« Torna alla edizione


CARITAS IN VERITATE 1
Le novita' dell'enciclica sullo sviluppo umano integrale
di Antonio Gaspari

Da oltre un anno i mass media di tutto il mondo hanno cercato di fornire anticipazioni e dettagli dell'Enciclica sociale di Benedetto XVI. In molti casi hanno raccontato cose fantasiose.
Adesso che l'Enciclica è uscita, bisogna valutarne le novità e precisarne le sfide.
In particolare, a spiegarne il progetto culturale e le rilevanti novità, è stato monsignor Giampaolo Crepaldi, segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, appena nominato dal Santo Padre, Arcivescovo di Trieste.
Intervenendo nella Sala Stampa vaticana martedì 6 luglio, monsignor Crepaldi ha indicato la grammatica dell'Enciclica con la frase "il ricevere precede il fare" spiegando che la 'Caritas in Veritate' propone una vera e propria "conversione" verso una nuova sapienza sociale.
Nel contesto in cui dai doveri nascono i diritti, il neo Arcivescovo di Trieste ha affermato che "bisogna convertirsi a vedere l'economia e il lavoro, la famiglia e la comunità, la legge naturale posta in noi ed il creato posto davanti a noi e per noi, come una chiamata" perché secondo la dottrina cristiana lo sviluppo è una "vocazione" che implica "una assunzione solidale di responsabilità per il bene comune".
Per fare in modo che la società sarà una vera comunità, le cui relazioni siano dettate dalla fraternità, la "Caritas in Veritate" ritiene che la verità e l'amore abbiano una forza sociale fondamentale.
L'Enciclica di Benedetto XVI sostiene che "la società ha bisogno di verità e di amore" ed "il cristianesimo è la religione della Verità e dell'Amore", per questo motivo "il più grande aiuto che la Chiesa può dare allo sviluppo è l'annuncio di Cristo".
Verità e amore sono fondanti per l'organizzazione sociale e svolgono una funzione di "purificazione" per l'economia e per la politica.
Monsignor Crepaldi ha sottolineato che, per la prima volta in una Enciclica sociale, il diritto alla vita e alla libertà religiosa trovano una esplicita e corposa collocazione in relazione allo sviluppo.
Nella "Caritas in Veritate" (ai punti 28, 44 e 75) la cosiddetta "questione antropologica" diventa a pieno titolo "questione sociale".
"La procreazione e la sessualità - ha aggiunto -, l'aborto e l'eutanasia, le manipolazioni dell'identità umana e la selezione eugenetica sono valutati come problemi sociali di primaria importanza che, se gestiti secondo una logica di pura produzione, deturpano la sensibilità sociale, minano il senso della legge, corrodono la famiglia e rendono difficile l'accoglienza del debole".
L'Enciclica ribadisce che "non sarà più possibile, impostare programmi di sviluppo solo di tipo economico-produttivo che non tengano sistematicamente conto anche della dignità della donna, della procreazione, della famiglia e dei diritti del concepito".
Altra tematica nuova è quella dell'ambiente. Il Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha sostenuto che "l'ecologia ambientale deve liberarsi da alcune ipoteche ideologiche (presenti in molte versioni dell'ecologismo) che consistono nel trascurare la superiore dignità della persona umana e nel considerare la natura solo materialisticamente prodotta dal caso o dalla necessità".
"L'impegno per l'ambiente – ha affermato mons. Crepaldi – non sarà pienamente fruttuoso se non verrà sistematicamente associato al diritto alla vita della persona umana, primo elemento di una ecologia umana che faccia da cornice di senso per una ecologia ambientale".
Novità assoluta anche la trattazione che l'Enciclica svolge nei confronti del problema della tecnica che spesso sfocia in una mentalità che può chiamarsi "tecnicità".
"Il rischio – ha rilevato mons. Crepaldi – è che la mentalità esclusivamente tecnica, riduca tutto a puro fare e si sposi con la cultura nichilista e relativista".
Per il neo Arcivescovo di Trieste la "Caritas in Veritate" è una grande proposta culturale e di mentalità a servizio dell'autentico sviluppo, perché le risorse da utilizzare per lo sviluppo non sono solo economiche, ma immateriali e culturali, di mentalità e di volontà.
In questo contesto si richiede una nuova prospettiva sull'uomo che solo il Dio che è Verità e Amore può dare.
Monsignor Crepaldi ha precisato che "verità e amore sono gratuiti, superano la semplice dimensione della fattibilità e ci aprono alla dimensione dell'indisponibile".
Si tratta del principio secondo cui la reciprocità propria della fraternità entra pienamente dentro i meccanismi economici ed è motivo di ridistribuzione, di giustizia sociale e di solidarietà non successivamente o a latere degli stessi.
E' in questo contesto che la gratuità della verità e dell'amore conducono verso il vero sviluppo anche perché eliminano riduzionismi e visioni interessate.
In conclusione, monsignor Crepaldi ha constatato che l'Enciclica ha il grande merito di togliere di mezzo visioni obsolete, schemi di analisi superati, semplificazioni di problemi complessi, quali: un eccessivo riduzionismo Nord-Sud dei problemi dello sviluppo, dopo il crollo del riduzionismo Est-Ovest; una frequente sottovalutazione dei problemi culturali del sottosviluppo; un ecologismo spesso separato da una completa visione della persona umana; l'attenzione verso i problemi economici in senso stretto più che verso quelli istituzionali; una visione assistenzialista e non sussidiaria dello sviluppo.
L'attenzione è ancora una volta indirizzata all'uomo concreto, oggetto di verità e di amore ed esso stesso capace di verità e di amore.
Alla domanda sul perché si sia dovuti aspettare tanto per l'uscita dell'Enciclica, monsignor Crepaldi ha raccontato che "La Centesimus annus", l'ultima Enciclica sociale pubblicata da Giovanni Paolo II, impiegò 5 anni ad uscire, mentre la "Caritas in Veritate" ha impiegato solo due anni e mezzo.
Sul perché il tema della pace non sia stato affrontato a fondo, il segretario del Pontificio Consiglio ha risposto che si tratta di "una Enciclica e non di una enciclopedia".
D'altro canto, quando ci fu l'anniversario della "Pacem in terris" di Giovanni XXIII, alla richiesta di scrivere un eventuale Enciclica, l'allora Pontefice Giovanni Paolo II rispose che i Messaggi annuali per la Pace sono già una corposa Enciclica.

Per leggere tutto il testo dell'enciclica vai a:
http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/encyclicals/documents/hf_ben-xvi_enc_20090629_caritas-in-veritate_it.html

Fonte: ZENIT, 7 luglio 2009

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it