« Torna agli articoli di Benedetta Frigerio


L'EUTANASIA E' LEGGE: TU DA CHE PARTE STAI?
La nuova legge obbliga medici e infermieri italiani a praticare l'eutanasia, con tanti saluti al giuramento di Ippocrate che la vietava (raccontiamo la testimonianza eroica di un'infermiera, due mamme e alcune suore)
di Benedetta Frigerio

Per fare quello che ha fatto Mary Jean Martin bisogna avere fede, una fede che va oltre il buon senso, oltre la nostra capacità di comprendere come possa accadere che "chi perde la vita per causa mia la troverà" e quindi la darà, la genererà. Perché quello subìto, ma accettato senza abiurare, da Mary Jean Martin è il nuovo martirio bianco occidentale.
Mary Jean è un infermiera canadese, che ha lavorato per 37 anni al cospetto dei malati, per portare loro speranza attraverso cure competenti e amorevoli. Oggi, però, Mary Jean non lavora più, avendo preferito il licenziamento al tradimento della propria professione, della propria coscienza e soprattutto della fede in Dio padre.
L'infermiera aveva dichiarato lo scorso giugno che come dipendente della Rete Sanitaria Locale (Lhin), entità governativa, era stata informata del fatto che a tutti gli operatori sanitari sarebbe stato chiesto di firmare un documento in cui prestare fedeltà alle leggi canadesi, compresa quella sull'eutanasia e il suicidio assistito. Una norma che, esattamente come il testo approvato dal parlamento italiano sulle Dat, non prevede l'obiezione di coscienza (due mesi prima dell'episodio il governo dell'Ontario di Kathleen Wynne aveva deciso che i medici e gli infermieri dovevano, se richiesto dal malato, partecipare obbligatoriamente ad atti eutanasici.
Perciò, quando Mary Jean aveva risposto al superiore che era diventata infermiera per aiutare "i vulnerabili e i sofferenti" e non per ucciderli, la risposta era stata: "Tutti i dipendenti sono tenuti a promettere fedeltà...la mancata firma viene recepita automaticamente come una dimissione dal proprio lavoro". Coraggiosamente la donna aveva deciso di spiegare al capo il perché del suo rifiuto, testimoniandogli la libertà che viene dalla fede così: "Dio non ha creato delle regole per essere duro con noi. Ma ci ha dato i comandamenti per il nostro bene, in modo da vivere come sua famiglia qui sulla terra ". Mary Jean ha poi scritto al primo ministro e al parlamento che l'essere costretti a scegliere tra la propria coscienza e il lavoro è una "violazione dei miei diritti umani", inaccettabile in una società che si professa tollerante e libera.
C'è da chiedersi quanti, in una situazione analoga, avrebbero ragionato, esattamente in nome della propria appartenenza a Dio, giustificandosi così: "È meglio accettare di compromettersi, rimanendo nel mondo, piuttosto che scomparire del tutto. Peccato che il cristianesimo scompaia, essendo negato, proprio quando si accetta di mettere l'imperatore davanti a Cristo.
Pensando a questa vicenda vengono in mente le suore di Madre Tersa che non sono state disposte al dialogo né al compromesso con il governo indiano, deciso a dare in adozione bambini anche al di fuori del matrimonio. Per cui, nel 2015, chiusero 18 servizi di adozione attivi presso i loro orfanotrofi, perché "le nuove linee guida sono in conflitto con la nostra coscienza...siamo preoccupate per i bambini e per il loro futuro. Che succede se una persona single a cui diamo un nostro bambino risulta essere gay o lesbica? Che sicurezza e che tipo di educazione morale avranno questi bambini? Le nostre regole permettono solo alle coppie sposate di adottare... è una regola umana. I bambini hanno bisogno di entrambi i genitori, maschio e femmina". Le suore non hanno scelto il cosiddetto "male minore" ma di difendere da un'eventualità come quella descritta anche solo uno delle centinaia di bambini che grazie a loro venivano adottati, ragionando esattamente come ragionava Gesù. Confidando "che Dio si prenderà cura di tutti i bambini che hanno bisogno di amore da parte dei genitori"
Come Mary Jean le suore di Madre Tersa, hanno deciso di obbedire a Dio solo, confidando in Lui, così come i primi martiri. Come Perpetua e Felicita, a cui fu chiesto solo di spargere un po' di cenere sulla statua dell'imperatore, nemmeno di uccidere. Una delle due aveva un figlio piccolo e l'altra era incinta, eppure non hanno pensato di essere indispensabili. Hanno preferito morire e lasciare in eredità ai loro figli la fede in Dio creatore e la verità sulla vita eterna e sulla giustizia si compirà in Cielo.
Fu questa fede a generare negli anni a venire ai primi secoli un popolo di cristiani impavidi, capaci di infiammare il mondo, liberandolo dalla schiavitù del potere mondano e conducendolo a Gesù Cristo. Questo li rese indispensabili, non il loro fare, non il loro calcolo, non il buon senso. Ma, appunto, la sola fiducia nelle parole di Gesù, per cui, come spiegò Tertulliano, "noi diventiamo più numerosi tutte le volte che siamo falciati da voi: il sangue (dei martiri) è seme dei cristiani".

