Vai al sito » « Home
BastaBugie n.272 del 23 novembre 2012

LETTERA APOSTOLICA CON LA QUALE VIENE ISTITUITA LA PONTIFICIA ACCADEMIA DI LATINITA'

Il latino Ŕ sempre stato la lingua ufficiale della Chiesa, capace di trasmettere universalmente il messaggio del Vangelo, come ricordato anche dal Beato Giovanni XXIII

di Benedetto XVI

1. La lingua latina Ŕ sempre stata tenuta in altissima considerazione dalla Chiesa Cattolica e dai Romani Pontefici, i quali ne hanno assiduamente promosso la conoscenza e la diffusione, avendone fatto la propria lingua, capace di trasmettere universalmente il messaggio del Vangelo, come giÓ autorevolmente affermato dalla Costituzione Apostolica Veterum sapientia del mio Predecessore, il Beato Giovanni XXIII.
In realtÓ, sin dalla Pentecoste la Chiesa ha parlato e ha pregato in tutte le lingue degli uomini. Tuttavia, le ComunitÓ cristiane dei primi secoli usarono ampiamente il greco ed il latino, lingue di comunicazione universale del mondo in cui vivevano, grazie alle quali la novitÓ della Parola di Cristo incontrava l'ereditÓ della cultura ellenistico-romana.
Dopo la scomparsa dell'Impero romano d'Occidente, la Chiesa di Roma non solo continu˛ ad avvalersi della lingua latina, ma se ne fece in certo modo custode e promotrice, sia in ambito teologico e liturgico, sia in quello della formazione e della trasmissione del sapere.
2. Anche ai nostri tempi, la conoscenza della lingua e della cultura latina risulta quanto mai necessaria per lo studio delle fonti a cui attingono, tra le altre, numerose discipline ecclesiastiche quali, ad esempio, la Teologia, la Liturgia, la Patristica ed il Diritto Canonico, come insegna il Concilio Ecumenico Vaticano II (cfr Decr. Optatam totius, 13).
Inoltre, in tale lingua sono redatti, nella loro forma tipica, proprio per evidenziare l'indole universale della Chiesa, i libri liturgici del Rito romano, i pi¨ importanti Documenti del Magistero pontificio e gli Atti ufficiali pi¨ solenni dei Romani Pontefici.
3. Nella cultura contemporanea si nota tuttavia, nel contesto di un generalizzato affievolimento degli studi umanistici, il pericolo di una conoscenza sempre pi¨ superficiale della lingua latina, riscontrabile anche nell'ambito degli studi filosofici e teologici dei futuri sacerdoti. D'altro canto, proprio nel nostro mondo, nel quale tanta parte hanno la scienza e la tecnologia, si riscontra un rinnovato interesse per la cultura e la lingua latina, non solo in quei Continenti che hanno le proprie radici culturali nell'ereditÓ greco-romana. Tale attenzione appare tanto pi¨ significativa in quanto non coinvolge solo ambienti accademici ed istituzionali, ma riguarda anche giovani e studiosi provenienti da Nazioni e tradizioni assai diverse.
4. Appare perci˛ urgente sostenere l'impegno per una maggiore conoscenza e un pi¨ competente uso della lingua latina, tanto nell'ambito ecclesiale, quanto nel pi¨ vasto mondo della cultura. Per dare rilievo e risonanza a tale sforzo, risultano quanto mai opportune l'adozione di metodi didattici adeguati alle nuove condizioni e la promozione di una rete di rapporti fra Istituzioni accademiche e fra studiosi, al fine di valorizzare il ricco e multiforme patrimonio della civiltÓ latina.
Per contribuire a raggiungere tali scopi, seguendo le orme dei miei venerati Predecessori, con il presente Motu Proprio oggi istituisco la Pontificia Accademia di LatinitÓ, dipendente dal Pontificio Consiglio della Cultura. Essa Ú retta da un Presidente, coadiuvato da un Segretario, da me nominati, e da un Consiglio Accademico.
La Fondazione Latinitas, costituita dal Papa Paolo VI, con il Chirografo Romani Sermonis, del 30 giugno 1976, Ŕ estinta.
La presente Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio, con la quale approvo ad experimentum, per un quinquennio, l'unito Statuto, ordino che sia pubblicata su L'Osservatore Romano.

Fonte: Libreria Editrice Vaticana, 10/11/2012

Pubblicato su BASTABUGIE n.272
Condividi su WhatsApp Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Articoli su "Cristianesimo"

Informativa estesa