BastaBugie n°44 del 22 agosto 2008

Stampa ArticoloStampa


LA CERIMONIA DI INIZIO OLIMPIADI: TUTTO TAROCCATO, PURE LA BAMBINA CHE CANTAVA CON VOCE NON SUA...
Dalla bimba che cantava in playback ai fuochi artificiali già registrati.
Fonte: fonte non disponibile, 13 agosto 2008

Una cerimonia di apertura "taroccata" in perfetto stile "made in China". A cominciare dall'ugola d'oro, Lin Miaoke, la bambina che all'apertura dei Giochi Olimpici ha incantato e commosso con il suo canto i 90mila spettatori dello stadio Nido d'Uccello. Peccato che la piccola ha soltanto mimato il testo della canzone patriottica esibendosi nel più classico dei playback modello Sanremo anni '80. Le parole erano state interpretata in realtà da un'altra bimba, esclusa dall'emozione di quel giorno perché ritenuta «non abbastanza telegenica». Molto spettacolari invece alcune immagini di quella stessa cerimonia, trasmesse dalle tv di tutto il mondo, ma che erano state precedentemente registrate per essere poi messe in onda. Lo ha rivelato Wang Wei, vice presidente del Comitato organizzatore di Pechino 2008. In particolare erano state «preconfenzionate» le 29 gigantesche figure di fuoco che, simili a impronte di piedi, si muovevano dal cielo sopra a piazza Tiananmen, fino al "Nido d'Uccello". Quelle 29 impronte, tante quante le edizioni ufficiali delle Olimpiadi moderne, non sarebbero nemmeno state create con i fuochi d'artificio, vera e propria gloria dell'artigianato cinese, bensì disegnate al computer. Un lavoro scrupoloso e minuzioso per dare allo spettatore attento il senso della diretta, riproducendo la caratteristica foschia della capitale cinese e l'effetto in movimento, tipico delle riprese aeree. «In tanti hanno pensato che quelle immagini fossero riprese dal vivo - ha spiegato Gao Xialong, responsabile degli effetti di animazione della cerimonia - . Così facendo, abbiamo realizzato la nostra missione». Missione compiuta anche per quanto riguarda lo scarso pubblico negli stadi durante le gare: arruolati volontari, alias spettatori tarocchi, con il compito di tifare a turno per una squadra o per l'altra.

Fonte: fonte non disponibile, 13 agosto 2008

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.