Nota di BastaBugie: Tommaso Scandroglio nell'articolo sottostante dal titolo "Dopo il giovedì nero la chiamata al coraggio" spiega che la legge sull'eutanasia non prevede l'obiezione di coscienza. Ma la legge morale invece sì. Anzi impone disobbedire a comandi ingiusti. Ora per i medici c'è una chiamata alle armi, ossia una chiamata al coraggio. O di qui o di là.
Ecco dunque l'articolo completo pubblicato su La Nuova Bussola Quotidiana il 17 dicembre 2017:
Sull'Italia il 14 dicembre scorso si è abbattuto un uragano di classe 5. Stiamo ovviamente parlando della legge sull'eutanasia. Eppure per molti in casa cattolica è sembrato solo un venticello primaverile e per altrettanti addirittura un brezza piacevole che ha portato refrigerio nelle corsie d'ospedale dove regnano medici tiranni e pazienti ammanettati al dolore senza scampo.
Chi ha capito che invece siamo di fronte ad una legge di eccezionale gravità pari forse solo alla legge sull'aborto sono stati in pochi. Tra questi Don Carime Arice, superiore generale del Cottolengo, che ha detto chiaro e tondo che questa è una legge intrinsecamente ingiusta e che tutti i medici del Cottolengo si guarderanno bene dall'applicarla. Queste le sue parole: "Noi non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell'obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assistito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo. Di fronte ad una richiesta di morte la nostra struttura non può rispondere positivamente. Attualmente l'obiezione di coscienza non è prevista per le istituzioni sanitarie private, però io penso che in coscienza non possiamo rispondere positivamente ad una richiesta di morte: quindi ci asterremmo con tutte le conseguenze del caso".
La legge approvata giovedì - il giovedì più nero che abbia visto l'Italia da molti anni a questa parte - non prevede la facoltà di appellarsi all'obiezione di coscienza. Ma la legge morale invece sì. Anzi impone di obiettare, ossia di disobbedire a comandi ingiusti. Tommaso D'Aquino nella Somma Teologica è esplicito sul punto: "Se quindi la legge scritta contenesse qualche cosa di contrario al diritto naturale, sarebbe ingiusta e non avrebbe la forza di obbligare" (II-II, q. 60, a. 5, ad 1); "le leggi possono essere ingiuste, perché contrarie al bene divino. [...] E tali leggi in nessun modo si possono osservare" (I-II, q. 96, a. 4 c.). Sulla stessa frequenza d'onda si muove Giovanni Paolo II nell'Evangelium vitae: "L'aborto e l'eutanasia sono dunque crimini che nessuna legge umana può pretendere di legittimare. Leggi di questo tipo non solo non creano nessun obbligo per la coscienza, ma sollevano piuttosto un grave e preciso obbligo di opporsi ad esse mediante obiezione di coscienza" (73).
Quando in ballo ci sono atti intrinsecamente malvagi come l'omicidio, la persona non può che evitare di compierli, costi quel che costi. Vengono chiamati mala in se, atti che obbligano sempre all'omissione, che non devono mai essere compiuti né per un fine buono, né in alcuna circostanza. E così un medico non potrà giustificarsi dicendo: "Uccido questo paziente altrimenti perdo il posto di lavoro e ho moglie e figli da mantenere oppure perché è il paziente stesso che mi chiede di farlo". L'unica strada percorribile è l'obiezione di coscienza che, lo ripetiamo, sebbene non sia prevista dalla