« Torna alla edizione


AL VERTICE NATO DI BRUXELLES COSA CI FA UN UOMO NELLA FOTO DI GRUPPO DELLE FIRST LADY?
Altre notizie: a seno nudo durante l'Angelus a San Pietro = assolte, Scialpi e il Gay pride, unioni gay flop come previsto
di Rodolfo de Mattei

Sta facendo il giro del mondo la foto di gruppo delle «first lady» al Vertice Nato di Bruxelles dove assieme a 9 donne spicca un uomo in giacca e cravatta, apparentemente un "intruso", circondato dalle compagne e mogli di presidenti e premier internazionali.
Chi è il guascone in posa tra Brigitte Trogneux, moglie di Emmanuel Macron, Melania Trump [leggi: LA STAMPA NASCONDE LE FOTO DI MELANIA IN PREGHIERA, clicca qui, N.d.BB], Emine Gülbaran, moglie del presidente turco Erdogan, la regina Mathilde del Belgio, Ingrid Schulerus, compagna del segretario generale della Nato Stoltenberg, Desislava Radeva, compagna del presidente bulgaro, Amelie Derbaudrenghien, compagna del premier belga, Mojca stropnik, partner del primo ministro sloveno e Thora Margret, first lady d'Islanda?

QUADRETTO SOCIO-CULTURALE
La risposta è sconfortante e rappresenta, ancora una volta, emblematicamente il concreto e surreale mutamento socio-culturale in atto nella nostra società.
Il decimo componente, "beato tra le donne", ha infatti, secondo il diktat etico globale, tutti i "titoli" per mettersi in posa assieme alle altre première dame poiché è Gauthier Destenay, marito di Xavier Bettel, premier del Lussemburgo e in quanto tale "first lady" alla pari di tutte le altre.
Il protocollo "politicamente corretto" prevede dunque di includere anche lui nelle foto di gruppo delle "first lady" nonostante l'evidente macroscopico controsenso derivante dall'appartenenza all'altro sesso. C'è da scommetterci che d'ora in avanti vedremo lentamente sparire dal linguaggio giornalistico il termine "first lady" in nome di un più inclusivo e rispettoso "first partner".

IL CAVALLO DI CALIGOLA & DESTENAY
Tale patetica vicenda ricorda l'episodio di Caligola che fece senatore il proprio cavallo rispettando alla lettera tutte le disposizioni giuridiche necessarie alla sua, formalmente valida, elezione.
Una visione capovolta per la quale è il diritto positivo, inteso come legge posta dall'uomo, a costruire a proprio piacimento la realtà e, non viceversa, quest'ultima a ispirare e determinare le norme stabilite dal legislatore.
Così come il cavallo di Caligola, seppur fosse stato il miglior ronzino in circolazione non poteva in alcun modo ambire allo status di senatore in quanto, non essendo un essere umano, era privo ontologicamente dei requisiti necessari, allo stesso modo, Gauthier Destenay immortalato in posa tra le donne come "first lady" è, nella realtà, sprovvisto per natura delle prerogative essenziali per essere considerato una "prima donna".
In questo senso la foto del Vertice Nato di Bruxelles è un pugno in un occhio alle realtà e al buon senso.

Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal gaio mondo gay (sempre meno gaio).

A SENO NUDO A SAN PIETRO DURANTE L'ANGELUS = ASSOLTE
Il 13 gennaio del 2013 quattro attiviste ucraine del gruppo Femen si erano spogliate in piazza San Pietro durante l'Angelus del Papa rimanendo a seno nudo. Sulla schiena avevano scritto "In Gay We Trust". Accusate di turbamento delle funzioni religiose, resistenza a pubblico ufficiale e atti osceni in luogo pubblico ovviamente sono state assolte.
Quale magistrato ormai è disposto a tutelare il sentimento religioso di milioni di cristiani e il decoro rischiando di mettersi contro tutta la comunità gay?
(Gender Watch News, 12/05/2017)

SCIALPI E IL GAY PRIDE: COMBATTIAMO SENZA CULI AL VENTO
Il cantante Giovanni Scialpi, omosessuale dichiarato, ha "sposato" il suo compagno nel 2015. Scialpi attacca il format del Gay Pride: "Credo che il #gaypride stia diventando obsoleto se vogliamo andare avanti dobbiamo sentirci uguali senza orgogli inutili siamo gente normale". Ed ha aggiunto che occorre "combattere i nostri diritti senza culi al vento ma seri nelle sedi opportune".
Chi è contrario all'omosessualità potrebbe plaudire alle parole di Scialpi, ma sbaglierebbe. Infatti il commento del cantante va nella direzione di rafforzare l'offensiva gay. In buona sostanza Scialpi sta dicendo che il Gay pride dipinge le persone omosessuali come macchiette, relegando il fenomeno ad esibizionismo pornografico. Il che è assolutamente vero. Ma questo, sottolinea Scialpi, squalifica la lotta gay, la rende ridicola. Se i gay vogliono essere considerati normali, si devono normalizzare anche nelle manifestazioni del loro pensiero. Se la battaglia per le rivendicazioni gay è cosa seria occorre comportarsi di conseguenza, cioè in modo serio.
(Gender Watch News, 24/04/2017)

