« Torna alla edizione


LA VIOLENZA SULLE DONNE CHE NON IMPORTA A NESSUNO: QUELLA FATTA DA TRANSESSUALI
In prigione molti episodi di violenza sessuale contro le donne vedono protagonisti dei maschi che si sentono donna e per questo vogliono stare nel carcere femminile
da Provita & Famiglia

Aumenta costantemente il numero di episodi di violenza sessuale contro le donne carcerate. Nell'indifferenza generale. Nell'indifferenza delle femministe nostrane. Anzi, sono sempre più diffuse nel mondo le norme che consentono ai maschi che "si sentono donne" di essere rinchiusi nelle carceri femminili.
Ecco alcuni degli episodi segnalati negli ultimi tempi, riportati dal sito Women are human.

STATI UNITI
Il Fronte di liberazione delle donne ha riferito a luglio che un criminale in un carcere femminile della California centrale - ai sensi della legge SB132 - ha violentato diverse detenute lasciando almeno una di loro incinta.
Richard Masbruch ha bendato una donna di 45 anni e sua madre di 68 anni in California, le ha torturate con le scosse elettriche e ha violentato e sodomizzato la figlia. In prigione, ha cambiato il suo nome in Sherri. Si è mutilato i genitali in vario modo e nel 2005 ha iniziato a ricevere ormoni femminili. Trasferito nel carcere femminile di Chowchilla è stato accusato di violentare le donne con oggetti estranei ferendole gravemente.

CANADA
Madilyn Rebecca Harks, molestatore seriale, ha confessato circa 200 reati sessuali contro 60 vittime minori. È stato arrestato per le violenze a due bambine di quattro e cinque anni. Durante la libertà vigilata ha aggredito una bambina di sette anni. Secondo il Vancouver Sun , nonostante abbia subito un intervento chirurgico di riconfigurazione genitale, ha aggredito sessualmente due detenute che avevano un aspetto infantile. Prima che Harks fosse trasferito nella struttura femminile, alle detenute è stato detto non aver paura. Una delle sue vittime l'ha fatto: è stata gentile e lui ha cominciato a perseguitarla, a seguirla quando andava in bagno e ha cercato di metterle le mani addosso dicendo di essere eccitato. Nessuno tra i secondini è intervenuto mai. Harks ha rifiutato di andare in isolamento e di fare una revisione della sua "identità di genere". Prima di questi fatti aveva molestato un'altra detenuta, ma la polizia non ha dato alcun seguito alla denuncia.
Angela Valentino , che in precedenza si chiamava Wayne Bruce Stovka, condannato per rapina a mano armata, ha subito un intervento chirurgico di riconfigurazione genitale ed è stato trasferito al Grand Valley Institution, una struttura per donne dove ha cominciato a spargere panico e violenza.

COSTA RICA
Nataly Monge Brenes, a 22 anni, era stato condannato per abuso sessuale a danno di un minore. Ha chiesto il trasferimento in una prigione femminile perché subiva violenze continue dagli altri detenuti. È arrivato un venerdì sera e già il sabato ha cominciato le violenze. Le detenute, che erano prevalentemente donne tra i 50 e i 75 anni, lo avevano trattato con rispetto e gentilezza, in modo che non si sentisse discriminato. Ma ha cominciato subito a fare l'esibizionista e a vantarsi di essere un uomo in una prigione femminile. Ha versato il caffè bollente su una detenuta, e ha cominciato a bullizzare le recluse e ha tentato di violentarne una, Quesada Hernández, picchiandola fino a fratturarle un braccio e una gamba.

REGNO UNITO
Stephen Terence Wood, di 52 anni, è stato arrestato nel 2017 per furto con scasso e il brutale accoltellamento di un vicino di casa di 66 anni. Wood era stato condannato nel 1989 per esibizionismo davanti a un bambino di nove anni e condannato nel 2001 per atti osceni gravi nei confronti di un bambino di 12 anni. A pochi giorni dal suo trasferimento in un carcere femminile, l'uomo, che ora si chiama Karen White, ha aggredito sessualmente quattro detenute.
Martin Ponting, 50 anni e divorziato, padre di tre figli, è stato incarcerato in un carcere di massima sicurezza nel 1995 per lo stupro di due bambine. Diventato Jessica Winfield, il servizio sanitario gli ha pagato un intervento chirurgico di "affermazione di genere" da 10.000 sterline per farsi il seno, ma ha lasciato intatti i suoi genitali. Trasferito nel carcere femminile di Bronzefield nel 2017, è stato messo in isolamento dopo che ha aggredito sessualmente diverse donne.
Nel 2019, una donna ha presentato denuncia per essere stata aggredita sessualmente da uno stupratore maschio che le ha palpato il seno nei bagni di un carcere femminile. È stata trasferita in un'altra prigione, ma in seguito ha appreso che anche il maschio era stato trasferito lì. Un giudice si è recentemente pronunciato contro di lei, ritenendo - evidentemente - lecita la pratica di palpazione del seno altrui.

ARGENTINA
Gabriel Nahir Fernández, allora divorziato, 27 anni, accusato di tre episodi di violenza familiare, è stato condannato nell'ottobre 2017 per "lesioni e minacce" che erano "basate sul genere". Trasferito nella sezione femminile della prigione di Bouwer, le detenute hanno presentato continue lamentele contro Nahir Fernández che faceva l'esibizionista. Ha avuto rapporti sessuali con le detenute (non si sa se consenzienti) e infine ha "picchiato selvaggiamente" una donna di fronte a 11 testimoni dopo aver appreso che l'aveva messa incinta. Per sedare il crescente scandalo, è stato rilasciato sulla parola nel 2019.
RT News sta realizzando una serie intitolata "Inmates of Intimidation" per denunciare fatti come questi.

 
Titolo originale: Trans in prigione: la violenza sulle donne che non importa a nessuno
Fonte: Provita & Famiglia, 30 agosto 2021


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it