BastaBugie n°737 del 06 ottobre 2021

Stampa ArticoloStampa


VIETATO PROFESSARE LA FEDE CRISTIANA SUI CAMPI DI CALCIO
Lo prevede una clausola sul contratto del talento brasiliano Neymar con il Paris Saint-Germain dei ricchi emiri musulmani del Qatar
Autore: Federico Cenci

Vietato professare pubblicamente la propria fede cristiana. Succede in qualche dispotismo comunista o nell'Afghanistan dei talebani? No, o meglio non solo lì: succede anche - certo, con conseguenze per l'eventuale trasgressore molto meno efferate - nella squadra di calcio Paris Saint-Germain del magnate del Qatar, Nasser Ghanim Al-Khelaïfi. Secondo quanto riferito dal quotidiano spagnolo El Mundo, il talento brasiliano Neymar da Silva Santos Júnior, noto a tutti semplicemente come «Neymar», riceverebbe 5 milioni di sterline all'anno in aggiunta a uno stipendio faraonico a condizione che eviti qualsiasi «propaganda politica o religiosa» che potrebbe offuscare l'immagine e l'unità del club calcistico.

LA FEDE DI NEYMAR
Si tratta di una «clausola etica», che inoltre proibisce a Neymar di esprimere «qualsiasi commento negativo» sul Paris Saint-Germain, «su chi ci lavora e su chi lo sostiene», e gli richiede di tenere «un comportamento esemplare». L'asso brasiliano deve pertanto essere corretto sul rettangolo di gioco, «cortese, puntuale», nonché «amichevole e disponibile con i tifosi». Tutti requisiti base, che qualsiasi appassionato di sport si aspetta dagli atleti, ci mancherebbe altro. Ma a Neymar questa "normalità" frutta parecchio: se rispetta la clausola, oltre alle 490mila sterline a settimana - riferisce El Mundo -, il calciatore riceverebbe altre 461.947 mila sterline lorde al mese, che equivalgono appunto a 5,5 milioni all'anno.
Desta però grande curiosità che, oltre ad aspetti comportamentali che si confanno a uno sportivo modello, a Neymar sia richiesto pure di nascondere la propria fede. In passato, quando militava nel Barcellona, l'attaccante brasiliano ha spesso professato di essere cristiano. «La vita ha senso solo quando il nostro ideale più alto è servire Cristo», disse una volta, secondo quanto riporta il britannico Daily Mail.
Lo stesso tabloid rivela che il percorso di fede di Neymar sarebbe iniziato quando il campione era molto giovane, per via di una donazione della Chiesa evangelicale locale che consentì a lui e ai suoi compagni delle giovanili del Santos, squadra brasiliana in cui mosse i primi calci, di avere un campo da gioco nuovo. Un pastore evangelicale del suo quartiere d'origine, a San Paolo del Brasile, ha rivelato quattro anni fa che Neymar, con il nuovo lauto stipendio percepito a Parigi, avrebbe donato alla Chiesa ogni anno circa 15mila sterline.

LA FIFA HA FIFA
Ma non è la prima volta che la fede di Neymar viene censurata. Prima di approdare al Paris Saint-Germain, nel 2015, gli era già accaduto. Durante i festeggiamenti in campo per la vittoria della Champions League ottenuta con il Barcellona, il centravanti portava una fascetta in fronte con scritto «100% Gesù». L'immagine fece il giro del mondo. Eppure la Fifa ritenne opportuno apportare un grezzo ritocco sulla fronte del campione brasiliano per cancellarne la rivendicazione religiosa. Il motivo addotto? Non urtare la sensibilità dei praticanti di altre fedi.
Sarebbe da chiedere ai vertici della Fifa quali fedeli sono così intolleranti da ritenere offensivo che un calciatore ringrazi Gesù Cristo dopo un successo sportivo. Qualche domanda se la saranno fatta anche i tifosi del Real Madrid nel 2014, dopo che per le medesime ragioni di «non turbare la sensibilità» la dirigenza della squadra eliminò la croce che sormonta il simbolo del prestigioso club spagnolo da ogni prodotto ufficiale venduto negli Emirati Arabi, in Arabia Saudita, Qatar, Kuwait, Bahrein e Oman. Rispetto o censura anticristiana?

Titolo originale: A Neymar è vietato professare la fede cristiana
Fonte: International Family News, 18/09/2021

Stampa ArticoloStampa


BastaBugie è una selezione di articoli per difendersi dalle bugie della cultura dominante: televisioni, giornali, internet, scuola, ecc. Non dipendiamo da partiti politici, né da lobby di potere. Soltanto vogliamo pensare con la nostra testa, senza paraocchi e senza pregiudizi! I titoli di tutti gli articoli sono redazionali, cioè ideati dalla redazione di BastaBugie per rendere più semplice e immediata la comprensione dell'argomento trattato. Possono essere copiati, ma è necessario citare BastaBugie come fonte. Il materiale che si trova in questo sito è pubblicato senza fini di lucro e a solo scopo di studio, commento didattico e ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.