Vai al sito » « Home
BastaBugie n.511 del 21 giugno 2017

LE ELEZIONI FRANCESI DIMOSTRANO ANCORA UNA VOLTA CHE LA DEMOCRAZIA E' IL PARAVENTO PER CHI HA POTERE

Macron si aggiudica il 70% dei parlamentari... eppure l'ha votato solo il 15% degli elettori (VIDEO: io non sono democratico)

di Antonio Socci

Giuliano Amato - oggi giudice costituzionale - è una personalità importante e intelligente dell'establishment e, intervistato ieri dal "Corriere della sera", fa capire benissimo qual è la strada da percorrere (esattamente opposta a quella da lui indicata).
Parlando delle elezioni francesi - per esempio - inneggia a Macron grazie al quale il voto di protesta - secondo Amato - avrebbe abbandonato i "populisti" e sarebbe rientrato nei binari giusti (cioè si sarebbe fatto di nuovo abbindolare dall'establishment, votando Macron, il candidato del Palazzo e della Merkel).

UN PICCOLO DETTAGLIO
Sfugge ad Amato un piccolo dettaglio: in Francia il 51,29 per cento degli elettori ha deciso di non andare nemmeno a votare. Significa che solo il 48,71 per cento degli elettori francesi si è recato ai seggi. Se questa non è protesta, se questo non è un gravissimo segno di malessere della democrazia francese, davvero non si capisce più nulla.
Non solo. In quel 48 per cento dei francesi che hanno votato, Macron - il beniamino delle élite - si è preso circa il 32 per cento, che corrisponde al 15,39 per cento del totale degli elettori. I suoi voti effettivi dunque rappresentano una piccolissima parte della Francia.
Ma, con il 15 per cento degli elettori francesi, Macron si aggiudica dai 400 ai 455 seggi su un totale di 557, quindi molto più della maggioranza assoluta: porta a casa circa il 70 per cento dei parlamentari.
Ripetiamo: agguanta il 70 per cento dei parlamentari per aver avuto il voto del 15,39 per cento sul totale degli elettori francesi.
Tutto bene? Tutto normale? Non ravvisate alcun problema? Amato non vede problemi, a tal punto che, nell'intervista citata, arriva a caldeggiare anche per l'Italia il sistema maggioritario francese, cioè proprio il sistema che dà questi "meravigliosi" risultati.
Del resto uno che - come Amato - descrive queste elezioni francesi come "il radunarsi di una larga maggioranza attorno a un giovane che promette governo", non si sa che film abbia visto. Quale "larga maggioranza"? Il 15 per cento del Paese sarebbe una "larga maggioranza"?
In ogni caso questo risultato permette ad Amato di essere "ottimista" sulla tenuta dell'Unione europea. Certo, l'Europa dell'establishment può festeggiare Macron (che è un suo uomo), ma i popoli si allontanano sempre di più.
Amato è il tipico rappresentante di un establishment che definisce sprezzantemente "populismo" le decisioni dei popoli contrarie all'establishment e fa di tutto per neutralizzarle.

LO SCOLLAMENTO TRA POPOLO E ISTITUZIONI
Infatti, in questa intervista, dove egli suggerisce di raccogliersi "attorno alla Germania" per rendere ancora più stretta, (cioè più soffocante) l'Unione europea (cioè la Grande Germania di cui siamo sudditi), Amato arriva a dire che "il Regno Unito potrà e forse dovrà riproporre ai suoi elettori la scelta tra restare e uscire".
Capito l'antifona? La Brexit li ha battuti e loro vogliono annullarla. Se la squadra dell'establishment è uscita sconfitta sul campo, si cancella la partita e la si rigioca finché non la vincono loro (provvedendo prima a terrorizzare gli elettori sulle conseguenze apocalittiche della Brexit, come stanno già facendo, anche grazie agli errori macroscopici di Theresa May).
Al di là del fatto che oggi Amato è un giudice costituzionale, non più un politico, quindi dovrebbe astenersi dai comizi, resta il fatto che il sistema francese è quanto di peggio ci possa essere, perché estromette dal Parlamento partiti che prendono un sacco di voti e regala percentuali bulgare di parlamentari a chi rappresenta il 15 per cento del Paese.
E' il modo migliore per aumentare lo scollamento tra popolo e istituzioni. E' il funerale della democrazia. Non a caso François Mitterrand definì "un colpo di stato permanente" la quinta repubblica francese (anche se poi conquistò lui l'Eliseo e allora se la fece piacere volentieri).
Resta il fatto che quello francese è un sistema assurdo. Non solo perché butta a mare la rappresentatività, cioè la democrazia (e scusate se è poco), ma anche perché non garantisce nemmeno la "stabilità" o "governabilità", per usare le categorie furbesche oggi in voga nel Palazzo.
Lo si è visto con Hollande. Quando sei al potere in un Paese di cui tu rappresenti solo una piccolissima parte, non riesci a tenere insieme la nazione e a governare davvero, perché non hai il consenso della società, sei di fatto delegittimato costantemente. Salta tutto per aria. [...]
Macron ha il Palazzo dalla sua, ma la grande maggioranza del suo Paese sta all'opposizione. Meglio tenersi alla larga da questa pericolosa involuzione della democrazia.
Parigi val bene una messa al bando dell'establishment (e dei sistemi elettorali che esso caldeggia).

Nota di BastaBugie: per approfondire la situazione politica francese attuale, ecco i link ad alcuni interessanti articoli e, alla fine, un video con la canzone "Io non sono democratico" di Povia che parla della democrazia che con l'illusione del voto permette in realtà di comandare ai soliti noti.

CONOSCETE ATTALI, MENTORE DEL PRESIDENTE MACRON?
Favorevole alle peggiori perversioni sessuali, sostiene il poliamore e l'eutanasia (VIDEO: vince Macron, l'Italia perde)
di Costanza Miriano
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=4706

MACRON, LA COMPLETA VITTORIA DEI POTERI FORTI
Le elezioni francesi sono l'ennesima riprova che non si può cambiare il corso della storia rivoluzionaria con gli strumenti della rivoluzione stessa, ovvero all'interno del sistema democratico e dei partiti
di Massimo Viglione
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=4688

ELEZIONI FRANCESI: MACRON E' IL MOZART DELLA FINANZA CHE HA RUBATO LA MOGLIE A UN ALTRO
Forse è necessario in Francia un nuovo Pascal (il quale, a rigor di logica, dimostrava che il cristianesimo è l'unica religione vera)
di Lupo Glori
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=4678

IO NON SONO DEMOCRATICO (di Giuseppe Povia)
Ecco alcune strofe significative della canzone:
"La tua democrazia vuol dire comandare le persone, dargli un padrone con il voto e l'illusione"
"Spiegami perché se non la pensi come me, io rispetto te, ma se non la penso come te, tu non rispetti me"
"La tua democrazia fa passare il tuo pensiero come verità assoluta controllando la mia vita"
Il brano "io non sono democratico" è inserito nel disco NuovoContrordineMondiale. Si può ordinare solo scrivendo a ufficiostampa@povia.net (spedizione via posta).


https://www.youtube.com/watch?v=vFT4ODk2bKs

Titolo originale: E questa sarebbe democrazia? L'establishment vuole escludere il popolo

Fonte: Libero, 14/06/2017

Pubblicato su BASTABUGIE n.511
Condividi su WhatsApp Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Articoli su "Politica"

Informativa estesa