« Torna alla edizione


LA VERITA' CHE CI NASCONDONO SUL BLACK LIVES MATTER
I finti antirazzisti di BLM, alla ribalta dopo la morte di George Floyd, vogliono distruggere le statue di Gesù, ritenute supremazia bianca... mentre in Germania innalzano una statua a Lenin (e nessuno protesta)
di Maurizio Ragazzi

Shaun King, un attivista di Black Lives Matter, ha dichiarato che le statue e le vetrate che rappresentano «l'uomo bianco Gesù e la sua madre europea» [sic!] «devono essere tirate giù in quanto forma di supremazia dei bianchi». Questo appello delirante si commenta da solo e la dice lunga sugli obiettivi del movimento.
Il quadretto che viene solitamente dipinto è quello che, al di là delle frange estremiste, coloro che marciano sotto il motto Black lives matter ("le vite dei neri contano") sono animati dai più alti valori di uguaglianza nel genere umano. Ora, può essere che fra loro ci siano effettivamente dimostranti che si limitano a proclamare il dovuto rispetto per tutti. Ma sarebbe una forzatura presumere che il grosso di chi ripete Black lives matter non sappia a che cosa effettivamente aspiri questo movimento. Le stesse premesse del motto sono fantasiose. Rivendicare che le vite dei neri contano, quasi si trattasse dell'improvvisa rivelazione di una verità che non conoscevamo, presuppone l'assurda convinzione che le persone afro-americane, mentre passeggiano pacificamente per strada, siano prese di mira da poliziotti bianchi che si divertono sadisticamente ad assalirli e, a volte, ad ammazzarli.

LA REALTÀ È BEN DIVERSA
A differenza delle sparatorie fra civili (comprese quelle fra afro-americani), che non di rado prendono in mezzo bambini e terze persone inermi, l'occasionale violenza della polizia (contro afro-americani come contro chiunque altro) avviene in seguito a crimini o altri episodi d'illegalità, per i quali i presunti responsabili erano stati fermati (l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani ha ricordato che l'anno scorso ci sono stati 9 casi di afro-americani disarmati uccisi in scontri con la polizia (contro più del doppio di bianchi), a fronte di 7500 omicidi di afro-americani da parte di altri afro-americani).
Se si verificano colluttazioni e ci scappa il morto, ci sono indagini approfondite e processi volti ad accertare se la polizia abbia o meno applicato una forza ingiustificata. Quindi, il sistema non è razzista, ma al contrario è organizzato in modo tale da permettere che vengano puniti sia i criminali sia i poliziotti che abbiano usato eccessiva violenza, una volta che questa sia stata provata. In parole povere, il vero problema è il crimine (e a volte l'abuso di autorità), non certo il sistema volto al suo accertamento ed alla sua punizione.
Inoltre, non pare proprio che chi marcia sotto lo slogan del Black lives matter sia davvero convinto che le vite di tutti i neri senza eccezione contino. S'ignorano del tutto le vite indifese nel ventre delle loro madri. Eppure, è proprio questo l'unico caso evidente di "razzismo sistemico", dato che il movimento abortista si è caratterizzato, sin dall'inizio, per il suo razzismo. Non sorprende quindi la sproporzione, in rapporto alla percentuale della popolazione, di bambini e bambine di colore fatti a pezzi tramite aborto, nella quasi totale indifferenza; certamente l'indifferenza del Black lives matter, che anzi sostiene la «giustizia riproduttiva» (Alicia Garza in Colorlines, 9 febbraio 2016), una delle tante mistificazioni linguistiche per tentare di giustificare il mai giustificabile crimine di aborto.

MOVIMENTO NEO-MARXISTA E OMOSESSUALISTA
Chi ha analizzato origine e sviluppi del Black lives matter non ha avuto difficoltà ad appurare la sua stessa auto-identificazione come movimento neo-marxista, le cui pretese vanno dalla sottrazione di fondi alla polizia, alla lotta contro il capitalismo, alle riparazioni monetarie da corrispondersi solo in base al colore. Come per movimenti analoghi degli anni passati, queste rivendicazioni si sono accompagnate a violenza, della quale le prime a subirne i danni sono state proprio le comunità afro-americane intente a migliorare la loro condizione economica.
Senza entrare nel merito del profilo biografico delle sue fondatrici, di per se stesso alquanto rivelatore, basta leggere i 13 principi-guida sbandierati dal movimento per rendersi conto di quali siano i suoi veri obiettivi. Fra questi 13 principi, due sono dedicati all'attivismo omosessualista: causa trans-sessuale (transgender affirming) e causa delle "minoranze sessuali" (queer affirming). Due altri principi vanno espressamente contro la famiglia naturale: smantellamento del nucleo famigliare a favore di non meglio identificati villaggi e comunità (black villages) e ridefinizione del ruolo della donna-madre (black families). In poche parole, ci troviamo di fronte al solito ventaglio di rivendicazioni perverse (nel senso etimologico dell'espressione, cioè non orientate verso il bene naturale dell'uomo), questa volta avanzate dietro lo specchietto per le allodole del principio di pari dignità di tutti gli uomini indipendentemente dal colore della loro pelle, principio ovviamente sacrosanto, senza che ci sia bisogno del Black lives matter per ricordarcelo.
In definitiva, di fronte alle marce, le urla, le forme di un nuovo rito pagano (quali l'inginocchiarsi o l'alzare le mani), e l'intimidazione di chi osa pensarla diversamente, tutto questo nel nome del Black lives matter, è opportuno che (nella preghiera per la conversione dei suoi adepti) ci liberiamo dall'illusione che il movimento si limiti a rivendicare l'uguale dignità di tutti e guardiamo invece in faccia la realtà di che cosa effettivamente si proponga di raggiungere, cioè quegli obiettivi sinistri che il movimento proclama apertamente.

