« Torna alla edizione


POTREBBE SPARIRE L'ABORTO NEGLI USA
La Corte Suprema potrebbe annullare la sentenza Roe vs Wade che introdusse nel 1973 l'aborto in tutti gli USA (e si scatena la reazione dei terroristi pro aborto con insulti, sacrilegi e interruzioni delle messe e centri di aiuto alla vita distrutti con bombe molotov)
di Don Samuele Cecotti

Nel 1973, con la tristemente celebre sentenza Roe vs Wade, l'aborto veniva legalizzato in tutti gli Stati Uniti. Nel 1975 anche la Corte Costituzionale italiana, pur in presenza di una chiara condanna da parte del Codice Penale, introduceva la previsione di alcuni casi leciti di aborto. Sarà poi del 1978 la legge 194 che fa dell'interruzione volontaria di gravidanza, in Italia, una pratica, addirittura, fornita dal Servizio Sanitario. È innegabile che, a partire dalla sentenza Roe vs Wade della Corte Suprema USA, si sia generato in tutto il mondo occidentale un processo politico-giuridico-culturale teso a fare dell'aborto un diritto civile. Non vi è oggi, praticamente, Paese occidentale che non annoveri l'aborto tra i diritti riconosciuti e tutelati.
Lunedì 2 maggio, con grave violazione del segreto garantito ai lavori della Corte Suprema, è trapelato il testo della bozza iniziale dell'opinione di maggioranza elaborata dal giudice Samuel Alito in merito al caso Mississippi e alla costituzionalità del "diritto all'aborto". Il testo elaborato dal giudice Alito, il cui contenuto è stato confermato dal presidente Roberts, ribalda le sentenze Roe vs Wade e Planned Parenthood vs Casey affermando a chiare lettere che la Costituzione degli Stati Uniti non contempla alcun "diritto all'aborto" e che, anzi, è fortemente radicata nella storia e nella tradizione americana la criminalizzazione dell'aborto, considerato un delitto e punito praticamente senza eccezioni sino al 1973. La bozza, che sembra abbia già ottenuto il voto favorevole della maggioranza (5 giudici su 9), prevede il completo ribaltamento della sentenza Roe vs Wade e, se sarà pubblicata come pronunciamento ufficiale della Supreme Court of the United States, consentirà al Legislatore federale e ai diversi Legislatori statali di rendere nuovamente illegale la pratica dell'aborto. Il crimen nefandum dell'aborto non sarà più considerato diritto costituzionale negli USA.
Appare inevitabile che, come la sentenza del 1973 aprì la strada al paradigma abortista in tutto l'Occidente, l'eventuale probabile ribaltamento della Roe vs Wade porti ad un progressivo cambio politico-culturale anche fuori dai confini degli Stati Uniti. I movimenti pro-life di tutto il mondo sarebbero incoraggiati ad osare di più e a chiedere in tutti i Paesi la completa proibizione legale dell'aborto. Il testo elaborato dal giudice Alito, se divenisse pronunciamento ufficiale della Supreme Court, spazzerebbe via la tentazione minimalista dal campo pro-life. Si aprirebbe la via, negli USA prima e dunque poi anche in tutto l'Occidente, per la chiara affermazione del diritto alla vita sin dal concepimento e, dunque, per la altrettanto chiara condanna di qualunque pratica abortiva.
Sarebbe difficile per l'Italia non subire l'influenza di un simile cambiamento giuridico negli USA. È ragionevole anzi pensare che nel giro di qualche anno si potrebbe arrivare anche in Italia a ri-reatizzare l'aborto cancellando la 194/78.
Appena diffusa la bozza, si è subito generata una mobilitazione tanto dei pro-life quanto dei pro-choice. Se i favorevoli all'aborto sono scesi in piazza manifestando anche davanti la sede della Corte Suprema, moltissime le iniziative di preghiera promosse in tutti gli Stati Uniti per chiedere la grazia di vedere finalmente cancellato il "diritto costituzionale all'aborto" imposto dalla sentenza Roe vs Wade. Il giudice Alito, con le sue 98 pagine di argomentazione giuridica, ha innescato in USA una rinnovata mobilitazione politico-culturale-religiosa in difesa della vita umana innocente. Non tarderà ad arrivare anche in Italia!

Nota di BastaBugie: Luca Volontè nell'articolo seguente dal titolo "Aborto, i Dem Usa soffiano sulla guerra civile" parla degli scenari da guerra civile che si stanno vedendo negli Stati Uniti. Il centro di aiuto alla vita a Madison, nel Wisconsin, è stato distrutto con bombe molotov. Atti di vandalismo contro chiese e centri prolife. Fedeli cattolici in tutto il Paese hanno subito insulti, sacrilegi e interruzioni delle celebrazioni eucaristiche. E intanto proseguono indisturbate intimidazioni orribili fuori dalle abitazioni dei giudici supremi.
Ecco l'articolo completo pubblicato su La Nuova Bussola Quotidiana il 12 maggio 2022:

