« Torna alla edizione


BENEDETTO XVI HA AFFASCINATO GLI INGLESI NEL SUO RECENTE VIAGGIO
Il cattolicesimo liberale è destinato alla sconfitta, mentre alla lunga è vincente la minoranza creativa (vedi l'esempio illuminante di S.Tommaso Moro)
di Samuel Gregg

In seguito al recente viaggio di Benedetto XVI in Gran Bretagna, abbiamo assistito, ancora una volta, all’incapacità della maggior parte dei giornalisti di leggere in modo accurato questo pontificato. Che si trattasse del cortese discorso di accoglienza della Regina Elisabetta, delle sentite riflessioni del primo ministro David Cameron, o delle decine di migliaia di persone felici di ogni età e razza che sono venute a vedere Benedetto XVI in Scozia e Inghilterra (tutto questo fa impallidire la strana accozzaglia di arrabbiati contestatori kafkiani), tutti questi fatti hanno rapidamente smentito le previsioni dei soliti sospetti 'circa la bassa affluenza e le massicce manifestazioni anti-papa”.
In effetti, le voci fuori del coro delle cosiddette élites culturali dalla Gran Bretagna, come il celebre ateo Richard Dawkins e altri che lo storico inglese Michael Burleigh ha recentemente descritto come "cacciatori di riflettori" e prodotti di un "provincialismo soddisfatto di sé" sono stati relegate ai margini. Come ha detto David Cameron, Benedetto "ha sfidato tutto il paese a sedersi e pensare."
Naturalmente il successo della visita di Benedetto non significa che la Gran Bretagna si appresta a tornare alle sue radici cristiane. In realtà, la tentazione è quella di dire che oggi la Gran Bretagna rappresenta un possibile - e piuttosto deprimente- futuro europeo.
In un articolo di benvenuto alla visita di Benedetto in Gran Bretagna, il rabbino capo del Regno Unito Jonathan Sach ha osservato: "che si accetti o meno la definizione di “società in frantumi”, non va tutto bene nella Gran Bretagna contemporanea". I fatti che sono stati citati da Sach fanno riflettere. Nel 2008, il 45 per cento dei bambini inglesi sono nati fuori dal matrimonio; 3.900.000 sono bambini che vivono in povertà, il 20 per cento dei decessi tra i giovani dai 15 ai 24 sono suicidi, nel 2009, 29,4 milioni gli antidepressivi sono stati dispensati, 334 per cento in più dal 1985 .
Tale è il frutto di una cultura profondamente secolarizzata, über-utilitaristica che tollera i cristiani fino a quando iniziano a mettere in pericolo la coerenza della società che non può parlare di verità e di errore, di bene e di male, salva nel gergo debole tutto ciò che passa per correttezza politica in un dato momento.
Ma quello che pochi commentatori hanno colto è che Benedetto ha da tempo previsto che, per almeno un'altra generazione, questa potrebbe essere la realtà con cui si confronteranno i cattolici europei e gli altri cristiani che non piegano il ginocchio davanti alla correttezza politica o al laicismo militante. Di conseguenza, Egli sta preparando il cattolicesimo per il suo futuro in Europa, destinato ad essere quello che Benedetto XVI chiama una "minoranza creativa".
La frase, che Benedetto ha usato per diversi anni, viene da un altro storico inglese Arnold Toynbee (1889-1975). La tesi di Toynbee era che le civiltà crollano principalmente a causa di un declino interno piuttosto che di un assalto esterno. “Le civiltà", ha scritto Toynbee, "muoiono per suicidio, non per omicidio".
Le "minoranze creative", Toynbee ha dichiarato, sono ciò che in modo attivo risponde a una crisi di civiltà, e la cui risposta permette a quella civiltà di crescere. Un esempio è la reazione della Chiesa cattolica al collasso dell’Impero romano in Occidente nel 5° secolo d.C., la Chiesa ha risposto conservando la saggezza e la legge di Atene, Roma e Gerusalemme, integrando nel contempo le tribù germaniche di invasori in una comunità religiosa universale. La civiltà occidentale è stato così salvata e arricchita.
Questa è la visione di Benedetto del ruolo della Chiesa cattolica nell'Europa contemporanea. In realtà, è probabilmente l'unica strategia possibile. (...)
