« Torna agli articoli di Benedetta Salsi


REGGIO EMILIA: FRUSTA LA MOGLIE PER CONVERTIRLA ALL'ISLAM
Sempre più frequenti i casi di italiane picchiate dai mariti musulmani, ma si trovano in articoletti di cronaca su giornali locali e solo quando finiscono in tribunale (VIDEO: imam insegna come picchiare la moglie)
di Benedetta Salsi

Un anno e otto mesi di reclusione (che non farà, perché la pena è sospesa), tremila euro di risarcimento e la revoca del divieto di avvicinarsi all'ex moglie e alla figlia.
Questa la condanna inflitta ieri al marocchino di 36 anni accusato di aver preso a cinghiate la moglie italiana, pur di convincerla a convertirsi alla religione islamica.
Erano nella stessa aula, ieri mattina. Lui da una parte, che continuava a scuotere la testa. Lei, 32 anni, sta di fianco al suo avvocato di parte civile, intenta a cercare di non incrociare mai il suo sguardo.
Come giudica la sentenza?
«Non sono tranquilla riguardo la revoca della misura, conosco l'elemento - risponde la vittima davanti al tribunale -. Ho una bimba da proteggere. Non mi fido... So che potrei trovarmelo in giro. Per questo ora chiederò al mio avvocato (Silvia Angelicchio, ndr) di inoltrare al giudice una nuova richiesta per il divieto di avvicinamento. La stessa che ha avuto fino a oggi».
Ci racconti il suo calvario.
«All'inizio, quando l'ho conosciuto, era un angelo; molto premuroso, avvolgente. Ma si è dimostrato un lupo travestito da agnello. Due mesi dopo il matrimonio ha iniziato a cercare di convincermi a convertirmi all'Islam».
In che modo?
«Cercava di far leva sul fatto che io sono una donna. 'Le italiane sono sporche e vanno purificate', mi diceva; 'altrimenti ti aspetta l'inferno eterno'. Continuava a ripetermi: 'Mi sei servita e basta, lo sai. Ti ho sempre usato e ho sempre approfittato di te'. Si rende conto? Per la cittadinanza. Quando eravamo fidanzati non era così. Altrimenti non l'avrei mai sposato».
In che cosa ha modificato il suo stile di vita?
«Mi ha addirittura fatto cambiare lavoro. Non potevo fare l'estetista perché ero troppo a contatto con i corpi e con gli uomini. Oggi faccio la commessa. Non potevo salutare i miei amici per strada. Ho chiuso diverse conoscenze: tutte quelle maschili; altre anche con alcune ragazze, diceva che erano troppo esuberanti e non voleva che le frequentassi».
Ma l'ha condizionata anche sull'aspetto fisico?
«Sì, mi obbligava a essere trascurata. Non potevo truccarmi, solo in maniera leggera. Mi diceva come dovevo vestirmi, voleva che mettessi il velo. Quando siamo andati in Marocco mi ha obbligato a indossare la tunica. Sennò, diceva, si vedono troppo le forme. E non potevo sedermi a gambe incrociate: era troppo provocante».
La sua famiglia d'origine all'inizio era contraria al vostro rapporto.
«Infatti tendeva anche ad allontanarmi dalla mia famiglia. Non potevo chiamare i miei genitori, che si erano trasferiti lontano, se non per cinque minuti a settimana. E se tornava a casa e mi vedeva triste erano botte; cinghiate, su un fianco. Mi aveva fatto un livido enorme».
E altre violenze.
«Una sera, senza motivo, per una futile discussione, mi ha rovesciato una teglia ancora calda piena di pollo e patate sulla testa. Per fortuna non sono rimasta ustionata; non era più così calda. Ma il segno lo porto dentro».
Un altro uomo rispetto a quello che aveva conosciuto?
«Un altro. Questo era sempre irascibile. Beveva. Ma il peggio, era la sua dipendenza da videopoker. Non lavorava e mi chiedeva sempre soldi. In una sola sera è stato capace di spendere anche mille euro alle macchinette».
Crede di avere avuto giustizia?
«Lui non aveva precedenti, per cui sono abbastanza soddisfatta. Ma vorrei che ripristinassero il divieto di avvicinamento. Spero davvero che stia lontano. Sono preoccupata. Ma ora almeno l'ho capito... L'amore è un'altra cosa. E devo essere forte, la vita continua».

Nota di BastaBugie: per approfondire un altro caso vero di una cristiana che ha sposato un musulmano rendendosi conto troppo tardi delle conseguenze, consigliamo la visione di "Mai senza mia figlia", un film del 1991 (che oggi non sarebbe possibile fare per non offendere gli islamici). Per informazioni, clicca qui.

VIDEO: IL CORANO COMANDA DI PICCHIARE LA MOGLIE
Qui sotto proponiamo di nuovo il video (durata: 1 minuto e mezzo) nel quale un imam insegna come picchiare la moglie. Ci piacerebbe che fosse una fake news, ma, come dimostra l'articolo che abbiamo pubblicato, è la pura realtà ed è cronaca sempre più quotidiana anche da noi...


https://www.youtube.com/watch?v=MxF4RdwZOnk

IL CORANO PERMETTE AL MARITO DI PICCHIARE LA MOGLIE
Allah ha onorato le donne istituendo la punizione delle bastonate, che però vanno date secondo regole precise: senza lasciar segni visibili e solo per una buona causa (ad esempio se lei si nega a letto)
di Gian Micalessin
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=1314

A UN CONVEGNO A MILANO L'IMAM INSEGNA A PICCHIARE LA MOGLIE, MA NESSUNO PROTESTA
Nessun corteo femminista per i diritti delle donne alla Fiera della Speranza organizzato da una ong islamica
di Anna Bono
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=5604

 
Titolo originale: Cinghiate alla moglie per convertirla all'Islam. Mi diceva: voi italiane siete sporche
Fonte: Il Resto del Carlino, 24 aprile 2014


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it