« Torna alla edizione


QUELLO CHE NON CI HANNO DETTO SUL LANCIO DI UOVA CONTRO L'ATLETA NERA
Ecco un elenco di episodi di violenza compiuti da stranieri contro italiani accaduti in questi due giorni e totalmente ignorati dai media
di Riccardo Cascioli

(LETTURA AUTOMATICA)

Potremmo anche cavarcela con una risata, in fondo era solo una questione di tempo. Il tempo di trovare i tre deficienti responsabili del lancio notturno di uova a Moncalieri - che hanno colpito, tra le altre, l'atleta azzurra di lancio del disco Daisy Osakue - e avere conferma di quanto era già chiaro fin dal principio: il razzismo non c'entra nulla, era «una goliardata». A rendere ancora più ridicolo il circo di giornalisti e politici impegnati a lanciare l'emergenza razzismo ignorando la realtà, sta la scoperta che uno dei tre deficienti è figlio di un consigliere comunale del Pd. Peggio di così... neanche un cugino alla lontana di uno che una volta aveva messo un like alla pagina Facebook di Salvini a cui potersi appigliare. Niente: Sky, Repubblica, Rai, Avvenire, Mentana, Boldrini, Renzi e tanti altri ancora sprofondano nel ridicolo senza neanche la possibilità di un salvagente.

INVECE C'È POCO DA RIDERE
Potrebbe bastare così, una risata e via a occuparci di cose più serie. Il problema è che a pensarci anche questa è una cosa dannatamente seria. Perché tutti dovrebbero aver paura di un sistema mediatico e politico capace di scatenare una guerra contro uomini e istituzioni distorcendo e pompando una notizia di cronaca che si possa prestare allo scopo. Fin dal primo momento la pista del razzismo era improbabile, sono bastate poche ore per scoprire che diverse erano già state le vittime dei lanciatori di uova, tutte dalla pelle bianca. Eppure a fianco della pura cronaca abbiamo ascoltato e letto servizi che grondavano indignazione, rabbia e odio soprattutto contro il ministro dell'Interno Salvini e contro tutti quelli che chiedono di fermare la tratta degli schiavi nel Mediterraneo.
Nel nome di Daisy abbiamo letto pagine terribili nei confronti soprattutto di Salvini, ritenuto il mandante morale degli aggressori di Daisy e di tutti i presunti atti di razzismo in Italia. È stata offerta un'immagine del nostro Paese tanto inquietante quanto falsa, un'Italia percorsa da nord a sud da bande di razzisti, alimentate dal governo, intente a pestare, punire, torturare i poveri immigrati. Che qualche episodio di razzismo ci sia e ci possa essere purtroppo è nell'ordine delle cose, così come ci sono ladri e assassini. In ogni caso si tratta di episodi di gran lunga inferiori agli episodi di razzismo che sempre più spesso avvengono tra gruppi di immigrati, con aggressioni e scontri nelle nostre città anche in pieno giorno.

IL DELIRIO ANTI-RAZZISTA
Non si deve giustificare nessuna violenza, nessuna discriminazione ma il delirio "anti-razzista" a cui abbiamo assistito in questi giorni è ben peggiore del lancio di uova. E fa impressione che di questo coro barbaro faccia parte - anzi, abbia un ruolo di tutto rilievo - il direttore di Repubblica Mario Calabresi che pure, di accuse false finite in tragedia dovrebbe essere purtroppo esperto. Ed è scandaloso che a lanciare le pietre più pesanti contro Salvini e contro gli italiani xenofobi e razzisti sia stato Avvenire, soprattutto il suo direttore Marco Tarquinio. In questo caso, viene da chiedersi se la crociata anti-razzista non serva anche a distogliere dalle imbarazzanti vicende dei vescovi gay, su cui anche diverse gestioni di Avvenire dovrebbero essere chiamate a dare spiegazioni.
Ora, comunque, possiamo scommettere che nessuno di loro - giornalisti e politici - chiederà scusa (pronto e ben lieto di essere smentito dai fatti), né che l'Ordine dei giornalisti coglierà l'occasione di dare un senso alla propria esistenza sanzionando chi ha così gravemente violato la deontologia professionale. E gli allarmi sul razzismo continueranno pompando altri casi di cronaca e rischiando seriamente di provocare quelle reazioni che, a parole, si vorrebbe scongiurare (ma che forse in realtà ci si augura per confermare la propria ideologia).
C'è un secondo aspetto che rende quanto accaduto molto grave. Ed è il fondato sospetto che se non fosse stata colpita Daisy, la banda dei goliardi avrebbe continuato a lungo le sue bravate a base di uova. In due mesi, è emerso ieri, sono stati ben sette i raid compiuti ma solo dopo l'attacco all'atleta di origini nigeriane c'è stata la mobilitazione delle forze dell'ordine, tale che in tre giorni sono stati presi i responsabili. Insomma, sembra ormai che in Italia un atto delinquenziale diventi crimine da perseguire solo se le vittime sono stranieri, preferibilmente neri. È questo il vero razzismo, così come quello di coloro che si accorgono delle vittorie italiane nello sport solo quando le atlete impegnate sono nere. È questo che gli italiani fanno sempre più fatica a sopportare, poi non si lamentino se la Lega fa il pieno di voti.