Un'altra opzione, naturalmente, è il "cattolicesimo liberale". Il problema è che il cattolicesimo liberale (che è teologicamente indistinguibile da protestantesimo liberale) ha più o meno collassato (come il protestantesimo liberale) in tutto il mondo. Per la prova, basta visitare i Paesi Bassi, il Belgio, o qualcuna di quelle sempre più rare diocesi cattoliche il cui vescovo guarda agli anni ‘60 e ‘70 come il culmine della civiltà occidentale.
Anche l'Economist (che stranamente ondeggia tra profonda intuizione e ignoranza imbarazzante quando si tratta di commenti di carattere religioso) ha recentemente osservato che i "cattolici liberali" stanno scomparendo. Molto tempo fa, l'ormai beatificato John Henry Newman ha sottolineato l’essenziale incoerenza del cristianesimo liberale. Il futuro del cattolicesimo liberale è quello di tutte le forme di cristianesimo liberale: un declino inesorabile, l'incapacità di “replicare se stessi”, e la loro progressiva riduzione ad essere pittoreschi accessori di cause sinistrorse alla moda o passivi dispensatori di programmi di welfare finanziati dallo stato.
Per contro, la strategia della "minoranza creativa" di Benedetto riconosce, anzitutto, che per essere un cattolico attivo in Europa è ora, come il Cardinale André Vingt-Trois di Parigi, scrive nella sua "Une missione de liberté" (2010), una scelta piuttosto che una questione di conformità sociale . Questo significa che i cattolici praticanti europei in futuro saranno credenti attivi perché hanno scelto e vogliono vivere l'insegnamento della Chiesa. Queste persone non possono fare marcia indietro quando si tratta di discutere questioni controverse di interesse pubblico.
In secondo luogo, l'approccio minoranza creativa non è solo per i cattolici. Essa attira i non cattolici parimenti convinti che l'Europa ha dei problemi moderni che, come il rabbino Sach, "non possono essere risolti con la spesa pubblica".
Un esempio lampante è il metropolita Hilarion Alfeyev, presidente del Patriarcato ortodosso di Mosca del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa. Un uomo profondamente colto, che è completamente non-intimidito né dai cristiani liberali né dai laicisti militanti, Hilarion ha chiaramente osservato la Chiesa cattolica in Europa, perché egli crede che, soprattutto con Benedetto, e sa si è impegnata a "difendere i valori tradizionali del cristianesimo", ripristinando "un'anima cristiana per l'Europa", ed è "impegnata nella difesa comune dei valori cristiani contro il secolarismo e del relativismo". Allo stesso modo, europei non-credenti di spicco, come i filosofi Jürgen Habermas e Marcello Pera hanno affermato che l’origine essenzialmente cristiana dell’Europa e pubblicamente concordato con Benedetto che l'abbandono di queste radici è la via europea al suicidio culturale.
Infine, le minoranze creative hanno il potere di risuonare nel tempo. Non è un caso che durante il suo viaggio inglese Benedetto pronunciato un importante discorso a Westminster Hall, il sito del processo spettacolo di Sir Thomas More nel 1535.
Quando Tommaso Moro s’ergeva quasi da solo contro la brutale demolizione di Enrico VIII della libertà della chiesa in Inghilterra, molti respinsero la sua resistenza come un gesto disperato. Moro, tuttavia, si rivelò essere minoranza creativa formata da un solo uomo. Cinquecento anni dopo, Moro è considerato da molti cattolici e non cattolici come modello per i politici. Al contrario, nessuno si ricorda di quei vescovi inglesi che, con l'eccezione eroica del vescovo John Fisher, si prostrarono davanti al re-tiranno.
E forse questo è il significato ultimo della minoranza creativa di Papa Benedetto. A differenza dell’élites autoreferenziali e blateranti dell'Europa occidentale, Benedetto non pensa in termini di notizie che durano un ciclo di 24 ore. Non poteva interessargli di meno fare pubblicità a se stesso o i titoli dei giornali. La sua opzione per minoranza creativa è lungimirante.
La lungimiranza vince sempre. Questo è qualcosa che le celebrità non capiranno mai.

 

Scegli un argomento

  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:  Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it