« Torna alla edizione


UNA RAGAZZA VUOLE SPOSARE UN LAMPADARIO... DEL RESTO SE ''LOVE IS LOVE'' PERCHE' NO?
Altre notizie dal mondo gay (sempre meno gaio): in Jungle Cruise della Disney ci sarà un personaggio gay, intersesso e sesso neutro nei registri tedeschi delle nascite, in squadra gioca lui e le avversarie si scansano
di Chiara Chiessi

Una volta che si apre il vaso di Pandora, esce fuori di tutto. La nuova "frontiera di diritti" è ben incarnata da questa donna inglese Amanda Liberty, 34 anni, la quale si identifica come "oggettofila", cioè dice di essere attratta da oggetti inanimati.
Si è recentemente tatuata sul corpo l'immagine del futuro sposo, un lampadario femmina di nome Lumiere.
La donna ha comprato il lampadario, costruito in Germania 91 anni fa, su ebay. Ha dichiarato: «Non appena ho visto Lumiere su eBay ho capito subito che fosse quello giusto per me, è stato amore a prima vista. Non riuscivo a smettere di pensare a lei ed a quanto fosse bella. Emanava una grande energia".
Non è la prima volta che Amanda si innamora di oggetti: a 14 anni si era innamorata di una batteria, successivamente della statua della libertà, tanto da cambiare il cognome in Liberty.
La donna, nonostante sia fidanzata ufficialmente con Lumiere, ha però affermato di possedere una collezione di oltre 25 lampadari con cui intrattiene una relazione aperta, in quanto "non sono gelosi gli uni degli altri".
Con Lumiere è però una cosa seria: in programma c'è infatti il matrimonio.
"Lo scorso San Valentino le ho fatto la proposta - racconta Amanda - per suggellare il nostro amore".
"Il risultato è fantastico, anche Lumiere ha detto che è splendido. Ancora non ho preparato nulla: ho amici da tutte le parti del mondo e vorrei che partecipassero al nostro matrimonio".
Riguardo alle critiche, Amanda dice: "La gente spesso non capisce che questo per me è normale, che vedo la bellezza negli oggetti e riesco a percepire la loro energia. I lampadari mi rendono felice, me ne prendo cura restaurandoli. Non faccio del male a nessuno, sto solo seguendo il mio cuore".
Già, perché se "love is love", allora chi siamo noi per giudicare?

Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal "gaio" mondo gay (sempre meno gaio).

IN JUNGLE CRUISE DELLA DISNEY CI SARÀ UN PERSONAGGIO GAY
Jungle Cruise è il nuovo film della Disney, ancora in fase di realizzazione, che uscirà nelle sale nel 2020. In questa pellicola ci sarà un personaggio, McGregor, che farà apertamente coming out e dichiarerà di non essere interessato alla donne.
E' noto l'interesse, politicamente corretto, della Disney per le tematiche LGBT. Ad esempio si vocifera che nel sequel di Frozen Elsa potrà dichiararsi lesbica. In La Bella e la Bestia il personaggio LeFou appariva evidentemente come omosessuale.
Questa scelta della Disney di dichiararsi gay friendly è doppiamente da condannare. Infatti non solo diffonde il credo omosessualista, ma lo diffonde innanzitutto nei giovanissimi cuori e nelle tenerissime menti dei più piccoli.
(Gender Watch News, 31 dicembre 2018)

INTERSESSO E SESSO NEUTRO NEI REGISTRI DELLE NASCITE IN GERMANIA
La settimana scorsa il Parlamento tedesco ha approvato una legge che permetterà di indicare per i nuovi nati il sesso maschile, femminile, intersessuale oppure non indicare nulla.
Vero è che vi sono patologie che possono ingannare il medico nell'individuare il vero sesso della persona - da qui l'utilità di avere una legge per la rettificazione sessuale allorchè si scopra che il medico si era sbagliato al momento della nascita - ma i sessi rimangono comunque due.
La legge poi prevede una nuova disciplina per il cambio di "sesso". Imprescindibile sarà un certificato medico che possa validare la volontà del transessuale. Varie associazioni LGBT hanno protestato per questo vincolo. Secondo loro basterebbe un'autocertificazione o comunque una supina accettazione da parte del medico delle volontà della persona che desidera cambiare "sesso".
(Gender Watch News, 28 dicembre 2018)