UNIONI GAY FLOP: TUTTO COME PREVISTO
"In otto mesi 2.802 unioni civili [...]. Non c'è che dire: decisamente un flop". A dirlo non è il sito del Comitato Difendiamo i nostri figli né quello delle Sentinelle in piedi bensì Repubblica, giornale non certo sospetto di partigianeria filo-cattolica. 2.800 unioni civili a pochi giorni dal primo compleanno della Cirinnà, legge varata il 20 maggio del 2016. Secondo i dati ufficiali del Coni per l'anno 2105 gli atleti che praticano il canottaggio a sedile fisso sono 3.082. Gli uniti civilmente superano di sole 100 unità gli atleti del twirling. Fate un po' voi. Eppure ogni unione civile anche nel più sperduto paesino della bassa si merita un articolo di giornale. Forse perché è proprio fenomeno raro.
A metà gennaio avevamo già commentato il flop di questa legge. Oggi come allora ribadiamo che anche se le persone omosessuali sono percentualmente poche rispetto a quelle eterosessuali, 2.800 unioni civili sono un magro bottino per le falangi delle milizie gay, tenuto conto che le persone omosessuali dovrebbero essere circa un milione. Sempre pochine anche considerando che non tutti gli omosessuali vogliono sposarsi.
E così dopo un anno abbiamo solo otto unioni in Calabria, sei in Valle D'Aosta, due in Basilicata, una in Molise. La città che guida la classifica è Milano con 354 unioni. Numeri che fanno quasi tenerezza nelle loro esiguità. Come avevamo già fatto notare in più occasioni l'impennata di unioni civili o "nozze" gay negli altri paesi del mondo avviene nei primi mesi sia per l'effetto incentivante massmediatico che per mesi ha puntato i riflettori su questo fenomeno. In breve: tutti ne parlano, perché non ci uniamo anche noi? Finito il clamore muore anche l'interesse per la novità. Sia per un effetto accumulo: tutti coloro che da anni aspettavano di "sposarsi" lo fanno contemporaneamente appena ne hanno la possibilità.
Finalmente anche Repubblica lo ammette: "Il flusso delle unioni fino a dicembre - 2.433 - dimostra che chi voleva ufficializzare la sua unione, che magari andava avanti da anni, lo ha fatto subito. Poi il numero cala repentinamente". Quindi da agosto a dicembre la crescita, poi le unioni civili precipitano in caduta libera: da dicembre ad oggi solo 400 unioni. Il trend fa prevedere che il treno del para-matrimonio gay rallenterà sempre più la sua già debole corsa per arrestarsi a breve.
A gennaio l'on. Cirinnà proprio a Repubblica se la prese con il clima dicendo che appena fosse arrivata la primavera le unioni civili sarebbero sbocciate come margherite al sol di aprile, perché in genere ci si sposa in primavera. Insomma niente panico, solo un malanno di stagione passeggero. A parte che ormai ci si sposa tutto l'anno dato che i matrimoni civili, quasi al sorpasso di quelli religiosi, non devono rispettare il calendario liturgico, c'è da constatare che siamo a maggio inoltrato e nulla è cambiato.
Eppure furono migliaia i giovani gay che con i colori di guerra arcobaleno dipinti sulla faccia e i corpi nudi scesero nelle piazze italiane per rivendicare il "diritto a sposarsi". Dove sono finiti? Sempre l'on. Cirinnà spiegò che buona parte delle unioni civili è stata contratta da persone che avevano urgenza e da persone anziane. In buona sostanza le unioni civili sono un piatto ghiotto per chi vuole avere alcuni benefit economici e fiscali (pensioni, accesso all'edilizia popolare, etc.). Altro che amore, è solo questione di soldi. Invece i giovani "innamorati" gay non ci pensano proprio ad unirsi civilmente così come avviene nelle altre parti del mondo. Questo perché la persona omosessuale vive la propria relazione soprattutto sul piano erotico e quindi è portato alla promiscuità. Non fanno per lui legami duraturi e soprattutto formalizzati. Sono gabbie al piacere e alla libertà sessuale tanto sbandierate nei gay pride.
Tutte cose ben note alla Cirinnà. Allora perché tanto accanimento nel promuovere le unioni civili? E' sempre la stessa onorevole ad ammetterlo, facendo cenno alle lettere che riceve, con quel candore che è tipico di chi è cosciente di vivere in una botte di ferro immune dagli attacchi dei media, tutti dalla sua parte: "Molti [giovani] scrivono che l'importante era conquistare un diritto". Parole che fanno eco a quelle Franco Grillini, presidente onorario dell'Arcigay, il quale nel libro intervista "Gay. Molti modi per dire ti amo", curato da Sabelli Fioretti, dichiarò: "L'esistenza di una legge che consenta alle persone omosessuali di accedere all'istituto del matrimonio o agli istituti equivalenti non implica l'obbligo di usarla. Basta che ci sia. Se poi uno vuole la usa, se non vuole non la usa. L'esistenza di un diritto non obbliga di avvalersi di questo diritto".
La legge sulle unioni civili prima di sancire il diritto alle "nozze" gay ha sancito che l'omosessualità è un bene giuridico. L'intento primario era ufficializzare la condizione omosessuale, riconoscerla come socialmente normale e naturale anche per bocca dello Stato. In questo senso - come ha ammesso in modo adamantino lo stesso Grillini - poco importa che nessuno si avvalga di questo diritto, l'importante è l'esistenza stessa di questo istituto perché rappresenta il vessillo giuridico-politico a presidio dell'omosessualità, la certificazione formale istituzionale della bontà di essere omosessuali.
(Tommaso Scandroglio, La Nuova Bussola Quotidiana, 08-05-2017)

 
Titolo originale: La foto di gruppo delle first lady, il cavallo di Caligola e Destenay
Fonte: Osservatorio Gender, 27/05/2017

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it