« Torna alla edizione


CLAMOROSO: LA CORTE SUPREMA DEL PAKISTAN ASSOLVE ASIA BIBI DA TUTTE LE ACCUSE
Annullata la sentenza di morte del 2010 per blasfemia, dopo 9 anni di carcere in cella di isolamento e l'uccisione del ministro Shahbaz Bhatti
da La Nuova Bussola Quotidiana

Asia Bibi, da oggi è una donna libera. La Corte Suprema del Pakistan, dopo tre settimane di silenzio, ha infatti deciso di rendere pubblica la sentenza: "assolta da tutte le accuse". Il verdetto è stato annunciato dal presidente del massimo organo del potere giudiziario pakistano, il giudice Saqib Nisar.
Si conclude così la lunga odissea della donna cristiana accusata di blasfemia nel 2009, condannata a morte in primo grado nel 2010, più di nove anni in carcere, quasi tutti in cella di isolamento. Minacciata di morte dagli islamisti, che non hanno atteso la sentenza per condannare anche i giudici, la donna ha ora urgente bisogno di protezione e di asilo politico all'estero. In Pakistan, infatti, sia lei che i familiari che i giudici sono diventati, da oggi, il primo bersaglio dell'odio jihadista.

MARTIRI DELLA VERITÀ
Dal 1990, 62 persone sono state uccise come risultato di accuse di blasfemia. Nel caso di Asia Bibi i morti sono già due. La prima vittima eccellente è Salman Taseer, governatore del Punjab, ucciso nel gennaio 2011 dalla sua guardia del corpo Mumtaz Qadri (condannato a morte a sua volta, impiccato e ora da molti considerato come un eroe pakistano). Si era offerto di perorare la richiesta di grazia per Asia di fronte al presidente del Pakistan. La seconda vittima eccellente è Shahbaz Bhatti, cattolico, ministro per le Minoranze, assassinato dai Talebani nel marzo del 2011. Era tra le più influenti voci pakistane per la tolleranza religiosa, sospettato dagli integralisti islamici di voler intercedere per Asia Bibi e, in generale, di voler riformare la "legge nera", il famoso articolo 295, comma b, del Codice Penale pakistano, che condanna una persona per blasfemia, anche sulla base di un semplice sospetto.

LA STORIA DI ASIA BIBI
La vicenda di Asia Bibi è tanto lunga che è facile dimenticarne l'origine. Era stata arrestata nel giugno del 2009 per un sospetto di blasfemia, accusata dalle sue colleghe. Mentre lavorava nei campi, non la lasciavano bere dallo stesso recipiente d'acqua, perché loro erano musulmane e lei cristiana. Pare che, in un'animata discussione attorno all'acqua contesa, abbia messo a confronto Gesù e Maometto. "Gesù Cristo è morto sulla croce per i peccati dell'umanità. Che cosa ha fatto il vostro profeta Maometto per salvare gli uomini?" Una domanda giudicata blasfema, che può costare la vita. Ma è anche probabile che Asia non l'abbia neppure mai posta, questa domanda: non sono emerse prove contro Asia Bibi, nemmeno a 9 anni dal suo arresto. Nel novembre 2010 è però stata condannata a morte per impiccagione e da allora è sottoposta a regime d'isolamento nella prigione di Multan, dove le viene concessa un'ora d'aria tre volte al mese. In questi anni si è ammalata più volte e alcuni carcerieri, che ormai hanno stretto legami con lei, fanno sapere che non riceve adeguate cure mediche. Dopo i due omicidi eccellenti del 2011, legati al suo processo, Asia Bibi è diventata l'icona della persecuzione dei cristiani in Pakistan e il simbolo tragico della "legge nera" sulla blasfemia. Che colpisce soprattutto le minoranze e fra queste soprattutto i cristiani, costituendo così una non troppo velata legittimazione della persecuzione religiosa.
Dopo aver confermato la sentenza capitale nel 2010, il giudice Naqveed Igbal aveva fatto visita ad Asia Bibi nel braccio della morte in cui era reclusa per proporle la revoca della sentenza  a condizione che si convertisse all'Islam. "Io l'ho ringraziato di cuore per la sua proposta - Asia Bibi ha raccontato - ma gli ho risposto con tutta onestà che preferisco morire da cristiana che uscire dal carcere da musulmana. Sono stata condannata perché cristiana - gli ho detto - credo in Dio e nel suo grande amore. Se lei mi ha condannata a morte perché amo Dio, sarò orgogliosa di sacrificare la mia vita per Lui".

