BastaBugie n°604 del 20 marzo 2019

Stampa ArticoloStampa


CRISTO PARLA ATTRAVERSO IL SACERDOTE
Ma siamo obbligati a fare quello che il sacerdote ci dice nella confessione? E se va contro il Magistero?
Autore: Padre Angelo

Gentile Padre Angelo,
nell'amministrazione del sacramento della Confessione, come negli altri Sacramenti, il sacerdote agisce "in Persona Christi". Questo significa che bisogna considerare tutto quello che il Sacerdote dice dall'inizio alla fine del Sacramento come se fosse stato detto da Cristo stesso? Cristo parla attraverso il Sacerdote? Se il Sacerdote dice qualcosa che va contro il Magistero?
Distinti saluti.
Marchesini

RISPOSTA DEL SACERDOTE

Caro Marchesini,
il sacerdote agisce in persona Christi soprattutto nel momento in cui proferisce le parole dell'assoluzione, nello stesso modo in cui agisce in persona Christi nel momento della Preghiera eucaristica, e in particolare quando proferisce le parole consacratorie.
E come nell'omelia durante la Messa il sacerdote può andare fuori strada (e in questo caso non va ascoltato), così si deve fare anche a proposito di quanto viene detto in confessionale. Se un sacerdote si discosta dalla dottrina del Magistero, non va ascoltato.
Inoltre va ricordato che le parole del il Sacerdote, sebbene siano molto importanti per chi si sta confessando, non fanno parte della materia (contrizione, accusa, penitenza) o della forma del sacramento (le parole dell'assoluzione proferite dal sacerdote). Rientrano nel rito, come quelle dell'omelia durante la Messa. Pertanto non hanno il carisma dell'infallibilità.
Le parole di esortazione o di illuminazione che il sacerdote dice al penitente dopo che questi ha fatto l'accusa dei peccati rientrano nel compito di medico, di padre e di maestro che il sacerdote è chiamato a svolgere.
E come da un punto di vista umano c'è un medico, un padre o un maestro più bravo di un altro, così può succedere anche per il confessore.
E per questo non è sbagliato scegliere un confessore piuttosto che un altro.
Tuttavia, per quanto riguarda l'assoluzione dei peccati, quella data da qualunque prete, purché sia legittimato ad ascoltare le confessioni, è del medesimo valore dell'assoluzione del prete più santo e più dotto.
Ti saluto, ti ricordo nella preghiera e ti benedico.

Titolo originale: Se si debba sempre ascoltare quanto il sacerdote dice in confessione
Fonte: Amici Domenicani, 26/05/2006

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.