BastaBugie n°702 del 03 febbraio 2021

Stampa ArticoloStampa


SANTA CATERINA D'ALESSANDRIA, MARTIRE E SPOSA DI CRISTO
Da adolescente ebbe il dono del matrimonio mistico con Gesù e rivelò a Santa Giovanna d'Arco (insieme a santa Margherita d'Antiochia e san Michele Arcangelo) la missione di salvare la Francia
Autore: Cristina Siccardi

Di santa Caterina d'Alessandria, la cui memoria liturgica facoltativa ricorre il 25 novembre, nata probabilmente nel 287 e morta martire ad Alessandria d'Egitto nel 305 circa, si hanno scarne notizie documentarie, per tale ragione sono nate diverse tradizioni, anche popolari. Le fonti scritte sono tutte posteriori alla sua vita: la più antica è una Passione in greco del VI-VII secolo, ne segue un'altra dell'XI secolo e la Legenda Aurea, che risale al XIII.
Si trattava, per certo, di una bella giovane egiziana. La Legenda Aurea precisa che era la figlia del re Costa, il quale la lasciò orfana giovanissima, e che fu istruita fin dall'infanzia nelle arti liberali, come venivano definiti gli studi di secondo grado nel Medioevo. Caterina venne chiesta in sposa da diversi uomini di rilevante importanza, ma ebbe in sogno la visione della Madonna con il Bambino che le infilava l'anello al dito facendola sponsa Christi.
Nel 305 un imperatore romano tenne grandi festeggiamenti in proprio onore ad Alessandria. Anche se la Legenda Aurea parla di Massenzio (278 - 312), molti ritengono che si tratti di un errore di trascrizione e che l'imperatore in questione fosse invece Massimino Daia (285 ca. - 313), che proprio nel 305 fu proclamato Cesare per l'Oriente. Fu in quell'occasione che Caterina si presentò al palazzo imperiale durante i festeggiamenti, nel corso dei quali si celebravano riti pagani con sacrifici di animali in adorazione degli dèi, ai quali partecipavano anche molti cristiani per paura delle persecuzioni. Non solo Caterina rifiutò quegli atti, ma chiese all'Imperatore di riconoscere Gesù Cristo come redentore dell'umanità, argomentando il suo invito con cognizione di causa, profondità filosofica e capacità oratoria, tanto che l'Imperatore, colpito sia dalla bellezza, sia dalla cultura della giovane nobile, convocò un gruppo di retori affinché la convincessero ad onorare gli dèi e la chiese addirittura in sposa. Ma i retori non riuscirono a convertirla, addirittura furono loro, grazie all'eloquenza e alla santità di Caterina, ad essere convertiti al Cristianesimo. Fu così che l'imperatore ordinò la loro condanna a morte e dopo l'ennesimo rifiuto di Caterina la condannò al supplizio della ruota dentata; ma lo strumento di tortura si ruppe e Massimino decise quindi di farla decapitare. Dal corpo invece di uscire sangue sgorgò latte, simbolo della sua purezza.
Secondo un'altra versione, il corpo di Caterina fu trasportato dagli Angeli sul monte Sinai, dove, nel VI secolo, l'imperatore Giustiniano (482-565) fondò il monastero, originariamente chiamato «della Trasfigurazione», e successivamente dedicato a lei, il celebre «Monastero di Santa Caterina d'Alessandria».
Soltanto a partire dal IX secolo la devozione per la santa divenne molto popolare e ciò è particolarmente attestato dalle testimonianze iconografiche.
Nel periodo in cui si è sviluppato il pensiero illuministico-ateista o agnostico si sono gettate moltissime ombre sulla storicità del personaggio. [...] Con gli anni Sessanta ebbe inizio un riesame di molte figure di santi dei primi secoli della Cristianità; lo spirito positivista, infatti, penetrò nella Chiesa e lo scientismo storicista prevalse sulla tradizione della Chiesa stessa, tanto che santa Caterina d'Alessandria, insieme ad altre figure, non venne più resa degna di rientrare nel Martirologio Romano e si decise di eliminarla fra il 1962 e il 2002, senza tuttavia mai proibirne la venerazione, a motivo dell'enorme devozione a lei rivolta lungo i secoli in tutta la cattolicità. Nel 2003 santa Caterina, secondo giustizia, venne reinserita nel Martirologio fra i martiri da papa Giovanni Paolo II (1920-2005).

Nota di BastaBugie: Ermes Dovico nella rubrica Santo del giorno su La Nuova Bussola Quotidiana pubblicato il 25 novembre 2020 racconta alcuni particolari interessanti di Santa Caterina.
È tra le martiri più rappresentate fin dall'Alto Medioevo e onorata con la dedicazione di moltissime chiese. Santa Caterina d'Alessandria (c. 287-305) visse in uno dei centri culturali e religiosi più importanti dell'antichità e fu «ricolma di acuto ingegno, sapienza e forza d'animo», come ricorda il Martirologio Romano.
La più antica fonte scritta che si conosce sul suo martirio risale al VI secolo, cui hanno fatto seguito altri testi agiografici come la Legenda Aurea del beato Jacopo da Varagine. La tradizione riferisce che Caterina era una giovane di grande bellezza e intelligenza, dottissima in filosofia e religione. Ancora adolescente, ebbe il dono del matrimonio mistico con Gesù. [...]
Oltre alle molteplici attestazioni dell'antichità del culto, va ricordato che la vergine e martire egiziana era carissima a sante come la mistica spagnola Caterina Tomás (1531-1574), Angela Merici (1474-1540) e Giovanna d'Arco (1412-1431). Quest'ultima affermò di aver avuto - dai 13 anni in poi - locuzioni e visioni di santa Margherita d'Antiochia, san Michele Arcangelo e appunto santa Caterina d'Alessandria, che consigliò la futura patrona di Francia anche durante il suo processo.
Un'altra grande mistica devota di Caterina d'Alessandria è santa Matilde di Hackeborn (c. 1240-1298), che ebbe un'apparizione dell'antica martire nel giorno della sua festa: le apparve «tutta avviluppata in un manto coperto di ruote d'oro...», si legge nel Libro della Grazia speciale, basato sulle rivelazioni di Matilde. La religiosa tedesca intrattenne con Caterina un dialogo sul significato di un canto in suo onore, sulle sue nozze mistiche con Gesù e sull'Eucaristia. Caterina, tra l'altro, rispose così a una domanda di Matilde: «[...] La mia bellezza è quello splendore e quella dignità che Cristo diffonde sopra i suoi fedeli, ornandoli della ricca porpora del suo Sangue. Orbene, sappi che questo splendore si rinnova e si accresce ad ogni Santa Comunione; chi si comunica una volta raddoppia questo splendore; ma chi si comunica cento e mille volte, altrettanto aumenta questa bellezza dell'anima sua».

Titolo originale: Caterina d'Alessandria. La martire che la falsa lettura femminista identificò con Ipazia
Fonte: Radio Roma Libera, 18 novembre 2020

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.