Nota di BastaBugie: Marco Tosatti nell'articolo seguente dal titolo "Asia Bibi è libera" spiega come la Corte Suprema del Pakistan ha assolto Asia dall'accusa di blasfemia e ha revocato la condanna a morte.
Ecco l'articolo completo pubblicato su Stilvm Curiae il 31 ottobre 2018:
La Corte Suprema del Pakistan ha assolto mercoledì Asia Bibi - una donna cristiana accusata di blasfemia nel 2010 e condannata a morte - e ha accantonato un precedente giudizio emesso da un tribunale di grado inferiore. La notizia è stata data questa mattina.
Il giudice capo Saqib Nisar, che dirigeva il board di tre membri composta dal Giudice Asif Saeed Khosa e dl Giudice Mazhar Alam Khan Miankhel, ha letto il verdetto di 56 pagine e ha annunciato che il verdetto di Lahore High Court (LHC) è stato accantonato e ha dato istruzioni alle autorità Perché Asia Bibi sia rimessa in libertà.
"L'appello è accolto. Lei è stata assolta. Il giudizio dell'Alto tribunale e quello del tribunale dei processi sono rovesciati. La sua condanna è accantonata", ha detto il giudice.
La Corte ha aggiunto che Asia deve essere liberata se non è accusata di altri crimini.
Il legale di Asia, Saiful Malook, ha detto mentre parlava con The Express Tribune che il suo cliente ha ottenuto giustizia alla fine e che l'accusa si è dimostrata falsa i giudici e il capo del board Asif Saeed Khosa.
La donna cristiana di 51 anni era nel braccio della morte dal novembre 2010 dopo essere stata condannata per aver commesso blasfemia durante una discussione con due donne musulmane a Sheikhupura.
Il suo caso ha guadagnato importanza dopo che il governatore del Punjab Salmaan Taseer ha invocato un nuovo processo per il suo caso ed è stato successivamente ucciso da una delle sue guardie, Mumtaz Qadri, nel gennaio 2011.
Bibi ha sfidato il verdetto nell'ottobre 2014, tuttavia, l'Alta Corte di Lahore ha confermato la condanna a morte. Il tribunale supremo ha sospeso l'esecuzione a luglio 2015.
Dopo una pausa di tre anni, un banco speciale di tre giudici, guidato dal capo della giustizia del Pakistan, Mian Saqib Nisar, e comprendente il giudice Asif Saeed Khosa e il giudice Mazhar Alam Miankhel, hanno accolto l'appello.
L'udienza è durata quasi due ore e 45 minuti, durante i quali sia l'accusa che la difesa hanno presentato i loro punti di vista sulla condanna.
I membri della società civile, compreso il veterano Farhatullah Babar, erano presenti durante il procedimento. A differenza delle precedenti audizioni, alcuni religiosi erano presenti dentro e fuori dal tribunale.
Durante l'udienza, la commissione ha evidenziato diverse discrepanze nelle dichiarazioni dell'accusa e dei testimoni.
Imponenti le misure di sicurezza dentro e fuori del tribunale. All'interno erano presenti soldati dei corpi speciali senza armi.
Nella sentenza di 56 pagine è scritto fra l'altro:
"È un principio di diritto ben definito che chi fa un'affermazione deve dimostrarla, quindi spetta al pubblico ministero dimostrare la colpevolezza dell'accusata oltre ogni ragionevole dubbio per tutto il processo", ha osservato il giudice supremo. "La presunzione di innocenza permane in tutto il caso fino a quando il procedimento giudiziario non soddisfa il tribunale al di là di ogni ragionevole dubbio che l'accusato sia colpevole del reato che gli è stato addebitato.
"[...] L'espressione 'prova oltre ogni ragionevole dubbio' è di fondamentale importanza per la giustizia criminale: è uno dei principi che cerca di garantire che nessun innocente venga condannato.
"Tenendo presente le prove prodotte dall'accusa contro la presunta blasfemia commessa dal ricorrente, l'accusa ha categoricamente omesso di dimostrare il suo caso al di là di ogni ragionevole dubbio", ha concluso il capo della giustizia.
La corte ha anche osservato che "non sta agli individui, né a una folla, decidere se un atto che rientra nel campo di applicazione della Sezione 295-C è stato commesso o meno, perché come affermato in precedenza, è il compito del tribunale di prendere tale decisione dopo aver condotto un processo pienamente qualificato e sulla base di prove credibili presentate dinanzi ad esso ".
La sentenza si conduce ha concluso il giudizio con un hadith del Profeta Maometto sui diritti delle minoranze.
L'avvocato di Bibi, Saiful Mulook, ha dichiarato all'AFP: "Il verdetto ha dimostrato che i poveri, le minoranze e gli strati più bassi della società possono ottenere giustizia in questo paese, nonostante le sue carenze: questo è il giorno più bello della mia vita".
Bibi sembrava essere incredula dopo aver sentito della decisione dal suo avvocato.
"Non posso credere a quello che sto sentendo, uscirò ora? Mi lasceranno uscire, davvero?" Bibi ha detto ad AFP per telefono dal carcere dopo la sentenza. "Semplicemente non so cosa dire, sono molto felice, non posso crederci."
Anche il marito di Bibi ha salutato con gioia il verdetto. "Sono molto felice, i miei figli sono molto felici, siamo grati a Dio. Siamo grati ai giudici per averci dato giustizia, abbiamo sapevamo che era innocente", ha detto Ashiq Masih.
Poco dopo la sentenza, centinaia bloccarono una strada chiave che collegava Rawalpindi con Islamabad. Le persone si stanno anche radunando per le proteste a Karachi e Peshawar. Manifestazioni simili si svolgono altrove mentre la polizia sollecita manifestanti a disperdersi pacificamente.

 
Titolo originale: Asia Bibi torna in libertà, assolta da tutte le accuse
Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana, 31-10-2018

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it