BastaBugie n°283 del 08 febbraio 2013

Stampa ArticoloStampa


ECCO PERCHE' LA RACCOLTA DI FIRME ''UNO DI NOI'' NON CI ENTUSIASMA
Questa nuova iniziativa del Movimento per la Vita non servirà a nulla, come già successe per l'auspicata modifica dell'articolo 1 del codice civile italiano: chi se la ricorda?
Autore: Marisa Orecchia

Mi giungono dai Centri di aiuto alla vita e dai Movimenti per la vita aderenti a Federvita Piemonte domande sull'iniziativa "Uno di Noi", lanciata dal Movimento per la Vita italiano e sottoscritta in questi giorni da gran parte dell'associazionismo cattolico.
Le domande riguardano non tanto l'opportunità di apporre la propria firma, come singoli, quanto quella di attivarsi per la raccolta di firme, come associazioni pro life.
Domande legittime, vista la situazione delle associazioni piemontesi appartenenti a Federvita, alcune delle quali espulse dal MpV nazionale, e tutte ostracizzate a causa della vicinanza dei loro aderenti al Comitato Verità e Vita.
So bene tuttavia che le domande che mi sono rivolte appartengono alla categoria delle domande retoriche. Tutti infatti, come sempre, anche per la campagna Uno di Noi, si impegneranno. Ci vuol ben altro che l'anatema di Casini per scoraggiare un vero pro life.
E allora firmiamo e facciamo firmare, anche se non possiamo nasconderci alcune perplessità.
Non tanto per l'incertezza del risultato. Le battaglie per la vita vanno fatte, sempre, a prescindere da quelli che possono o sembrano essere i risultati immediati.
Che tuttavia il risultato possa apparire un po' aleatorio lo scrive lo stesso presidente del MpV sul mensile Sì alla Vita del Maggio 2012 " Naturalmente non sappiamo se, una volta raccolte le adesioni, otterremo i provvedimenti richiesti. La nostra speranza è concreta. Ma, in ogni caso, se l'iniziativa avrà una straordinaria partecipazione di popolo, vi sarà già una vittoria sicura per l'effetto educativo derivante dall'occasione di parlare in tutta Europa del più fragile degli umani come "uno di noi" e perché finalmente dovrà essere ascoltata in Europa la voce di chi non ha voce" (pag. 16).
L'articolo 11 del Trattato di Lisbona, da cui prende avvio questa petizione, non prevede infatti per le Istituzioni europee l'obbligo di attuare quanto richiesto dalle firme raccolte, in questo caso la cessazione delle sperimentazioni sugli embrioni umani, ma solo il compito di organizzare un dibattito nel merito.
Che non è poco, ovviamente, anche se questa Europa che misconosce le radici cristiane, che stigmatizza e minaccia gli Stati membri che non assicurano libertà di aborto, che cofinanzia congruamente le politiche antivita dell'UMPFA, che spinge a favore del riconoscimento e del matrimonio delle coppie omosessuali e quindi della disgregazione della famiglia, lascia ben poco a sperare sull'esito di un serio e pubblico dibattito sul rispetto dell'embrione umano.
Ma non è questo il punto.
Il punto è che un vero movimento pro life non mette in atto un grande schieramento di popolo e di associazioni per chiedere la cessazione delle sperimentazioni sull'embrione umano.
Un vero Movimento pro life non può limitarsi a chiedere la cessazione delle sperimentazioni.
Deve chiedere la cessazione della produzione di embrioni umani.
Perché è qui la ferita inferta all'umanità di ciascuno di quegli embrioni: l'essere stati prodotti come oggetti, avviati all'impianto o soprannumerari, destinati in minima percentuale alla nascita, prodotti per lo più per la morte.
Che siano usati per le sperimentazioni, trattati come carne da laboratorio, è solo uno degli insulti, il più ripugnante forse, ma proprio per questo da tutti immediatamente percepibile, cui possono essere assoggettati.
E' la fivet, produzione di embrioni fuori del grembo materno, la madre di tutte le ingiustizie che l'embrione, una volta prodotto, è costretto a patire. La fivet in sé, anche con tutti i paletti e i distinguo con cui vogliono abituarci a considerarla.
Certo, una battaglia contro al fivet è una battaglia immane, impopolare perché tocca interessi consolidati, incompresa perche urta contro il buonismo di troppi – che male c'è a dare un figlio ad una coppia che lo desideri?- ma è una battaglia cui un vero movimento per la vita non dovrebbe sottrarsi.
E invece, come al solito, assistiamo ad una piccola battaglia di retroguardia.
Che al di là dei risultati, che pure ci si augura che almeno in sede politica ci siano, in campo educativo produrrà una sorta di eterogenesi dei fini. Sarà sì l'occasione di " parlare in tutta Europa del più fragile tra gli umani come "uno di noi",come scrive Casini, ma servirà soprattutto a consolidare l' opinione, già diffusa, che della fivet, cosa buona in sé, siano da riprovare solo alcuni esiti aberranti, quali la sperimentazione sugli embrioni.

Nota di BastaBugie: per la valutazione dell'iniziativa "Uno di noi" possiamo ricordare a cosa è servita qualche anno fa la raccolta di firme promossa dal Movimento per la vita e dal Forum delle Famiglie. Quelle firme servirono per la presentazione di un disegno di legge d'iniziativa popolare per la modifica dell'art. 1 del Codice Civile con lo scopo di attribuire la qualità di persona all'embrione umano. Di fatto quella iniziativa non servì a nulla se non a raccogliere qualche indirizzo a cui inviare "Sì alla vita" il giornalino del Movimento per la Vita finanziato interamente dalla CEI. Allora ci chiediamo: davvero hanno qualche efficacia queste iniziative? Davvero incidono nella formazione della pubblica opinione? Oppure servono soltanto per dare un tono ad associazioni fiacche e senza idee concrete? Iniziative di questo tipo sono conosciute solo all'interno del mondo cattolico e non sono minimamente percepiti all'esterno. Noi siamo convinti che ci voglia altro per imporsi alla pubblica opinione. Ad esempio la grande Marcia per la Vita del 13 maggio 2012 a Roma ha contribuito ad iniziare una nuova stagione per i movimenti prolife italiani e si è imposta all'attenzione generale: tutti i mezzi di comunicazione ne parlarono, da La Repubblica a l'Unità (una pagina intera), dal Tg1 al Tg5, e tanti altri. Avvenire invece riservò qualche misero trafiletto o se ne servì per spostare l'attenzione su iniziative di ben minore respiro.
Per ricordare come andarono gli eventi si possono rileggere gli articoli da noi pubblicati su questo argomento:
http://www.bastabugie.it/it/ricerca.php?testo_ricerca=marcia_per_la_vita
Siamo tutti invitati a partecipare il 12 maggio 2013 a Roma alla Marcia per la Vita che si imporrà anche stavolta all'attenzione di tutti i mezzi di comunicazione e servirà a dare slancio a tutti coloro che credono nell'importanza della battaglia a favore della vita senza se e senza ma.

Fonte: Federvita Piemonte, 08/01/2013

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.