BastaBugie n°711 del 07 aprile 2021

Stampa ArticoloStampa


LETTERE ALLA REDAZIONE: SONO RAZZISTA SE SONO CONTRARIO AI MOVIMENTI ANTIRAZZISTI?
Il vero obiettivo dei BLM (Black Lives Matter) è l'attacco alle forze dell'ordine, per costruire un nuovo disordine rivoluzionario e distruttivo di ogni autorità (VIDEO: Back the Blue di Camille & Haley)
Autore: Giano Colli

Cari amici di BastaBugie,
seguo da anni il vostro benemerito sito che ci informa in maniera semplice, ma allo stesso tempo approfondito sui vari temi di attualità e non solo. Mi capita spesso di condividere i vostri articoli con le persone che conosco ed ho consigliato a molti di iscriversi alla vostra newsletter. Grazie per quello che fate per noi gente normale, stordita dalla cultura dominante.
Vi scrivo per porvi una domanda alla quale per ora non sono riuscito a dare una risposta soddisfacente. La questione riguarda il movimento BLM che in America ha organizzato tante manifestazioni antirazziste per portare l'attenzione sulla morte di George Floyd nel 2020, ucciso da dei poliziotti bianchi. BLM sta per Black Lives Matter e significa "le vite dei neri contano".
Vengo alla domanda: ho visto diversi video su queste manifestazioni (ad esempio questo, clicca qui) ed ho visto azioni violente dei partecipanti. A me sembra che combattere il razzismo con manifestazioni violente contro i poliziotti in generale sia negativo. Ora però se io mi sento contrario a tali manifestazioni antirazziste, vuol dire che io sono razzista? Un amico mi ha accusato di esserlo, ma io non mi sento tale. Conosco diversi neri e non ho problemi a stare con loro. Certo sono contro l'immigrazione incontrollata a cui assistiamo in questi anni in Italia, ma non sono contro le persone di colore... semmai temo l'immigrazione dei musulmani, ma per motivi non dipendenti dal colore della pelle (l'islam si presenta come religione di pace e invece è tutt'altro, come giustamente tanti vostri articoli mettono in evidenza).
Insomma, per favore, vi chiedo se potete darmi un po' di conforto: se sono contro gli antirazzisti sono un razzista oppure sono nel giusto?
Con affetto e gratitudine,
Vincenzo

RISPOSTA DEL DIRETTORE

Caro Vincenzo,
grazie per la fiducia e l'affetto con cui ci segui.
Vorrei subito rassicurarti: non sei razzista! I movimenti cosiddetti "antirazzisti" partono dalla certezza che loro sono i "buoni", quindi tutti gli altri sono i "cattivi". È un vizio comune alla sinistra, in qualunque parte del mondo si trovi: partire da una superiorità morale, che in realtà è tutta da dimostrare.
Il movimento BLM (Black Lives Matter) è stato presentato dai mezzi di comunicazione come organizzatore di manifestazioni pacifiche per definizione. Ma la realtà è ben diversa. Epico è stato il servizio della CNN dove la scritta in sovraimpressione diceva "Manifestazioni pacifiche dei BLM", mentre dietro al giornalista davano fuoco ai cassonetti e distruggevano vetrine. Per approfondire l'argomento puoi leggere il nostro precedente articolo "La verità che ci nascondono sul Black Lives Matter" (clicca qui!).
Comunque per avere una riprova che non sei razzista per il solo fatto di essere contrario al BLM basta che pensi al movimento che vi si oppone. Ebbene non si chiama White Lives Matter (le vite dei bianchi contano), bensì Blue Lives Matter, dove "blues" sta per "i poliziotti" dal colore delle loro divise. Viene così svelato il vero obiettivo del BLM e cioè l'attacco alle forze dell'ordine, per costruire un nuovo disordine rivoluzionario e distruttivo di ogni autorità. Infatti gli appartenenti al BLM distruggono statue, assaltano negozi, profanano chiese. Insomma niente di buono o di costruttivo e assolutamente niente a che vendere con l'opposizione al razzismo. Del resto le manifestazioni prendono spunto da fatti di cronaca dove poliziotti bianchi arrestano i neri, ma nella polizia americana ci sono tantissimi neri, asiatici, ispanici. Insomma l'America è una società multirazziale e la polizia arresta le persone indipendentemente dal colore della pelle e se ci sono isolati episodi di razzismo questi sono già puniti dalle leggi e dalle autorità.
Mi piace concludere invitandoti a vedere il seguente video con la canzone "Back the Blue" di Camille & Haley, un interessante duo formato da sorelle cantautrici di musica country e religiosa. Il loro padre è un pastore protestante e compare nei loro video insieme alla moglie e agli otto figli, tre maschi e cinque femmine, di cui Camille & Haley sono le più famose grazie ai tanti concerti e ai cinque album pubblicati fino ad oggi: tre sono country-pop, uno è cristiano contemporaneo e l'ultimo contiene brani natalizi con pezzi originali (per comprarli clicca qui oppure scrivi a camilleandhaley@gmail.com; ricorda di aggiungere 20 euro per le spese di spedizione dall'America all'Italia).
Nelle elezioni del 2020 Camille & Haley hanno sostenuto la rielezione di Trump con un video che ha avuto trenta milioni di visualizzazioni nelle varie piattaforme (per vederlo su YouTube, clicca qui).
Ed infine ecco qui sotto il video "Back the Blue" di sostegno alla polizia nel quale si vedono poliziotti veri.
Al termine del video troverai il testo della canzone e una nostra traduzione italiana.


