« Torna alla edizione


I GAY NON SOLO POSSONO ADOTTARE, MA VENGONO PURE PRIVILEGIATI RISPETTO ALLE COPPIE NORMALI
Altre notizie dal mondo gay (sempre meno gaio): su Rai3 l'amore è uguale per tutti, lacci arcobaleno in Premier League, rabbino di Gerusalemme afferma che i gay sono una setta disgustosa
da Gender Watch News

I nomi dei protagonisti non si conoscono, ma i particolari sì. Il tutto accade in Inghilterra. Lui e lei, coppia sposata, hanno in affidamento due bambini. Quando l'affidamento sta per terminare vengono informati che possibili genitori adottivi saranno due persone omosessuali. I due esternano i loro dubbi e difendono la famiglia naturale. Al fine poi di evitare che i due bambini finiscano per essere cresciuti dalla coppia omosessuale chiedono loro di poterli adottare.
Richiesta respinta proprio perché hanno mostrato atteggiamenti omofobi nei confronti della coppia gay. Quindi non solo le coppie gay possono adottare, ma vengono privilegiate rispetto alle coppie etero.

Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal gaio mondo gay (sempre meno gaio).

RAI 3, STATO CIVILE, L'AMORE È UGUALE PER TUTTI
Ieri su Rai 3, in seconda serata, è andata in onda la prima puntata di "Stato civile, l'amore è uguale per tutti", programma in sei puntate sulle Unioni civili. Un racconto fatto con gli occhi di 12 coppie omosessuali per celebrare l' "amore" gay: come è avvenuta la conoscenza dei due, il rapporto con i familiari, i preparativi della cerimonia e il giorno del fatidico "Sì" e molto altro.
Uno degli aspetti che desta più stupore - ma solo tra gli ingenui - sta nel fatto che la Rai abbia dedicato a questo tema - fenomeno culturalmente devastante ma numericamente insignificante - ben sei puntate. Perché per la battaglia ideologica non sono sufficienti le unioni civili, ma ancor più importante è il significato sociale e culturale che queste devono ricevere. E i media in questo caso giocano il ruolo decisivo. In caso contrario è come se nemmeno una Unione civile si fosse celebrata.
(Gender Watch News, 04/11/2016)

LACCI ARCOBALENO IN PREMIER LEAGUE
Dietro richiesta dell'associazione LGBT Stonewall, la Premier League, la Lega Calcio inglese e la Federazione hanno chiesto alle squadre di calcio di usare lacci color arcobaleno per le partite del fine settimana. Manchester United, Liverpool e Arsenal sono i team più gay friendly, così pare.
Si prevedono anche la distribuzione dei lacci fuori dagli stadi, incontri con tifosi Lgbt (ma esisteranno pure gruppi di tifosi LGBT ?!), pubblicità dell'iniziativa a bordo campo e una maga bandiera arcobaleno da esibire prima di ogni incontro. Inoltre un fascio di colori arcobaleno illuminerà lo stadio di Wembly.
Il presidente della Premier League, Richard Scudamore: "La Premier è emozionante, così come il calcio, appassionato e imprevedibile, ed è libero a tutti. Il nostro sostegno alla campagna e la decisione di diventare membri della TeamPride, è un'ulteriore riconoscimento che la comunità LGBT è parte vitale e integrante della nostra comunità".
Il campo di calcio si è trasformato in campo ideologico.
(Gender Watch News, 25/11/2016)

RABBINO DI GERUSALEMME: GAY "SETTA DISGUSTOSA"
Il rabbino capo della città di Gerusalemme Shlomo Amar avrebbe definito le lobby gay come una "setta disgustosa". Per tutta risposta gli attivisti del partitodi sinistra di Meretz hanno issato la bandiera arcobaleno sul rabbinato di Gerusalemme e dipinto con colori arcobaleno l'entrata dello stesso.
"E' giunto il momento di versare un po' di colore di fronte all'oscurantismo del rabbinato, che diffonde solo odio ed incitamento" ha detto Elad Wolf, un attivista del gruppo.
Al di là del giudizio sul merito dell'uscita del rabbino pare che gli eccessi nella manifestazione del proprio pensiero siano permessi solo al fronte gay.
(Gender Watch News, 23/11/2016)

 
Titolo originale: La coppia non può adottare perchè omofoba
Fonte: Gender Watch News, 06/11/2016


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it