« Torna alla edizione


BRUNO CORNACCHIOLA, IL PROTESTANTE CHE VOLEVA UCCIDERE IL PAPA, MA A ROMA...
Sulla Collina delle Tre Fontane gli appare la Vergine Maria che cambia la sua vita per sempre (VIDEO: Bruno Cornacchiola)
di Matteo Carletti

È uscito nel febbraio 2016 ed è stato subito un successo, ristampato dopo neanche quattro settimane dalla pubblicazione. È il libro di Saverio Gaeta, che racconta per la prima volta l'incredibile e controversa apparizione della Beata Vergine a Bruno Cornacchiola in via Laurentina, sulla Collina delle Tre Fontane. Non entrerò nel merito dei segreti affidati dalla Madonna al Veggente, che lascio alla vostra (più o meno devota) curiosità. Quello che trovo particolarmente degno di riflessione è invece la vita di Cornacchiola ed il fatto che la Vergine sembra essersi rivolta a lui per annunciare uno delle più grandi aggressioni alla Chiesa di Cristo di tutti i tempi.

BRUNO CORNACCHIOLA
Bruno nasce e cresce povero, tra violenza domestica, furti e galera. Da giovane, però, si avvicina alle comunità evangeliche (durante la seconda Guerra Mondiale, a Saragozza, incontrò Otto, un soldato tedesco protestante che lo introdusse al luteranesimo). Dei colloqui con Otto Cornacchiola scriveva: "Noi protestanti siamo contrari alle affermazione della Chiesa cattolica, incominciando dalla confessione, che è invenzione dei preti per fare la spia, e poi siamo contro la Messa, l'Eucarestia, l'Immacolata...". Il Cornacchiola si convinse talmente tanto che il male del Cristianesimo s'incarnasse nella Chiesa cattolica romana e nel Pontefice che giorni dopo l'incontro con Otto acquistò un coltello sulla cui lama incise la scritta "A morte il Papa", giurando di ucciderlo se ne avesse avuto la possibilità. Entrato nella chiesa avventista del settimo giorno e nominato, grazie al suo temperamento e alla sua personalità energica, direttore della Gioventù missionaria avventista del Lazio, inizio la sua personale guerra contro la Chiesa cattolica, combattuta ogni giorno fuori dalle chiese lanciando strali contro i dogmi cattolici e incitando i suoi tre figli a sputare contro i preti che incontravano per strada.
Poi avvenne l'inusitato. Furono proprio i suoi figli a vedere la Madonna che appariva in una delle grotte alle Tre Fontane. Essi s'inginocchiarono tutte e tre con le mani giunte ripetendo in estasi: "Bella Signora, Bella Signora...". Il Cornacchiola pensò subito ad uno scherzo e s'infuriò. Ma la cosa che proprio non poteva sopportare è che i loro figli stavano imitando la preghiera cattolica (in ginocchio e a mani giunte), laddove gli avventisti pregano in piedi e senza unire le mani. Anni dopo, il 3 ottobre 1986, il veggente renderà note le parole della Vergine durante la conversazione con alcuni devoti, in cui c'è un riferimento diretto al protestantesimo: "La Vergine Madre [...] mi indicò la via della salvezza [...] che è il mondo con le sue false ideologie. E io lasciai la menzogna: il protestantesimo".

LA PROTESTANTIZZAZIONE DELLA CHIESA CATTOLICA
Che il protestantesimo non sia proprio la verità per i cattolici non è certo una novità. San Pio X nella Pascendi infatti così si esprimeva: "Il protestantesimo o religione riformata [...] è la somma di tutte le eresie che furono prima di esso, che sono state dopo e che potranno nascere ancora a fare strage delle anime". Recentemente anche il Prefetto della Dottrina della Fede, Gerhard Müller, ha ricordato come si debba far attenzione affinché la Chiesa non si abbandoni ad una certa "deriva protestante". Singolare è proprio la scelta da parte della Madre di Dio di un veggente che, nel secolo a più alto rischio di deriva cattolica verso il protestantesimo, ne aveva abbracciato quasi fanaticamente la dottrina.
Come è singolare notare che molti elementi un tempo associati all'eresia luterana, oggi siano entrati di fatto nel culto cattolico. Lo stesso Ratzinger anni fa mise in guardia da tale deriva: "Chi oggi parla di "protestantizzazione" della Chiesa cattolica, - sosteneva - intende in genere con questa espressione un mutamento nella concezione di fondo della Chiesa, un'altra visione del rapporto fra Chiesa e vangelo. Il pericolo di una tale trasformazione sussiste realmente; non è solo uno spauracchio agitato in qualche ambiente integrista". Ma è ancora più singolare come qualche giorno fa il Predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, in occasione della solenne celebrazione per il Venerdì Santo, abbia pronunciato affermazioni che non pochi hanno qualificato come azzardate. Per Cantalamessa "la giustizia di Dio è l'atto mediante il quale Dio rende giusti, a lui graditi, quelli che credono nel Figlio suo. Non è un farsi giustizia, ma un fare giusti. Lutero ha avuto il merito di riportare alla luce questa verità, dopo che per secoli, almeno nella predicazione cristiana, se ne era smarrito il senso. E' di questo soprattutto che la cristianità è debitrice alla Riforma". Eppure la dottrina luterana della Giustificazione è stata già condannata in quanto eterodossa. Per Lutero Dio non distrugge i peccati dell'uomo, ma gli imputerebbe la sua giustizia.

CONTEMPORANEAMENTE GIUSTO E PECCATORE?
Come ricorda don Alfredo Morselli per Lutero "il predestinato si ritrova ad essere simul iustus et peccator, nello stesso tempo giusto e peccatore", mentre la Dottrina cattolica tridentina afferma che "mediante la libera accettazione della grazia, l'uomo da ingiusto diventa giusto, da nemico amico, ed erede secondo la speranza della vita eterna". Prosegue don Morselli: "ogni qual volta chiediamo perdono a Cristo Nostro Salvatore, Egli distrugge radicalmente i nostri peccati, bruciandoli nel fuoco della fornace ardente della carità del suo Cuore". Va detto che padre Cantalamessa non è nuovo a queste posizioni. Nel dicembre scorso, auspicando un riavvicinamento fra cattolici e protestanti, indicò come ostacolo fra le due confessioni la nostra "sconsiderata" devozione alla Vergine. [leggi: PADRE RANIERO CANTALAMESSA DEFINISCE LA DEVOZIONE A MARIA ESAGERATA E SCONSIDERATA, clicca qui, N.d.BB]
Per Cantalamessa la via della riconciliazione passa "per un sincero riconoscimento da parte di noi cattolici del fatto che spesso, specialmente negli ultimi secoli, abbiamo contribuito a rendere Maria inaccettabile ai fratelli protestanti, onorandola in modo talvolta esagerato e sconsiderato e soprattutto non collocando tale devozione dentro un quadro biblico ben chiaro che ne facesse vedere il ruolo subordinato rispetto alla Parola di Dio, allo Spirito Santo e a Gesù stesso". [...]

Nota di BastaBugie: nel seguente video viene riassunta la vicenda delle apparizioni a Bruno Cornacchiola in due minuti e mezzo


https://www.youtube.com/watch?v=YumETIy6ckM

 
Titolo originale: Bruno Cornacchiola, il veggente protestante protestato da Maria
Fonte: Libertà e Persona, 12/04/2017


Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it