Nota di BastaBugie: nell'articolo seguente dal titolo "Ignorate dai media le violenze compiute dagli stranieri" si elencano alcuni episodi dove immigrati hanno aggredito italiani nei soli due giorni in cui invece non si è parlato d'altro che della vicenda delle uova a Daisy.
Ecco l'articolo completo pubblicato su Corrispondenza Romana il 4 agosto 2018:
Mentre in Italia i media dedicano telegiornali ed intere trasmissioni alla vicenda dell'atleta italiana Daisy Osakue, peraltro ormai dichiaratamente priva di qualsiasi connotazione razzistica, la stampa tace totalmente ben altri episodi - questi, purtroppo, reali -, senza fine, come dimostra quanto avvenuto anche soltanto nelle ultime 48 ore.
E' stato arrestato dalla Polizia ferroviaria e dai Carabinieri, dopo due settimane di caccia, il 31enne nigeriano, clandestino, che lo scorso 20 luglio ha cercato di violentare una 25enne presso la stazione di Milano Porta Garibaldi. La giovane riuscì a sfuggirgli, utilizzando lo spray urticante. L'accusa nei confronti dell'immigrato è quella di violenza sessuale.
Una 13enne a Battipaglia è riuscita a sfuggire ad un 40enne nigeriano, in Italia con regolare permesso di soggiorno, grazie al cugino di 12 anni, aggredito dal delinquente, poi arrestato dalla Polizia, come riferito dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Per il coraggioso 12enne si sono rese necessarie le cure del locale ospedale.
Arrestato a Roma, alla fermata del metrò "Valle Aurelia", dalla Polizia un 47enne rumeno, reo di aver aggredito prima una pattuglia dell'esercito e poi gli agenti intervenuti sul posto. Le accuse nei suoi confronti sono quelle di lesioni, resistenza e minacce a pubblico ufficiale, nonché danneggiamento aggravato.
Impennata anche nel numero dei borseggi, specie nelle stazioni della metropolitana: nei giorni scorsi, sempre a Roma, sono state arrestate dai Carabinieri 10 borseggiatrici, tutte nomadi. Presso la sola stazione Cavour sono state fermate una 33enne, una 26enne ed una 18enne, stanziate presso la baraccopoli di Castel Romano, poiché avevano appena derubato di oltre 400 euro in contanti una 45enne spagnola.
A Vicenza un 81enne è stato aggredito da un 45enne rom, offesosi per aver ricevuto 4 euro di elemosina, una cifra giudicata misera ed inadeguata dal questuante. Per questo il suo benefattore è stato aggredito, insultato e minacciato di morte. Allertata la Polizia, il malvivente se l'è presa anche con gli agenti, colpiti da calci e pugni. Il rom, alla fine, è stato denunciato per resistenza, violenza ed oltraggio a pubblico ufficiale, eppure è stato subito rilasciato.
A Polcenigo un 30enne rumeno ha prima costretto un 14enne ad inginocchiarsi, poi lo ha pestato senza motivo con calci e pugni, infine ha distrutto la bicicletta di un amico del ragazzo. Raggiunto dai Carabinieri, grazie ad alcune testimonianze raccolte sul posto, l'aggressore dovrà ora rispondere di lesioni personali e danneggiamento.
Sono tutti episodi, purtroppo ignorati dalla grande stampa e per i quali mai vengono promosse marce o iniziative pubbliche, ma che segnano il nostro tessuto sociale in modo anche quantitativamente molto più significativo di altri, viceversa strombazzati dalla Sinistra terzomondista.

 
Titolo originale: Uova contro Daisy, il razzismo degli anti-razzisti
Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana, 03/08/2018

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it