https://www.youtube.com/watch?v=LD7JzlQkn1Q

BACK THE BLUE
di Camille & Haley


We will back the blue!
Who's gonna be there for you 24/7, even holidays?
Our minutemen of today, this department takes no breaks.
Who's gonna stand for justice, running toward the bullets when we call?
They give their lives, risk it all, and we never know their names.
911! It's an emergency.
Wake up! They're fighting for you & for me.
Don't give up, it's time we defend & remind them.
We will always stand beside you.
We will back the blue!
Who are these men and women dressed up in the line of fire each day?
Someone's dad, someone's mom, someone's daughter, someone's son.
What makes them fight for strangers, holding up the laws that keep us safe?
Keeping peace in our streets, always one phone call away.
911! It's an emergency.
Wake up! They're fighting for you & for me.
Don't give up, it's time we defend & remind them.
We will pray & stand behind you.
We will back the blue!
My father always told me show them respect.
Look in their eye, shake their hand & say "thank you, thank you, thank you, thank you".
Thank you for all that you've done.
911! It's an emergency.
Wake up! They're fighting for you & for me.
Don't give up, it's time we defend & remind them.
We will always stand beside you.
We will back the blue!
We will back the blue!

TRADUZIONE IN ITALIANO

Sosterremo i poliziotti!
Chi è lì per te 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anche nei giorni festivi?
I nostri minutemen (*) di oggi, questo dipartimento non si prende pause.
Chi difenderà la giustizia, correndo verso i proiettili quando chiameremo?
Danno la vita, rischiano tutto e non sappiamo mai i loro nomi.
911 (**)! È un'emergenza.
Svegliati! Stanno combattendo per te e per me.
Non arrenderti, è ora di difenderli e ricordarli.
Saremo sempre al tuo fianco.
Sosterremo i poliziotti!
Chi sono questi uomini e queste donne che stanno ogni giorno sulla linea del fuoco?
Il papà di qualcuno, la mamma di qualcuno, la figlia di qualcuno, il figlio di qualcuno.
Cosa li fa combattere per gli estranei, facendo rispettare le leggi che ci tengono al sicuro?
Mantengono la pace nelle nostre strade, mentre una telefonata li fa partire.
911! È un'emergenza.
Svegliati! Stanno combattendo per te e per me.
Non arrenderti, è ora di difenderli e ricordarli.
Pregheremo e saremo sempre al tuo fianco.
Sosterremo i poliziotti!
Mio padre mi ha sempre detto di mostrare loro rispetto.
Guardali negli occhi, stringigli la mano e dì "grazie, grazie, grazie, grazie".
Grazie per tutto quello che avete fatto.
911! È un'emergenza.
Svegliati! Stanno combattendo per te e per me.
Non arrenderti, è ora di difenderli e ricordarli.
Saremo sempre al tuo fianco.
Sosterremo i poliziotti!
Sosterremo i poliziotti!

(*) I "minutemen" erano i membri della milizia delle Tredici colonie americane, che dovevano essere pronti per la battaglia con preavviso di un minuto.
(**) 911 è il numero telefonico di emergenza in America. Permette di essere collegati ad una centrale operativa che è in grado di localizzare le chiamate e di gestire qualsiasi richiesta di soccorso, inviando forze di polizia, vigili del fuoco o soccorso sanitario.

DOSSIER "LETTERE ALLA REDAZIONE"
Le risposte del direttore ai lettori

Per vedere tutti gli articoli, clicca qui!

Fonte: Redazione di BastaBugie, 7 aprile 2021

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.