Nota di BastaBugie: Giuliano Guzzo nell'articolo seguente dal titolo "C'è chi vorrebbe abbattere le statue di Gesù e chi tira su quelle a Lenin" parla dei sedicenti antirazzisti di Black Lives Matter.
Ecco l'articolo completo pubblicato sul sito del Timone il 25 giugno 2020:
Statue a rischio e qualche imbarazzante statua nuova. Si potrebbe commentare così, con una battuta amara benché realistica, questa strana estate del 2020, che si sta anzitutto aprendo all'insegna del disprezzo per monumenti tacciati di razzismo, accusa, quest'ultima, che ormai può toccare a chiunque. Santi inclusi, come purtroppo dimostra l'abbattimento, nei giorni scorsi a San Francisco, di una statua di san Junípero Serra, il francescano evangelizzatore della California. Un caso? Niente affatto.
Sì, perché ora i sedicenti antirazzisti di Black Lives Matter - il movimento internazionale sedicente antirazzista nato nel 2013 e tornato in auge dopo la morte di George Floyd, avvenuta il 25 maggio scorso a Minneapolis - sembra proprio abbiano preso di mira i simboli cristiani. Lo prova l'imbarazzante uscita di Shaun King, attivista per i diritti civili il quale, rivolgendosi proprio ai simpatizzanti di Black Lives Matter, ha chiesto una mobilitazione per distruggere le statue di Gesù Cristo, ritenute «una forma di supremazia bianca» esercitata su un personaggio che bianco non era.
Farneticazioni, evidentemente, che però non sono purtroppo isolate. Infatti è di queste ore anche un'altra notizia spiazzante: quella di una petizione per togliere dalla medaglia dell'Ordine britannico l'immagine di san Michele. Il motivo? L'immagine ritrae il santo che mette un piede sul collo di Satana, con quest'ultimo che - per posa e tonalità cromatiche con cui è raffigurato - ricorderebbe troppo da vicino George Floyd, sempre lui. Giorno dopo giorno il sedicente sentimento antirazzista sta insomma davvero degenerando dal piano politico a quello psichiatrico.
Ma questa - lo diceva all'inizio - è una estate strana e bizzarra nella quale, accanto a vari monumenti a rischio, ve ne sono anche di freschi di inaugurazione e imbarazzanti. Per esempio, la nuova statua che sabato scorso nella cittadina tedesca di Gelsenkirchen - un centro di 260.000 abitanti non distante da Dortmund - è stata innalzata a celebrare Vladimir Il'ič Ul'janov, più noto come Lenin, il fondatore della più micidiale incarnazione del marxismo nonché il primo capo della Russia sovietica post rivoluzione d'ottobre.
L'idea di questa bizzarra statua - la prima ad essere dedicata al leader comunista in quella che un tempo era la Repubblica Federale Tedesca - è venuta, ça va sans dire, al Partito comunista tedesco. Il tutto, si badi, senza che nessun militante di Black Lives Matter abbia al momento avuto, neppure su Twitter, alcunché da ridire. Il che nella migliore delle ipotesi appare davvero curioso.
Già, perché se da un lato di san Junípero Serra, Gesù Cristo e san Michele non si conosce neppure una vittima - ma si conoscono, al contrario, innumerevoli salvati e graziati -, dall'altro il discorso è assai diverso per Lenin. Basti a questo proposito ricordare come il politologo Rudolph Rummel, cattedratico a Yale, in un suo libro di qualche anno fa (Death by Government, 1994), ascrivesse proprio a Lenin la responsabilità diretta per l'infausta sorte toccata ad oltre 4 milioni di persone, 4.017.000 per la precisione.
Naturalmente le stime di Rummel possono essere discusse; è tuttavia certo che il primo leader sovietico tutto sia stato fuorché un filantropo. Eppure, il partito comunista tedesco ha potuto innalzare un monumento alla sua memoria, dopo che un tribunale locale ha recentemente bocciato il ricorso del Comune, secondo cui il leader bolscevico  è «sinonimo di violenza, oppressione e terrore».
Ne consegue come la cronaca estiva ci consegni uno scenario paradossale tale per cui, da un lato, il macellaio sovietico viene considerato un eroe politico da celebrare con appositi monumenti e, dall'altro, come «sinonimo di violenza, oppressione e terrore» vengono ritenuti i santi, se non Gesù Cristo stesso. Un rovesciamento della realtà vergognoso, che purtroppo, in questa estate ancora alle porte, non si può neppure imputare al caldo.



ASCOLTA (leggo per te)

 
Titolo originale: Cosa vuole davvero il movimento Black Lives Matter?
Fonte: Corrispondenza Romana, 24 Giugno 2020


  • Per ricevere gratis BASTABUGIE

    Email:
    Nome:
    Privacy:   Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR). Autorizzo altresì il sito BastaBugie.it al trattamento dei miei dati personali per l'invio di una newsletter periodica.

FilmGarantiti.it
BASTABUGIE.it