I più letti del mese
I PIÙ LETTI DEL MESE
« Torna alla edizione


IL PREFETTO DELLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE DENUNCIA IL TOTALITARISIMO GENDER
Altre notizie dal mondo gay (sempre meno gaio): ok dell'Inps alla pensione di reversibilità per le unioni civili dei gay; Tiziano Ferro ricorrerà all'utero in affitto; lui diventa lei anche senza il bisturi
da Osservatorio Gender

Il cardinale Gerhard Ludwing Müller, prefetto della congregazione per la Dottrina della Fede in un'intervista rilasciata all'agenzia Aciprensa in occasione della presentazione del suo ultimo libro "Benedetto & Francesco. Successori di Pietro al servizio della Chiesa" ha denunciato l'ideologia del gender, dichiarando: "Gli Stati e la società in America Latina, così come in Europa e in Nord America, sono sotto la pressione di un nuovo totalitarismo ideologico che vuole imporre a tutti i paesi, condizionando gli aiuti per lo sviluppo in base alla accettazione dei suoi principi, come con l'ideologia di genere e il libero accesso all'aborto, che è un omicidio che si presenta come un diritto. Sono minacce che indeboliscono i fondamenti degli stati moderni".
Il cardinale tedesco ha distinto le modalità attraverso cui vengono applicate le pressioni per imporre l'ideologia di genere e le sue caratteristiche totalitarie, a seconda dei diversi continenti: "In Europa si è sviluppata meglio la democrazia. In America Latina, invece, il presidente è considerato quasi come un idolo progettato per risolvere tutti i problemi. È necessario fornire una formazione per la società. Sono necessarie persone capaci di prendersi cura del bene comune, non solo dei loro clienti. (…) D'altra parte, anche ad Ovest a volte il clientelismo impedisce il corretto sviluppo della società e il giusto rapporto con lo Stato. E 'importante insistere sul fatto che lo Stato non può essere identificato con la società. Se questo accade, significa che si sta sviluppando un nuovo totalitarismo".
Cambiano i sistemi politici ma non mutano i programmi, ovunque volti a sovvertire l'ordine naturale e cristiano e ad imporre il nuovo diktat etico globale fondato sui "nuovi" e sempre più numerosi "diritti".

Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal gaio mondo gay (sempre meno gaio).

UNIONI CIVILI, VIA LIBERA DELL'INPS ALLA PENSIONE DI REVERSIBILITÀ
Con messaggio Inps 5171/2016 del 21 dicembre l'Inps ricorda, per chi se ne fosse dimenticato, che dal 5 giugno 2016 a motivo della legge 76/2016 anche gli uniti civilmente potranno godere, alla morte del compagno, della pensione indiretta o della pensione di reversibilità o dell'indennità di morte, proprio come accade per i coniugi.
Inoltre l'unito civilmente potrà beneficiare di altre prestazioni previdenziali connesse al reddito quali l'assegno sociale, le maggiorazioni sociali e l'integrazione al trattamento minimo. Altre disposizioni a favore delle persone omosessuali che useranno della legge Cirinnà sono le detrazioni per coniuge a carico del contribuente e dell'assegno al nucleo familiare in favore del partner dell'unione civile, la legittima in caso di successione e in caso di morte del prestatore di lavoro l'indennità dovuta dal datore di lavoro ai sensi dell'articolo 2118 del codice civile.
E quindi i milioni di contribuenti contrari alla legge Cirinnà vedranno i propri soldi essere usati a favore delle coppie gay.
(Gender Watch News, 22/12/2016)

TIZIANO FERRO RICORRERÀ ALL'UTERO IN AFFITTO
Il cantante Tiziano Ferro, che ha fatto coming out nel 2011, ha dichiarato a Vaniy Fair che ricorrerà alla pratica dell'utero in affitto per avere un bambino. E lo vuole da single dato che attualmente non ha compagni. Per questo motivo si è recato negli States.
Il cantante ha dichiarato: «Spero però di trovare una persona con cui condividere questo sogno. Ma se poi incontro qualcuno che figli non ne vuole? (…) Io rispetto le opinioni di tutti, se una persona non desidera figli è libero di fare le sue scelte. Soltanto credo che su certe cose importanti si debba essere d'accordo in una coppia. Vedremo».
E i diritti del bambino non devono essere parimenti rispettati? Quei diritti che esigono di crescere in una famiglia con papà e mamma e non in un ambiente composto da un single omosessuale o da una coppia di due uomini?
E dire che Ferro è diventato quest'anno ambasciatore di Save the Children. Al momento dell'investitura aveva addirittura esclamato: "I bambini prima di tutto!".
(Gender Watch News, 26/12/2016)

