« Torna alla edizione


ESERCIZI SPIRITUALI NEL MONASTERO DI ROSANO
Concediti tre giorni nel cuore della Toscana per verificare il tuo cammino spirituale!
di Rossella Gizzi

L'anno scorso ho partecipato per la prima volta agli esercizi spirituali organizzati dal centro culturale "Amici del Timone" di Staggia Senese nel monastero di clausura di Rosano, vicino Firenze. L'argomento proposto erano i dieci comandamenti: il "libretto delle istruzioni" che Dio ci ha dato per vivere in pace con Lui e con il prossimo.
Il quarto comandamento dice: Onora il padre e la madre. Onorare, come ha detto Don Stefano durante le meditazioni, seguendo il Catechismo della Chiesa Cattolica, vuol dire ringraziarli per la vita che ci hanno dato. Io voglio dire grazie a Don Stefano, per averci proposto questi esercizi spirituali, perché spero, anche grazie a questa esperienza, di avere una vita più importante, quella eterna.
Mi sono sentita come un abbonato in tribuna allo stadio, al caldo, al riparo dalla pioggia, con il posto assicurato, comodo, al contrario dei tifosi “fedelissimi”, in curva o in trasferta, sempre e comunque, abbandonati ed affidati completamente alla loro fede nella squadra del cuore. Io ci vado al mio stadio, cioè alla chiesa, ma senza troppo impegno o sforzo.
Nei cinque anni precedenti, nonostante avessi letto il manifesto degli esercizi spirituali, non son voluta andare a quello che, riduttivamente, mi sembrava fosse “rinchiudermi in convento”: mi preoccupava lasciare il mio mondo fatto di abitudini, false certezze e cose materiali. Ora mi ha preoccupato di più dover ritornare alla vita quotidiana. L’importante, credo, è come ci ritornerò. "Rinchiudermi" nel convento di Rosano mi ha aperto mente e cuore, è un paradosso, ma è così. Dio c’è nella mia vita, c’è sempre stato, ma quante  volte mi sono fermata ad ascoltarlo? Lo lascio parlare?
Che bella la testimonianza della suora di Rosano (appena tornata da 5 anni in Vaticano, come voluto da Papa Giovanni Paolo II, un monastero di clausura in Vaticano, con suore di diverse nazionalità e diversi conventi a rappresentare l’universalità della Chiesa), così vera la suora, così terrena, così uguale a noi eppure così diversa, che afferma: “Nelle difficoltà chiedo aiuto a Dio, è Lui ad indicarmi la via. Se il Papa vuole che vada a Roma, piango, ma vado; se vuole che resti, resto!”. Ed io che mi lamento se solo in parrocchia mi si chiede di spostare 2 tavoli. Se mi avessero chiesto di più, avrei cambiato parrocchia.
Le suore a Roma non hanno niente, ma rinunciano anche a quel niente, per far fare l’elemosina al Papa, che a differenza di come tanti credono, ne fa tanta! La generosità e le cose buone difficilmente si pubblicizzano.
Marmellata, fiori e candele, “frutto della terra e del nostro lavoro”, i regali delle suore al Santo Padre. Con il poco e la semplicità si fa tanto! E noi che abbiamo il superfluo e ci sembra invece di non avere niente!
Senza altro per festeggiarlo, vedendolo passare in auto dalle loro finestrine, sventolavano le bandiere delle loro nazionalità, come ragazzine al concerto del loro cantante preferito. E loro ai nostri occhi sono fuori dal mondo! Mi sa che non ci abbiamo capito nulla...
Gioiscono come noi, il loro non è un mondo triste ed austero, anzi! La tristezza, purtroppo, è in me, come una abbonata in tribuna allo stadio, che mi sveglio con insofferenza e malessere, sempre in cerca di tutto, ma mai di Dio, Sommo Bene e unica Verità! L’Unico che ci ama davvero, così tanto da darci “un promemoria”, le Tavole della Legge, i dieci comandamenti, per non allontanarci da Lui che è la nostra felicità.
L’importante è iniziato al rientro a casa, al di fuori della porta del monastero dove abbiamo avuto la bella esperienza degli esercizi spirituali.
Ormai è il settimo anno che don Stefano organizza questi esercizi spirituali nel monastero di Rosano (dove spesso è stato il Cardinal Ratzinger) con un successo sempre crescente tanto da "costringerlo" a fare più turni visti i pochi posti a disposizione nella foresteria del monastero. Ecco le varie possibilità:
1° gruppo: GIOVANI (18-35 anni)
da venerdì 19 a domenica 21 novembre
2° gruppo: TUTTE LE ETA' (18-99 anni)
da sabato 30 ottobre a lunedì 1° novembre
3° gruppo: TUTTE LE ETA' (18-99 anni)
da venerdì 3 a domenica 5 dicembre
4° gruppo: GIOVANISSIMI (15-18 anni)
da martedì 28 a mercoledì 29 dicembre
Tema del 2010: "IL BATTESIMO: ovvero come si rinasce dall'acqua e dallo Spirito Santo".

Per ulteriori informazioni ed eventuali iscrizioni: http://www.amicideltimone-staggia.it/it/contenuti.php?pagina=utility&nome=esercizi_spirituali

 
Fonte: BastaBugie, 14 settembre 2010


Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

amicideltimone-staggia.it
FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it