Non smette di stupire l'evoluzione violenta del dibattito in corso negli Stati Uniti, dopo l'illegale pubblicazione della bozza di sentenza che potrebbe metter fine alla legalizzazione federale dell'aborto. La grave situazione dei giorni scorsi si è arricchita ancora una volta di incredibili fatti accaduti nelle ultime 48 ore. In particolare: le dichiarazioni della Casa Bianca che appoggiano l'assedio alle abitazioni dei giudici supremi e il silenzio del Dipartimento di Giustizia; le inquietanti e continue minacce e assalti subiti da chiese e centri pro vita e il sostegno che queste azioni ricevono da stampa liberal e politici Democratici; i dibattiti allucinanti e i voti farseschi in Senato e, infine, come tutto ciò venga manipolato ad arte e a fini politici dai Dem, nel tentativo di distrarre l'opinione pubblica dai problemi economici.
Alla Casa Bianca sono giorni di confusione. Se per un verso si erano condannati gli atti vandalici di domenica 8 maggio nelle chiese, per altro verso martedì la portavoce uscente Jen Psaki ha voluto chiarire che il presidente Biden sostiene i manifestanti pacifici a dimostrare tutto il loro sdegno verso la possibile decisione contro l'aborto. Tutto ciò stride con la realtà, che di fatto mostra come e quanto questi dimostranti - violenti gruppi abortisti e Antifa - non siano per nulla pacifici né civili.
L'attentato esplosivo contro una chiesa sventato nei giorni scorsi a New York, il tabernacolo rubato da una chiesa di Kety (Texas), gli atti vandalici alla chiesa di Fort Collins (Colorado), insieme ai danni subiti da diversi centri pro life nel Paese e al continuo assedio di manifestanti verso le abitazioni di tutti e sei i giudici conservatori (anche se il presidente Roberts non si è ancora espresso sulla bozza di sentenza), dimostrano l'esatto contrario di ciò che afferma la Casa Bianca. Il sostegno dell'Amministrazione Biden ai disordini e alle proteste è palese, se consideriamo che il Dipartimento della Giustizia, pur avendo l'obbligo di legge federale di perseguire i manifestanti che protestano nei pressi delle abitazioni dei giudici supremi per condizionarne il giudizio, non ha ancora mosso un dito per intervenire. Nulla ha fatto neanche ieri, mercoledì 11 maggio, quando da giorni era nota la manifestazione degli assedianti abortisti a tutte le residenze dei sei giudici. Joe Biden li sostiene, insieme a moltissimi parlamentari Democratici. E il capo del Dipartimento di Giustizia, Merrick B. Garland, tace.
Al peggio fanno pensare le voci della stampa, a partire dal New York Times, che aizzano le folle e spingono verso l'occupazione permanente di strade e piazze per protestare sine die. Secondo il Guardian, in sintonia con la stampa liberal americana, la possibile decisione della Corte Suprema porterà ad una grande "guerra civile". Il sindaco di Chicago, Lori Lightfoot, del Partito Democratico, ha chiesto pubblicamente sui social di "imbracciare le armi" per difendere l'aborto contro la Corte Suprema. La strategia dei Democratici è chiara: lo scontro deve continuare, costi quel che costi, sino al prossimo novembre e diventare l'oggetto delle elezioni di medio temine. Anche a costo di magre figure. Vedi, in questo senso, la dimostrazione di impotenza dei senatori Democratici andata in scena ieri, con il voto - respinto, anche grazie al senatore Dem Joe Manchin - sulla calendarizzazione della radicale proposta di federalizzare l'aborto senza limiti e con un testo che, paradossalmente, non contiene neanche il temine donna o mamma per non scontentare la lobby Lgbt.
I Democratici e gli abortisti usano di tutto e tutti pur di perseguire i propri piani distruttivi della nazione e dell'ordinamento americano. Persino il segretario al Tesoro Janet Yellen, nell'audizione martedì al Senato sulla preoccupante situazione economica e la crescita dell'inflazione nel Paese, ha assecondato le pretese abortiste lanciandosi in un'azzardata e vergognosa affermazione ufficiale: "La decisione della Corte Suprema porterebbe a una grave crisi economica", perché le donne non potrebbero più lavorare liberamente.
Ovviamente i Repubblicani non lasciano passare sotto silenzio le indecenti azioni e affermazioni che si fanno in questi giorni e - pur non retrocedendo di un millimetro sul diritto alla vita del concepito, la libertà di culto e il rispetto all'indipendenza della Corte Suprema - puntano il dito sugli impressionanti fallimenti di questo anno e mezzo di amministrazione dei Democratici. L'inflazione registrata ad aprile, i cui dati sono stati pubblicati ieri, è all'8,3%, dopo che a marzo era all'8,5%, il peggior dato degli ultimi 40 anni; i prezzi del pane sono cresciuti dell'11% in un mese e tutti i prodotti alimentari hanno costi mai visti da decenni.
Il presidente Biden affronta un gravissimo calo di consensi in tutto il Paese, solo il 2% degli americani è soddisfatto del suo lavoro in campo economico, il 77% è molto preoccupato, secondo un sondaggio della CNN. Non mancasse altro, nel primo anno di Biden, il numero di morti per overdose ha superato quota 100 mila, un record. La stragrande maggioranza degli americani è quindi preoccupata di altro.
E comunque il giudice Clarence Thomas ha chiarito come "la Corte Suprema non si farà bullizzare" da proteste di piazza e minacce politiche. La maggioranza dei giudici continua a sostenere la bozza di Samuel Alito, l'unica bozza di sentenza in discussione ad oggi. La Conferenza episcopale degli Stati Uniti fa bene ad indire una giornata di preghiera e digiuno per il 13 maggio - festa della Madonna di Fatima - per la fine dell'aborto. Che faranno Biden e i CattoDem americani?

DOSSIER "ABOLITO IL DIRITTO ALL'ABORTO"
La Corte Suprema USA annulla la Roe vs Wade

Per vedere tutti gli articoli, clicca qui!

 
Titolo originale: USA: Morte e vita a contesa
Fonte: Osservatorio Van Thuân, 9 maggio 2022


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it