalle proprie inclinazioni - e sistemare le pratiche burocratiche.
Le due ex consorelle non si sentono spaventate dalla reazione della Chiesa, quanto piuttosto dai pregiudizi, in particolare la suora italiana, originaria di un piccolo paese del Meridione: "Non solo dovrò dire a mio padre che non sono più suora, ma anche che sono felice di sposarmi con Isabel", ha dichiarato in un'intervista a La Stampa.
La vita delle due francescane è stata sempre proiettata verso il cosiddetto "spirito pastorale", in uscita verso "le periferie esistenziali". Ed ecco i risultati che ne scaturiscono; Isabel e Federica si sono sempre dedicate alle missioni ed alla vicinanza a tossicodipendenti o emarginati. Possiamo facilmente dedurre come l'intento non fosse quello di portare il messaggio evangelico al prossimo, visto le posizioni assunte e le decisioni prese.
La superbia delle due personagge non si limita a farle uscire dal loro convento in modo silenzioso, ma anzi la loro scelta viene fatta rimbombare non risparmiando lezioni di Fede, da due persone che hanno fatto del Vangelo ( se mai ciò fosse possibile ) un qualcosa di soggettivo e personale.
"Dio vuole persone felici, che vivano l'amore alla luce del sole", ha dichiarato al quotidiano torinese Isabel.
La loro speranza è che "la Chiesa possa poter accogliere tutte le persone che si amano".
Nuove pressioni dunque, unite alla caparbietà di chi vuole fecondare il proprio distorto pensiero e la propria menomata visione a tutto il panorama ecclesiastico.
L'unione (in)civile sarà celebrata dal sindaco pentastellato Luca Salvai, in municipio, e l'osceno spettacolo non si limiterà all'applicazione della boriosa "legge" Cirinnà, ma successivamente si terrà anche una blasfema ed invalida funzione "religiosa", da un personaggio che le conosce bene: Franco Barbero, l' ex-presbitero che quest'anno ha scimmiottato ben 19 "matrimoni" omosessuali prima del loro.
"Sarà bello averle qui nella nostra comunità di ascolto e preghiera", ha dichiarato l'uomo a La Stampa.
Come sappiamo Franco Barbero non è propriamente un sacerdote: ha avuto parecchi problemi per le sue posizioni sui matrimoni gay, fino al punto di subire numerosi processi ecclesiastici. Finalmente nel 2003 ha ricevuto da Giovanni Paolo II la sospensione a divinis, che lo ha messo fuori dalla Chiesa Cattolica, dimettendolo dal suo stato clericale.
"Usciamo dal convento, ma non lasciamo la Chiesa e non dimentichiamo la fede". Così hanno concluso le dichiarazioni lasciate ai giornali le due ex francescane, ribadendo ancora una volta lo squallido ed ipocrita intento di voler restare a "servizio della Chiesa".
L'epilogo di questa triste vicenda non è tanto lo specifico fatto in sé, quanto piuttosto le conseguenze che esso genera, particolarmente dal punto di vista mediatico: le lobby-LGBT, purtroppo infiltratesi anche nella Chiesa, trovano da queste situazioni energie vitali su cui costruire, sempre più, i marchingegni che potremmo tranquillamente definire - e nel verso senso della parola - infernali.
Del resto viene così dimostrato che l'effetto Charamsa sta facendo il suo corso, e che probabilmente siamo solo all'inizio dello scoperchiamento del traboccante vaso di Pandora.

Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal gaio mondo gay (sempre meno gaio).

PER LA CASSAZIONE UNA COPPIA GAY PUÒ GENERARE FIGLI
Le motivazioni della sentenza del 21 giugno 2016 in cui la Cassazione apriva alla stepchild adoption per una coppia lesbica sono state depositate lo scorso 30 settembre. In esse possiamo leggere che non esiste alcun "divieto costituzionale" che impedisce alle coppie dello stesso sesso "di accogliere e generare figli".
E dunque, in barba a qualsiasi legge fisica-biologica, la Cassazione è riuscita nell'impossibile: far sì che due uomini o due donne possono "generare" un bambino. Noi e crediamo tutta la comunità scientifica attendiamo dai giudici lumi su questa nuova tecnica procreativa.
(Gender Watch News, 03/10/2016)

IL MINISTRO DELLA DIFESA "SPOSERÀ" DUE LESBICHE
Il Ministro della Difesa Roberta Pinotti unirà civilmente domani due donne a Genova. E' lo stesso Ministro a rivelarlo scrivendo a Polis aperta, associazione LGBT i cui membri fanno parte dell'esercito e delle forze dell'ordine: «Tengo a rendervi partecipi che il prossimo 8 ottobre celebrerò, a Genova, un matrimonio tra due persone dello stesso sesso».
La Difesa è ormai quella dei gay, tanto che una recente circolare del generale dell'Aeronautica Claudio Gabellini, rivolta al Comando delle forze da combattimento dell'Aeronautica, pubblicata dopo l'unione tra un maresciallo e un civile, così recita: «Chi fa outing non può e non deve avere valutazioni e trattamenti diversi dall'ordinario. Sarà considerato illegittimo ogni commento o comportamento teso a denigrare e offendere la reputazione di detto personale »
L'esercito si è schierato a difesa delle rivendicazione del mondo omosessualista e chi difenderà la famiglia?
(Gender Watch News, 07/10/2016)

RICCHIUNCELLO. E IL PUGILE RUSSO È ESPULSO DAL GRANDE FRATELLO
Quest'anno su Canale 5 va in scena il Grande Fratello Vip. All'interno della casa c'è anche il pugile nonchè campione olimpionico Clemente Russo (nella foto) il quale, a motivo dell'epiteto "ricchiuncello" e per il fatto che lascerebbe "stesa" una donna che lo tradisca, è stato espulso dal programma.
Omofobo e misogeno. Troppo per questa TV così politicamente corretta.
(Gender Watch News, 04/10/2016)

LA UE FINANZIA L'ARCIGAY
Riportiamo parte di un comunicato stampa dell'Arcigay: "Il progetto Get Equal Empowerment for LGBT Activism è finanziato dal programma Erasmus+ dell'Unione Europea. Da Lunedì 3 ottobre Arcigay avvierà un processo di formazione ed empowerment dei/lle volontari/e, attraverso 33 trasferte europee, finalizzate a condividere nuovi linguaggi, pratiche e conoscenze con organizzazioni LGBTI di altri paesi europei. Il 3 ottobre, cinque volontari Arcigay avvieranno il progetto partecipando al primo corso di formazione in Austria. Poi, fino a luglio 2017, seguiranno altre trasferte, nei Paesi Bassi, in Danimarca, in Slovacchia e in Portogallo. Le trasferte sono il cuore del progetto Get Equal Empowerment for LGBT Activism, finanziato per circa 51mila euro dal programma Erasmus+, settore educazione degli adulti, dell'Unione europea".
E così l'Unione europea ha finanziato l'Arcigay italiana per formare i suoi volontari e consolidare sinergie con altre organizzazioni europee. Un'altra conferma di come l'UE sia gender orientata.
(Gender Watch News, 30/09/2016)

 
Titolo originale: Il coming-out delle due suore uscite dal convento
Fonte: Osservatorio Gender, 28/09/2016


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it