LUI DIVENTA LEI, ANCHE SENZA IL BISTURI. BASTA LA LEGGE
L'operazione chirurgica per il mutamento dei tratti somatici e l'adeguamento degli organi genitali non è più una condizione indispensabile per ottenere il cambio di sesso all'anagrafe. La giurisprudenza italiana ormai riconosce al singolo individuo la possibilità realizzare il proprio percorso di transizione anche se questo non prevede l'intervento del bisturi o l'assunzione di ormoni.
La Cassazione, lo ha stabilito nel luglio del 2015, accogliendo il ricorso di Rete Lenford sul caso di un transgender che, dopo essere stato autorizzato all'intervento chirurgico, aveva poi rinunciato all'operazione ma esigeva comunque di cambiare sesso all'anagrafe. Precedentemente sia il tribunale di Piacenza sia la Corte d'Appello di Bologna avevano, avevano respinto la richiesta, subordinando la modificazione degli atti anagrafici all'esecuzione del trattamento chirurgico sui caratteri sessuali primari.
Una sentenza rivoluzionaria visto che fino a quel momento, faceva testo la legge 164 del 1982 che prevede il cambiamento solo "a seguito di intervenute modificazioni dei caratteri sessuali".
Intanto la nuova linea giurisprudenziale è stata confermata, proprio nei giorni scorsi, anche dai tribunali di Padova e Ragusa, dove i giudici hanno ribadito che non serve alcun cambiamento fisico per essere riconosciuti come donna.
Nel capoluogo veneto l'uomo (la cui precedete identità non è stata resa nota) è diventato Maria all'età di 60 anni, anche se in realtà aveva già fatto qualche ritocchino estetico superficiale non ricostruttivo.
Più eclatante il caso siciliano. Qui la richiesta è partita da un ragazzo di 27 anni che presenta un fisico che è ancora integralmente come mamma lo ha fatto, sebbene sia sua intenzione sottoporsi in futuro ad un trattamento medico chirurgico per l'adeguamento dei caratteri sessuali. L'avvocato del ragazzo ha spiegato che recenti pronunciamenti della Corte di Cassazione, della Corte costituzionale e della Corte europea dei diritti dell'uomo "dicono che la psiche prevale sul corpo ed il riconoscimento nell'ordinamento, relativo alla sessualità non deve essere basato su un organo sessuale ma deve soppesare tutte le componenti dell'identità di genere".
Tutta la società, finanche le istituzioni statali, devono dunque assecondare qualsiasi tipo di allucinazione individuale, a prescindere dai dati genetici, biologici e fisiologici che sottendono il singolo caso. Una forzatura delle logica presa a scatola chiusa anche dai media e che è andata in scena lunedì scorso durante il noto programma di Radio 24, 'La Zanzara', diretto da Giuseppe Cruciani che ha intervistato il ragazzo siciliano sotto anonimato.
"Allora tu ti sei sempre sentito una donna?" ha chiesto il conduttore, "No, io sono una donna" ha risposto convinto il giovane uomo, fresco di sentenza che lo legittima a definirsi femmina. La malizia di Cruciani porta poi l'intervista quasi esclusivamente sul tema del sesso, dando vita ad un dialogo degno del teatro dell'assurdo: - "Sei mai stato/a con una donna?" - "No altrimenti sarei una lesbica". - "Quindi sei stato/a con degli uomini" - "Certo". - "Allora questi erano gay?" - "No, niente affatto, perché dovrebbero esserlo? Io sono una donna! D'altra parte quel coso in mezzo alle gambe non lo uso" - "Ah giusto, devi scusarmi".
Insomma, c'è poco da fare, la legge fa costume e cambia la mentalità. Si tratta infatti di un problema di percezione che parte da lontano. Se si escludono i rari casi di ermafroditismo, la prima forzatura è stata fatta proprio con la legge sulla possibilità del cambio anagrafico dopo l'intervento chirurgico.
Come spiega il bioeticista medico Renzo Puccetti nel suo libro LegGender Metropolitane, se si prende un muscolo dall'avambraccio e lo si arrotola interno ad un catetere, poi si sposta il clitoride e si crea uno pseudo fallo, e infine si fa un intervento sulla laringe per abbassare il tono della voce, non si è creato un uomo ma donna virilizzata. La realtà dei fatti ci dice che la chirurgia non trasforma un uomo in una donna, piuttosto virilizza una donna o femminilizza un uomo, ma uomo e donna rimangono.
Eppure la società ha stabilito che bisogna credere alle percezioni individuali, agli stati della mente, e per far star meglio una persona dobbiamo dire tutti una grande bugia, perpetrandola persino sui registri delle anagrafi. Fermo restando che ognuno è libero di sentirsi ciò che vuole, seguendo il ragionamento del mero stato psichico che prevale su ogni altra cosa, per sentirci meglio potremmo riportare sui nostri documenti che siamo alti, biondi e con gli occhi azzurri, giustificando il tutto perché nel nostro intimo ci sentiamo svedesi. Oppure potremmo dichiarare che siamo nati nel 38 d.c. qualora dovessimo improvvisamente provare gli stessi sentimenti di un legionario dell'antica Roma. E poi, sempre per far stare a proprio agio ogni persona, potremmo anche affermare che la ministro Fedeli è laureata.
L'obiettivo, descritto perfettamente nel testo LegGender Metropolitane, è creare un individuo slegato da qualsiasi riscontro antropologico e biologico. Un tossicodipendente di tutto, ma soprattutto della droga interna dell'io.
(Marco Guerra, La Nuova Bussola Quotidiana, 23-12-2016)

 
Titolo originale: Il cardinale Müller denuncia il totalitarisimo gender
Fonte: Osservatorio Gender, 31/12/2016


Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it