legge civile è richiamata come dovere etico dalla legge morale naturale. E se il medico finirà dietro le sbarre? Anche a costo di finire in galera il medico, il personale infermieristico, i paramedici e i dirigenti degli ospedali non potranno piegarsi a richieste eutanasiche. Mai compiere il male, anche a prezzo di gravi danni personali come la perdita della libertà, del lavoro, il rischio di finire per strada, l'ostracismo professionale, i dissidi in famiglia. Così Giovanni Paolo II sempre nell'Evangelium vitae: "È proprio dall'obbedienza a Dio - al quale solo si deve quel timore che è riconoscimento della sua assoluta sovranità - che nascono la forza e il coraggio di resistere alle leggi ingiuste degli uomini. È la forza e il coraggio di chi è disposto anche ad andare in prigione o ad essere ucciso di spada, nella certezza che «in questo sta la costanza e la fede dei santi» (Ap 13, 10)" (73).
Si chiama martirio? Certo. Non è più il momento dei sottili distinguo sul bene e sul male, dei giochi di equilibrismo condotti sul crinale tra il lecito e l'illecito, del discernimento dei casi particolari, delle condotte buone ma inopportune o malvagie però assai inopportune, delle scriminanti della coscienza perplessa, dei dilemmi se sia meglio assecondare per poter dialogare o dialogare per essere assecondati. E' finito tutto questo. Ora per i medici c'è una chiamata alle armi, ossia una chiamata al coraggio. O di qui o di là. Scegli con chi schierarti, non puoi più stare in mezzo al guado, essere furbescamente neutro, pavidamente moderato. Non c'è più spazio per l'et-et, ma solo per l'aut-aut.
E siamo arrivati a questo punto proprio perché la politica - non la fede - di molti sedicenti cattolici è stata quella dell'accorta mediazione, del male minore, del conformismo morale, del torbido tiepidume etico, della lotta al caldo d'estate e alle slot machine in città, della prudente schermaglia di retroguardia condotta sulla minutaglia di questioni bagatellari, della delazione di chi rimane fedele alla Chiesa, del guardare con occhi strabici per troppa ipocrisia a ciò che ci unisce e non a ciò che ci divide, del temperare le asperità degli assoluti morali, della svendita della sana dottrina, dell'imboscamento per non perdere consenso, del tradimento dei principi non negoziabili, della prostituzione delle coscienze, del peloso intruppamento senza se e senza ma con i malavitosi dottrinali.
Avete fatto avanzare il nemico fin dentro le mura delle vostre case, lo avete fatto dormire nei vostri letti (vedi legge sul divorzio, sulla fecondazione artificiale e sulle unioni civili), giocare con i vostri figli (vedi leggi sull'aborto e sull'educazione gender nelle scuole), pensando così di ammansire la belva e che sarebbe stato a voi garantito uno spazietto sicuro, libero, tutto per voi. Ma vi sbagliavate di grosso. Ora siete all'angolo. Ora non potete che sparare al paziente togliendogli acqua e cibo oppure no. Difficile avere coraggio adesso se per tutta la vita l'unico allenamento della vostra anima è stato il compromesso. Ora siete rimasti tragicamente soli con la vostra fragilissima coscienza.

 
Titolo originale: Eutanasia obbligatoria: come risponde un cristiano
Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana, 16/12/2017


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it