ORA IN SQUADRA GIOCA LUI E LE AVVERSARIE SI SCANSANO
Lo sport è uno di quegli ambiti in cui risultano evidenti fino all'eccesso i cortocircuiti dell'ideologia gender, e quindi salta ancora di più agli occhi la tracotanza dei promotori dei «nuovi diritti». Vedi per esempio quanto è successo in Argentina, nella provincia di Buenos Aires, dove il 26 dicembre è stata definitivamente promulgata una legge (approvata il 23 novembre) che permetterà di fare attività sportiva, anche a livello professionistico, secondo «l'identità di genere autopercepita», dunque a prescindere dal sesso biologico.
In breve: se sei maschio potrai competere in gare femminili e viceversa. C'è chi lo chiama progresso. Secondo quanto riferisce Aci Prensa, la nuova norma - nata da un'iniziativa del deputato Federico Susbielles - mira a dare compimento alle disposizioni contenute nella legge nazionale sull'identità di genere (n° 26.743), promulgata nel 2012 e relativa all'accesso allo sport. «La legge sull'identità di genere è stata fatta, ma necessita di questo tipo di norme complementari perché in caso contrario si continuerebbe a discriminare questi collettivi», ha dichiarato il 23 novembre Susbielles all'agenzia Télam, intendendo che i collettivi "discriminati" sarebbero coloro che si dichiarano transessuali. L'esponente politico ha aggiunto che si tratta di «garantire un diritto umano».
La nuova legge stabilisce che «ai fini della registrazione, iscrizione, partecipazione e competizione nel contesto delle attività sportive di una lega, federazione o confederazione nel territorio provinciale - sia essa di carattere dilettantistico o professionistico - si intenderà per genere quello che è autopercepito dalla persona sportiva». Pazienza se in tutto questo di sportivo non ci sia proprio nulla. Per mettere in atto una disposizione totalmente opposta al buonsenso serve però un adeguato apparato repressivo (che è innanzitutto culturale, di lavaggio del cervello, e solo poi si traduce in sanzioni) che elimini le forme di dissenso. E così la legge provinciale prevede che sarà «considerata discriminatoria qualsiasi azione od omissione che impedisca il libero sviluppo delle attività elencate in ragione del genere autopercepito».
L'Istituto dello Sport di Buenos Aires sanzionerà i club, le leghe, le associazioni e le federazioni che iscriveranno gli atleti secondo un «genere» differente da quello che gli stessi atleti autopercepiscono. Parafrasando Orwell, si potrebbe dire che le regole sono uguali per tutti ma per qualcuno sono più uguali… perché dove entra in gioco la propaganda dell'associazionismo Lgbt non c'è oggettività che tenga. Il dibattito legislativo è iniziato in effetti con il caso montato da "Saira" Millaqueo, un uomo che si sente donna, il quale ha fatto ricorso alla giustizia per poter giocare in una lega di hockey femminile e dopo diversi tentativi è riuscito a raggiungere il suo scopo. Secondo Susbielles, le analisi richieste dai regolamenti per rilevare il livello di testosterone di "Saira" erano solo scuse per impedire la realizzazione dei suoi "diritti": il deputato sostiene cioè che la legge da lui proposta farà in modo di «contribuire allo sradicamento delle pratiche discriminatorie e violente della nostra società». Quanta neolingua.
Altro caso esemplare in Argentina è quello di "Jessica" Millaman, un giocatore "transessuale" che è riuscito a partecipare a una lega di hockey femminile nella provincia del Chubut. Tra coloro che hanno avuto il coraggio di protestare contro questa imposizione contronatura c'è Patricia Navarro, giocatrice del Trelew Rugby Club, una polisportiva che conta pure una squadra di hockey su prato, la quale ha osservato, come riporta il Clarίn, che «questa non è una questione di discriminazione. Abbiamo paura di giocare in questo sport di contatto perché sebbene sia un transessuale la sua forza è quella di un uomo». Come dire che al di là dell'ideologia la natura umana non cambia. «Nell'ultima partita che abbiamo giocato con la Germinal, abbiamo perso 3-0 con tre gol di Jessica perché nessuna si avvicinava per marcarla», avendo appunto timore della forza d'urto di una persona che rimane biologicamente un uomo.
Casi come questo vanno diventando sempre più frequenti, anche al di fuori dell'Argentina, come ci ricorda la recente vittoria del canadese "Rachel" McKinnon, il primo uomo ad aver vinto il titolo iridato in una gara femminile di ciclismo su pista (precisamente nel Master che si è svolto quest'autunno a Los Angeles), bollando coloro che l'hanno criticato (tra cui la terza classificata, che aveva parlato di «risultato ingiusto») come «bigotti transfobi». Un pensiero, questo, avallato dalla cultura dominante che spaccia il calpestamento di ogni norma morale naturale per "libertà". Le conseguenze si vedono e hanno il marchio della menzogna.
(Ermes Dovico, La Nuova Bussola Quotidiana, 02-01-2019)

 
Titolo originale: Donna sposa lampadario ma Love is Love
Fonte: Osservatorio Gender, 24 dicembre 2018

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it